Fobie

La paura di stare soli in casa. L'ecofobia

23 Ottobre 2018

contattami

Condividi su:


L'ecofobia è la paura morbosa ed ingiustificata di rimanere in casa da soli.


Tale condizione è vissuta dal soggetto che soffre del problema in modo persistente ed incontrollabile con forti reazioni d'angoscia che cessano solo al sopraggiungere di familiari e/o amici.


L'individuo vive con il terrore, la solitudine ed il silenzio intorno a lui e soffre terribilmente la mancanza delle persone a lui care.


Il suo stato d'animo appare visivamente agitato ed inquieto. Questo gli impedisce di concentrarsi e dedicarsi in modo proficuo alle sue attività: il soggetto, infatti, fatica a combinare qualsiasi cosa e, spesso, si attacca al telefono per ore ed ore per non sentirsi solo.


La persona con ecofobia sperimenta, inoltre, sintomi ansiosi come tachicardia, perdita di controllo, disorientamento, idealizzazione catastrofica, ipervigilanza, attenzione selettiva (a rumori, movimenti, ecc..).


La sensazione dell'individuo è di non farcela da solo e di aver bisogno dell'aiuto di qualcuno.

 

Non di rado l'ecofobia si ritrova in soggetti affetti da disturbo di panico o di personalità dipendente.


Tra le cause del disturbo ritroviamo abbandoni o rifiuti reali, o esperienze soggettivamente vissute come tali, in infanzia; pregresse situazioni traumatiche e/o di grande malessere e disagio fisico e psicologico come gravi ed improvvise malattie, seri incidenti domestici, incursioni di ladri in casa, ecc..., situazioni in cui il soggetto si è trovato solo e nell'impossibilità di essere soccorso.


In alcuni casi, invece, quando non si è verificato nulla di particolare prima, la spiegazione del disturbo risiede in un ambiente familiare iperprotettivo che ha reso difficile ed ambivalente il processo di individuazione e separazione durante la crescita dell'individuo.


Si tratta, infatti, spesso, di soggetti con bassa autostima, scarsa fiducia in sé, insicuri, fragili, poco autonomi ed autosufficienti.


Il comportamento di evitamento della condizione temuta (lo stare da soli in casa) rappresenta una soluzione inadeguata e disfunzionale al problema, tesa a prevenire l'angoscia, ma con il risultato, al contrario, di vivere perennemente in uno stato di ansia anticipatoria e di produrre un circolo vizioso interpersonale che finisce per cronicizzare la paura e per rinforzare i pensieri e le sensazioni negative su di sé (di incapacità, inadeguatezza, ecc...).


In altre parole la persona continuerà a temere ciò da cui fugge e l'intervento dell'altro che arriva in aiuto consoliderà la condizione di dipendenza del soggetto.


Il trattamento prevede la psicoterapia ad approccio breve strategico o cognitivo comportamentale con l'utilizzo di tecniche di esposizione progressiva e graduale alla situazione temuta, inizialmente tramite immaginazione e successivamente dal vivo.


Utile, specie nel caso di adolescenti, è pure la pet therapy.

Dott.ssa Cinzia Cefalo

Commenta questa pubblicazione

Iscriviti o accedi per lasciare un commento

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Fobie"?

Domande e risposte

Il mio bimbo ha paura dei rumori forti

Sono una mamma di un meraviglioso bimbo di 4 anni.Vi scrivo perché il.mio bimbo ha terrore ...

1 risposta
Come posso sconfiggere la paura per gli scarafaggi?

Ciao sono Martina ho 16 anni, è da 3 anni che ho questa fobia per gli scarafaggi, mi ...

1 risposta
Paura di guidare su strade alte

Ho letto diverse volte di persone che hanno paura di guidare, ma in nessuno dei casi ho riscontrato ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.