Problemi di coppia

Vorrei un altro bebé, ma mio marito è contrario

Ale

Condividi su:

Salve dottori
Sono una mamma di 39 anni. Ho un bimbo di 19 mesi che mi ha letteralmente cambiato la vita facendomi innamorare.
Per lui ho messo da parte il lavoro e la mia autonomia, decidendo di fare la mamma. Amavo già i bimbi, ma con la sua nascita in me é scoppiato un amore che non credevo si potesse provare.
La nascita del bebé non è stata priva di complicazioni però. Il parto, l'allattamento, il cambio del rapporto con il partner, l'assenza di aiuti, la solitudine, hanno portato tanta difficoltà e squilibri. Ciò ha un po' sconvolto le nostre vite, ma io ho ricevuto dal mio bebé una felicità tale, che da mesi ne vorrei un altro. Mio marito però non è della stessa idea e ciò non mi aiuta.
Alcuni mesi fa infatti sono rimasta incinta. Io volevo un altro bimbo, lui no. Inizialmente quindi ero felice: poi ho cominciato a stare così male  per le nausee e il vomito continuo, che non ero più in me. Mi sentivo male e temevo di non riuscire più ad occuparmi del mio bimbo. A ciò si aggiungevano le ansie di mio marito, le sue manifestazioni di incertezza, di perplessità, le paure che si verificasse di nuovo ciò che era accaduto con la prima gravidanza, che alla fine sono caduta in depressione e al secondo mese ho abortito. Proprio io che adoro i bambini al di sopra di tutto. Proprio io che avrei voluto aprire un nido.. Lui ora non desidera più figli.

Dice che è vecchio (ed in effetti lo è), che siamo già stati fortunatissimi con il primo (che è un bimbo esemplare, il sogno di ogni mamma), che abbiamo già affrontato tante difficoltà, che abbiamo vissuto tanti squilibri, che perderemmo l'autonomia acquisita, che un altro bebé comporterebbe tante difficoltà pratiche, data anche la scarsità di aiuti familiari, che con 2 mi servirebbe ricorrere ad un aiuto esterno (cosa che con il primo non serviva), che con un'altra gravidanza starei ancora male per mesi, etc etc.. Mille ragioni forse vere, di cui mi rendo conto.

Un altro bambino comporterebbe per me altri 2 anni di annullamento per noi, per dedicarci a loro. Specie per me, che ho lasciato il lavoro. Però io continuo nonostante tutto, a desiderare un altro figlio e a desiderare che nasca vicino al primo, perché possano crescere assieme. Mi è stato consigliato di aspettare ancora un po'. Magari nel frattempo lui si convince. Ma non penso sia così. E oltretutto credo che se aspetterò ancora poi ci passerà la voglia ed inoltre la natura non mi permetterà più di esser madre. Insomma, non so che fare e comincio a provare rancore verso mio marito che non tiene conto dei miei desideri e che si è totalmente 'seduto' ed adagiato.

Lui poi tra l'altro si tira anche indietro sessualmente, perché sa del mio desiderio e questo ostacola ancor più. Io ormai penso che a questo punto potrei anche starmene sola con il mio bimbo, dato che ho un marito che non mi ha aiutato con il lavoro, che sottovaluta i miei desideri e che ha una visione piuttosto egoistica..

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissima mamma,


diventare genitori per una coppia significa aprirsi alla vita, rimanendo comunque tale e cioè acquisendo, oltre al ruolo di compagno e compagna, anche quello di genitori e quindi madre de padre. Ad un certo punto quindi si è chiamati a rendere più complesso il proprio ruolo e anche la propria relazione e questo a volte può essere un passaggio difficile.


Un figlio lo si concepisce in 2 e lo si cresce, possibilmente, in 2 proprio per dare al proprio bambino e a se stessi il benessere necessario per crescere assieme sereni.


Ora io credo che tu in questo momento abbia la necessità di fermarti un attimo e occuparti di quello che succede a TE in relazione al fatto che la tua vita di coppia e famigliare non sta proseguendo come desideri e che questo si sta manifestando, se non sbaglio, con malesseri e incertezze che vanno a gravare sulla tua e vostra serenità.


Se vorrai, sarò ben lieta di aiutarti in questo momento di confusione e difficoltà.


Cari saluti


 

Cara Ale,


Si sente, dalle sue parole, che davvero non ha di fianco una qualche donna saggia più anziana di lei che le possa dare aiuto, conforto e consigli.


Intanto, nel giro di qualche settimana - se le cose sono andate per il verso giusto - l'adorabile cucciolo si trasformerà in una macchina per capricci, dato che sta entrando nel periodo del "no". Dato l'innamoramento che ha per suo figlio, la cosa potrebbe sorprenderla non poco. In questa fase, che le auguro intensa, il bambino si mette in scontro coi genitori per stabilire se sono più forti o no di lui e se quindi può riporre in loro la sua fiducia (detto in estrema sintesi).


Quindi l'idillio che sta vivendo subirà un certo scossone e potrebbe essere davvero faticoso portare a termine un'altra gravidanza. Si troverebbe con due figli entrambi in un momento di sviluppo psicologico particolare, notevole da un punto di vista delle richieste, e da come descrive la vostra coppia mi chiedo se sareste in grado di fare fronte.


Mi permetto di dirle di prendere in considerazione un lavoro personale se il legame con sua madre non fosse stato particolarmente fortunato. Mi chiedo se qualche interferenza nel rapporto precoce con sua mamma non abbia prodotto qualche vuoto, e se in quel vuoto non sia stato fatalmente attratto suo figlio.


I bambini sono meravigliosi, ma non dovrebbero mai produrre una spaccatura fra i genitori. La coppia rimane sempre il legame privilegiato, perché senza di essa l'equilibrio dei figli può risentirne.


Un caro saluto.

Buongiorno Ale,


la nascita dei figli è bene che sia desiderata da entrambi i coniugi. I figli hanno il diritto di sapere di essere stati voluti da tutti e due i genitori e di vederli come una coppia che si ama.


Lei scrive che è molto arrabbiata nei confronti di suo marito perché, non “sentendo sue” le incertezze e le paure del suo compagno, lo ritiene egoista. Lei è così “saziata” dalla presenza del figlio da arrivare a paventare anche la possibilità di separarsi da lui.


... ... ...


Non Le sembra che ci sia un certo squilibrio, da parte sua, nei due tipi di relazioni (quella con il figlio e quella con il suo compagno)?


Non sarà che nelle incertezze di suo marito ci possa essere ANCHE il vissuto di “non sentirsi desiderato e voluto” da Lei? Lei che è stata scelta da lui come compagna di vita (e non solo come madre di vostro figlio)?

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non si fa più sentire, come devo comportarmi?

Situazione, io 35 anni, lei 28. Lavoriamo insieme: nello specifico io sono socio, lei una nostra ...

2 risposte
Dipendenza affettiva

Buongiorno, inizio subito col dire che è tutta colpa mia. L'averlo sposato, aver deciso di ...

10 risposte
Come smettere di soffrire

Buongiorno Il mese scorso vi ho scritto perché sono in crisi con il mio compagno o meglio ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.