Problemi di coppia

Vorrei ringraziare tutti i dottori per le gentili ed esaustive risposte

Melissa

Condividi su:

In relazione alla precedente mia domanda “Tradimento e senso di colpa“ vorrei ringraziare tutti i dottori per le gentili ed esaustive risposte. I vostri interventi mi hanno aiutato a leggere in maniera diversa la mia esperienza. So bene che è stato un periodo molto confuso, ma proprio grazie a questa confusione, al non ritrovarmi nei canoni e negli stereotipi che avevo sempre avuto di me stessa, ho dovuto confrontarmi (lo sto ancora facendo veramente!) con un’altra me, sicuramente meno perfetta della precedente, ma forse anche un po’ più simpatica. Non andrò mai fiera di quello che ho fatto, ma il passato non si può cambiare e l’unica cosa che posso fare è trarre da questa esperienza tutto il positivo possibile e costruire una persona migliore e più consapevole; non so ancora se sarò capace di affrontare la “ricostruzione” da sola o dovrò affidarmi all’aiuto di un esperto, comunque per maggiore chiarezza, mi permetto di porre ad alcuni di Voi le seguenti domande: - dott. Sabrina Chianelli: nel momento in cui mi consiglia di abbandonare l’idea di perfezione per evitare “fughe dalla realtà”, dichiara che il suo punto di vista su queste fughe è però diverso, me lo può spiegare? - dott. Federica Guagliardo: spesso mi trovo a pensare che se avessi avuto la lucidità di intuire in tempo che il mio collega era un farfallone mi sarei evitata l’esperienza o almeno sarei stata più cauta nel cercarlo e nel parlargli dei miei problemi. Eppure, mi sentivo così sola e angosciata per quello che stavo vivendo a casa, che non posso esserne certa. Nel suo intervento parla di meccanismi inconsci che entrano in gioco in una situazione del genere, me ne può dare una spiegazione, anche non approfondita,o suggerirmi letture in questo senso che possano aiutarmi a fare chiarezza? Lavorando insieme all’altro, devo imparare a mantenere un rapporto distaccato ma civile (soprattutto vista la presenza di altri colleghi che sono completamente all’oscuro del nostro vissuto). -dott. Silvia Polizzi Andreeff: lei mi suggerisce di tenermi stretta la vita che ho preso dal rapporto col collega, di ricordarmela e di godermela. Crede che sia necessario per la mia crescita personale? Non so se ne sarò capace, forse col tempo, e comunque lei pensa che a sporcarne il ricordo siano i miei sensi di colpa, o la certezza che l’altro voleva solo l’ennesima scappatella extraconiugale? Approfitto per ringraziarla sia per l’appoggio sulla scelta di non rivelare a mio marito l’accaduto (laverei solo la mia coscienza, ma non cancellerei il fatto, anzi gli darei maggiore peso) e per il suggerimento di pagare un prezzo per la mia colpa, credo che troverò un modo. GRAZIE DI NUOVO A TUTTI.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara melissa,
a mio parere noi non siamo altro che il risultato delle nostre esperienze; in ogni momento aggiungiamo informazioni che la nostra memoria immagazzina come esperienza; da questo apprendiamo ed assimiliamo.
Ogni nostra azione è frutto di questo apprendimento che a volte ci fa agire in modo istintivo, inconscio, ma assolutamente motivato.
Io credo che il tuo atteggiamento abbia una spiegazione più che logica, bisogna solo trovarla.
Il mio consiglio è proprio questo: lavorare su te, la tua identità e sulla costruzione di questa identità, ecc.
Spero di esserti stata utile

Gentile Signora, si credo sia necessario per la sua crescita personale non escludere nessuna parte di lei, e anzi nutrire quelle parti che più l'hanno fatta sentir viva. Il ricordo può "sporcarlo" sia coi sensi di colpa che con l'idea (che mai definirei certezza) che l'altro voleva solo una scappatella. Ciò che conta è quello che lei ha sentito quando era con quella persona. Forse nessuno dei due era certo di niente, forse nessuno dei due poteva dare certezze all'altro, ma forse tutti e due, cercavano qualcuno che li rimettesse in contatto con qualcosa di piacevole e vitale. I retroscena secondo me non contano. Perché quello che c'è stato in quei momenti, e parlo di sensazioni pure, emozioni vive, contatto scelto, quello signora, era vero. E lo era perché lo ha sentito. Faccia tesoro delle sue emozioni ritrovate. E se sceglierà di pagare un prezzo, si ricordi di darsi un tempo preciso per non rischiare di pagare per tutta la vita. E se sceglierà di pagare un prezzo si ricordi di darsi un tempo definito per non rischiare di pagare per tutta la vita. Le auguro buona vita davvero.

Carissima Melissa, le consiglio di intraprendere un percorso di psicoterapia per "scoprire" che la sua imperfezione come lei la chiama la caratterizza come persona. Non si colpevolizzi per il tradimento verso il suo collega perchè la situazione con suo marito ha permesso la scappatella. Noi non siamo essere perfetti e questa vicenda le ha fatto scoprire che nella vita si può anche trasgredire.. e questo porta solo ricchezza. 

Un caro saluto

Cara Melissa,

tu hai definito il tuo comportamento come irrazionale e superficiale (ossia, le fughe dalla tua vita di moglie fedele e donna responsabile sono irrazionali e superficiali).

Non mi sono addentrata nel significato della tua definizione perchè la tua richiesta di aiuto verteva su altri contenuti, e non volevo nè potevo essere invadente, ma rispondendo adesso alla tua domanda di chiarimento, ti dico che le tue scelte sono state tutt’altro che superficiali e irrazionali. Magari sono state impulsive, ma più semplicemente direi che hanno rotto il tuo solito schema, ossia sono state molto diverse e in contrasto con il tuo modo solito di rapportarti alla vita; non è mai superficiale un comportamento che mira alla soddisfazione di bisogni profondi, e credo proprio che dietro il tuo “tradimento” ci fossero pulsioni, desideri, necessità importanti e troppo a lungo trascurate: qui mi permetto di entrare un attimo in punta di piedi nella tua vita, per esortarti a non trascurarti mai più, ossia, fa in modo che il tuo riavvicinamento a tuo marito non sia un “tornare al tuo posto” cercando di seppellire il periodo precedente come un colossale e vergognoso peccato; piuttosto, continua ad ascoltarti, costruisci giorno per giorno il cambiamento che vuoi ottenere alla luce delle nuove informazioni che hai su te stessa.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

È normale non avere desiderio sessuale a 31 anni?

Salve, sono Antonia, 31 anni, sposata da 10 anni e con 2 figli di 10 e 4 anni. Da circa 4 mesi non ...

5 risposte
Mancata voglia di avvicinarsi al sesso

Salve ho 32 anni, sto insieme al mio compagno da 8 anni. All' inizio era tutto bellissimo, c'era ...

11 risposte
COME COMPORTARSI CON UN DIPENDENTE DA COCAINA?

Buongiorno, ho 25 anni e sono fidanzata con un ragazzo da 9 anni, convivente da 3. E' cresciuto in ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.