Problemi di coppia

Tradirsi a vicenda

Monica

Condividi su:

Buongiorno, sono mamma di due bimbi di 8 e 1 anno, 3 anni fa dopo la morte di mio suocero mio marito è radicamente cambiato, questo cambiamento a me aveva fatto ingelosire molto e sospettavo dei tradimenti. Tempo fa mio marito decide di cambiare occupazione e si mette in società con un papà della classe di mio figlio, questo socio inizia a frequentare casa nostra e dopo qualche mese vedendoci anche la mattina ad accompagnare i bimbi notiamo molta affinità e un pomeriggio mentre i nostri figli giocavano scatta un bacio.... da lì inizia la nostra relazione clandestina che dopo pochissimo si trasforma in un amore travolgente. Lui essendo ogni giorno a contatto con mio marito mi dice che nasconde qualche cosa ed effettivamente controllando il suo telefono scopro che ha contatti con una ragazza.... lo avviso e lui dopo una litigata furiosa mi confessa altri due tradimenti successi 3 anni fa... nel frattempo io per una sorta di ripicca gli confesso il mio tradimento con il socio e quando avviso il mio amante di essere uscita allo scoperto, anche lui avvisa sua moglie dicendole candidamente chi sono praticamente rovinandomi la vita.... nonostante questo dopo pochi giorni il mio amante e mio marito si incontrano a casa nostra e davanti a me il mio amante rivela tutto l'amore che prova per me a mio marito e mi chiede di lasciarlo per vivere con lui.... io ovviamente dopo 4 mesi di conoscenza, 2 figli io e 2 figli lui prendo tempo, ma lui nn ne vuole sapere e dopo vari tira e molla, decidiamo di troncare il nostro amore... lui nei confronti di mio marito è normale ma sta molto molto male dal momento che ha chiesto un aiuto psicologico mi dice per ritrovare il suo equilibrio... io dopo i tradimenti di mio marito non ho più alcuna fiducia in lui e continuo a pensare al mio amante. Non so più come reagire, mio marito si è riavvicinato molto, ma ogni qualvolta tento di controllargli il telefono scatta come una lepre, io vorrei sentire ancora il mio amante, ma ho paura di fargli del male, ma nello stesso tempo vederlo ogni giorno a scuola fa si che nn lo dimentichi mai... a volte ho addirittura pensato di andare a vivere con lui, ma siamo troppo simili caratterialmente e ho paura sia uno scontro giornaliero e nel nostro piccolo paese sarebbe un delirio... siamo stati troppo onesti con i partner confessando la nostra relazione meravigliosa e l'abbiamo distrutta...

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Romano Firenze (FI)

Gentile lettrice,


la situazione che lei sta affrontando è molto complicata da vivere e da gestire. Fare chiarezza con se stessi è fondamentale per raggiungere la serenità e la tranquillità che sta cercando. Il mio consiglio è quello di prendere delle decisioni e farsi aiutare da uno psicologo nel farlo, ma deve partire da lei, deve sentire il bisogno di fare pulizia nella sua mente e nella sua vita, solo allora capirà qual è la cosa più giusta da fare. Spesso non si sa dove andare e cosa si vuole, ma si sa e si sente che non è quello il posto in cui vogliamo stare. Un saluto

Dott. Paolo Ciotti Monza e Brianza (MB)

Cara Monica la storia che racconta è davvero commovente e coinvolgente. Avete proprio messo in atto una situazione complicata dalla quale è possibile uscire solo mettendo con calma e pazienza ordine. Le valutazioni emotive ed affettive si mescolano con quelle razionali e realistiche e tutto rimane confuso. E' normale, in questo non si preoccupi. Io le darei queste indicazioni:


1. posto che la storia di amore con il suo "amante" è stata importante e travolgente, e ciò indica che lei e lui avete capacità di amare, occorre accettare che per il momento la cosa è bloccata e sospesa. E questo per sua propria volontà.


2. In questo prendersi tempo lei dovrebbe valutare lo stato della relazione col marito. I reciproci tradimenti sono malattie mortali della vostra relazione oppure c'è una speranza di poterla guarire e ripartire?


Se questa domanda ve la ponete entrambi allora ci potrebbero essere le condizioni per una terapia di coppia che vi possa aiutare a capire il futuro del vostro rapporto. Da questo orientamento saprà se prendere in considerazione l'amore travolgente e fugace col suo amante come nuova direzione di vita oppure chiuderlo definitivamente come esperienza bella ma senza futuro e che, anzi, vi avrà permesso di ritrovare la felicità profonda che ha unito un tempo lei e il marito.


Un bravo/a terapeuta di coppia nella vostra zona potrebbe aiutarvi. Ideale poter avere una relazione terapeutica con una coppia di psicoterapeuti. Per maggiori info e approfondimenti sono a disposizione.


 

Dott. Gabriele Cantone Catania (CT)

A proposito dell'onestà a cui si riferisce riguardo l'avervi confessato i tradimenti reciproci , direi che si cela l'estremo tentativo di ritrovare un feeling nella coppia ed una intesa che da qualche tempo avete perso. È piuttosto comune nelle coppie dopo dieci anni di convivenza un calo della passionalità. Probabilmente è correlata al fatto che il ruolo di genitori diventa totalizzante e bisogna ritrovare nella relazione la dimensione della coniugalitá. Se lei e suo marito volete stare insieme potete intraprendere una psicoterapia   di coppia che può aiutarvi a ritrovare il dialogo e favorire la vostra complicità

Salve, secondo me dovrebbe fare tutto quello che riguardi il bene dei suoi due figli. Anche se l'amore per l'amante non può essere messo a tacere, dovrebbe sentire dentro di sè la responsabilità della cura dei bambini, a chi questi poi verrebbero affidati nel caso in cui fosse accettata da lei la relazione con il compagno nascosto e che conseguenze questo poi potrebbe avere sull'attenzione prestata ai bambini, sui sentimenti a loro corrisposti, e sui sentimenti che lei sentirebbe nella nuova relazione. Il clima di fiducia che si instaura tra i compagni è la base per una relazione matura con i figli e per tutto il clima familiare. Faccia tesoro dei miei consigli e non si preoccupi che a tutto c'è una soluzione, basta trovarla dentro di sè

Gentile signora, 


Il suo racconto presenta infiniti spunti di riflessione, a più riprese. Davvero difficile sintetizzare una risposta, basandosi solo su quello che ha scritto, per quanto denso di particolari. La invito, pertanto, ad approfondire il suo caso in altra sede. Nel frattempo, suppongo sia necessario far passare del tempo, far sedimentare gli eventi, in modo da osservarli da una nuova angolazione.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

È normale non avere desiderio sessuale a 31 anni?

Salve, sono Antonia, 31 anni, sposata da 10 anni e con 2 figli di 10 e 4 anni. Da circa 4 mesi non ...

3 risposte
Mancata voglia di avvicinarsi al sesso

Salve ho 32 anni, sto insieme al mio compagno da 8 anni. All' inizio era tutto bellissimo, c'era ...

11 risposte
COME COMPORTARSI CON UN DIPENDENTE DA COCAINA?

Buongiorno, ho 25 anni e sono fidanzata con un ragazzo da 9 anni, convivente da 3. E' cresciuto in ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.