Salute Sessuale

Educare i bambini alla sessualità

Condividi su:

I maschi in particolari ostentano spavalderia, ma le delusioni non tardano ad arrivare: i deficit erettili, l’ansia da prestazione ed il triste fenomeno delle “pillole dell’amore” assunte per non fare brutta figura, sono la tragica testimonianza che il sesso per i giovani è maggiormente un’ossessione piuttosto che una passione. Parlare con i ragazzi di sessualità senza morbosità, imbarazzo e tabù è il modo per incontrarsi in una zona importante della loro vita.

Parlare con i nostri figli della sessualità significa guidarli a una conoscenza sensoriale e affettiva del mondo, significa aiutarli a crescere. In attesa di leggi che finalmente si occupino dell’educazione sessuale nelle scuole, la formazione e l’informazione sessuale degli adolescenti restano delegate soprattutto alla famiglia.

Non si può insegnare la sessualità come l’analisi logica: un comportamento considerato intimo in un contesto affettuoso e privato può diventare intrusivo e violento quando viene imposto nei modi e nei tempi sbagliati. Per questo i genitori si trovano a operare in un ambito molto delicato, in bilico tra interiorità e socialità.

L’adolescente è spesso confuso, si trova in un corpo che cambia, avverte cambiamenti fisici importanti e proprio in questo periodo la sessualità si risveglia. Dare informazioni e nozioni preventive possa agevolare la capacità di compiere scelte individuali consapevoli. Per questo motivo noi quali genitori non dobbiamo mai stancarci a dare risposte ai tanti perché: ma soprattutto non dobbiamo mai assumere l’atteggiamento di “giudici” poiché il sesso di qualsiasi sorta non è né giusto né sbagliato: è e basta.

La sessualità non è solo l’apparato genitale, ma ne è anche il vissuto, l’immagine interna, è l’incontro con il proprio corpo e con il corpo dell’altro, è il rapporto con sé e con il mondo. Non è, quindi, sufficiente solo l’informazione, ma anche e soprattutto la formazione. Non si tratta , perciò, di un semplice apprendimento di nozioni e posizioni, ma della progressiva comprensione delle esigenze umane autentiche che culminano nella creazione di rapporti interpersonali.

Il problema è che gli adulti spesso provano più imbarazzo dei loro figli ad affrontare l’argomento sesso e preferiscono passare ad altri il compito, per traghettare i figli dalla fanciullezza all’adolescenza. Al contrario la famiglia è l’ambiente da cui dipende l’equilibrio affettivo del ragazzo e la sua possibilità di costituirsi autonomamente come persona.

L’importante è che i genitori non assumano un atteggiamento invasivo a danno della privacy dei loro figli, ma che ne rispettino gli spazi, i tempi e i segreti, poiché non bisogna mai dimenticare che l’eros si nutre anche di mistero.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Salute Sessuale"?

Domande e risposte

Perchè non ho più voglia di fare l'amore con mio marito ???

Ciao Vi chiedo aiuto .... mi ritrovo con un problema che sta minando seriamente la mia vita di ...

2 risposte
Problemi di erezione con persone nuove e nella masturbazione

Buongiorno, sono un ragazzo di 30 anni che ha cominciato ad avere rapporti completi relativamente ...

5 risposte
Mio marito preferisce i porno a me

Salve, ho 24 anni e sono mamma di 2 bimbe. Io e mio marito siamo sposati da 5 anni e tra noi ci ...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.