Condividi su:

Ci sono persone che di fronte a situazioni non pericolose hanno reazioni abnormi di paura e di panico, siamo di fronte a quella che viene chiamata “fobia”, ovvero paura, timore, avversione e quindi fuga. Si tratta di una paura patologica, sproporzionata al dato oggettivo, provata verso cose (coltelli, fuoco, sporcizia, ragni ecc.) situazioni (luoghi chiusi o alti, riunioni sociali ecc) o nei confronti delle proprie reazioni emotive (arrossire, essere colti da un eccesso di collera, emanare un cattivo odore ecc.). Di regola la persona comprende che il suo è un comportamento irrazionale, ma non riesce a vincersi con un sforzo di volontà; si sente spinta a evitare quella specifica cosa o situazione che la espone ad un’ansia insopportabile, che si manifesta anche di fronte all’immagine fotografica o al solo pensiero dell’oggetto fobico.

Fobia e paura

Ogni persona può provare paura di trovarsi di fronte a situazioni pericolose o sgradevoli ma ciò di norma, non porta ad alcuna limitazione di rilievo. Ma quando la paura è tale da intralciare la vita dell’individuo, le sue funzioni e la capacità di raggiungere e mantenere le relazioni positive con gli altri, allora possiamo senz’altro affermare che si tratta di una condizione patologica, che richiede l’intervento di uno specialista in Psicoterapia.

La fuga dal dolore è una risposta fondamentale e vitale e dato che la paura e l’ansia sono psicologicamente dolorose, si tenterà di evitarle, di fuggirle. Il principio di evitare l’oggetto della paura o le situazioni che la producono nonché il luogo della paura, è importante nel regolare la paura stessa e i meccanismi di difesa fobici. In questi casi si possono sviluppare idee magichesupposizioni e riti.

Qualsiasi cosa virtualmente può diventare l’oggetto di una reazione fobica ad esempio:  una signora di 36 anni soffre di agorafobia,  ormai esce di casa il meno possibile e quando lo fa, studia in dettaglio il percorso in modo da trovarsi continuamente nei pressi di una clinica, di una casa di cura o di un ambulatorio medico.

Mentre l’ansia è caratterizzata da uno stato di paura generico e fluttuante, nella fobia essa è concentrata su un oggetto specifico e viene meno solo quando esso è lontano. Possiamo affermare che la fobia è la nevrosi d’infanzia per eccellenza, è infatti difficile trovare un adulto fobico che non lo sia stato anche da bambino; in ciò è di estrema importanza l’atteggiamento dei genitori, difatti è improbabile che un bambino non tema i ragni  se la madre non avesse una vera fobia.

Un nome per ogni fobia

In passato ad ogni fobia è stato dato un nome specifico derivante dal greco o dal latino; oggi queste denominazioni sono cadute in disuso tuttavia, vale la pena di annoverare alcune di esse in quanto tra le più frequenti da riscontrare in ambito clinico.

Agorafobia: timore ossessivo che coglie nell’attraversare una piazza o un vasto luogo aperto.

Acrofobia: timore ossessivo, nell’affacciarsi da un luogo elevato, di cadere o di subire la tentazione di lanciarsi nel vuoto.

Ailurofobia: timore ossessivo o repulsione morbosa per i gatti.

Antropofobia: timore ossessivo delle persone.

Bacteriofobia: timore ossessivo dei batteri.

Cinofobia: timore ossessivo o repulsione morbosa verso i cani.

Misofobia: paura morbosa di contaminarsi toccando cose sporche, con conseguente sproporzionata attuazione di norme igieniche.

Nictofobia: timore ossessivo dell’oscurità.

Pirofobia: timore ossessivo del fuoco.

Zoofobia: paura morbosa degli animali in genere o di una determinata specie.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Fobie"?

Domande e risposte

Eritrofobia, fobia sociale, solo un fattore psicologico??? Metodi naturali?

Salve, sono una ragazza di 22 anni, due anni fà ho iniziato a soffrire di attacchi di panico ...

5 risposte
Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

18 risposte
Mio figlio ha questi attacchi di panico!

Salve vi contatto per avere una vostra opinione in merito alla situazione di mio figlio: lui ha ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.