Obesità

Perché non riesco a stare a dieta? L'eterna lotta tra mente e bilancia

20 Settembre 2019

contattami

Condividi su:

Trascorrono anni vagando da uno specialista all'altro, nel migliore dei casi. Nei peggiori invece si improvvisano nel fai da te facendo un misto tra diete copiate da amici e riviste o si affidano a sedicenti bibitoni miracolosi, magari reperiti su qualche sito web.

Si iscrivono più volte in palestra, tipicamente a gennaio e settembre. Iniziano corsi di nuoto, di ballo o di zumba, a seconda della moda del momento. Comprano l'equipaggiamento necessario, già tanto se lo usano tre volte.

Sono quelli dei buoni propositi: da lunedì mi metto seriamente a dieta, stavolta senza sgarri! Salvo concedersi una tentazione al martedì, uno strappo al mercoledì...fino al pasto libero del fine settimana.

Eppure la bilancia non si schioda di un millimetro, anzi: osa persino segnare un peso superiore a quello iniziale! Com'è possibile? Perchè non riesco a stare a dieta?

Questa descrizione ti suona familiare? Bene: vuol dire che stai cercando una risposta alla domanda che tanto ti affligge. Tralasciando le motivazioni di competenza medica ( alterazioni del metabolismo, patologie tiroidee ecc.,...) potremmo ipotizzare insieme una risposta: e se fosse la tua mente a sabotare la dieta? Vediamo alcune tra le trappole più comuni che scattano nella psiche di chi non riesce a dimagrire:

Il cambiamento, anche in meglio, può spaventare

Si tende a pensare che cambiare in meglio sia facile e che la mente non veda l'ora di abbandonare le vecchie e cattive abitudini. In realtà, ogni cambiamento nasconde in sé delle insidie. Fare finta che non esistano è deleterio perché è come se ci imponessimo uno standard di perfezione assoluta. Perché mai dovrei avere paura di qualcosa che desidero tanto? La paura è subdola e tentatrice: ecco che fa breccia nella nostra mente e ci fa aprire quella scatola di cioccolatini e saltare una sessione di palestra...

Suggerimento: chiediti cosa ti spaventa e ascolta i segnali che la mente ti invia, dialogando con i tuoi bisogni e le tue paure.

Cosa stai rimandando?

Quante occasioni stai rimandando a quando sarò magro/a ? Quali vestiti non stai comperando, quali occcasioni sociali stai evitando? A forza di rimandare situazioni piacevoli si finisce con il vivere una quotidianità fatta di rinunce e insoddisfazione. La mente non ci sta... e il cibo diventa uno strumento per zittirla.

Suggerimento : smettila di rimandare e inizia a fare ciò che ti piace. Quel vestito bellissimo che hai visto in vetrina ancora non ti entra? Compralo e tienilo nell'armadio come stimolo.

Mi vorranno bene anche da magro/a?

Cambiare la propria immagine corporea, per quanto desiderata, ci pone a confronto con gli altri. Avere dei kg di troppo, vestirsi con strati di maglioni e abiti larghi è un modo per proteggersi con una (morbida) barriera. Da questo punto di vista, dimagrire significa mettersi a nudo: la tua mente è pronta a gestirlo?

Suggerimento: anche se la tua immagine corporea cambierà, il tuo valore intrinseco non andrà via con i kg di troppo. Fai un elenco dei punti di forza della tua interiorità e coltivali.

Il peso dei giudizi 

Soprattutto se hai alle spalle anni di dieta ed effetto yo-yo , qualcuno nella tua cerchia di amici e conoscenti potrebbe sentirsi autorizzato a svalutare il tuo ennesimo tentativo. Un po' perché non ci crede più, un po' perché sotto sotto vorrebbe dimagrire anche lui/lei ma non ci prova nemmeno. In ogni caso, questo tipo di giudizio negativo cerca di minare la tua volontà.

Suggerimento: non è necessario che tutti sappiano che sei a dieta. Tienilo per te, condividendo le tue emozioni solo con persone fidate e in grado di supportarti.

La gabbia delle parole

Quando usiamo la parola dieta è come se evocassimo uno scenario di privazioni, sacrifici, tristezza e mancanza di sapore. La mente non ama sentirsi in gabbia, pertanto prova a forzare le sbarre. Avverte tutto il peso della costrizione, amplificando la sua voglia di libertà. Così il pasto libero diventa un'abbuffata e il nutrizionista un nemico da combattere.

Suggerimento: inizia a pensarti come a una persona che si ama, si prende cura di sè e vuole mangiare in maniera buona e sana; non come a un prigioniero in carcere.

Conclusioni

Abbiamo visto che la mente cerca di farsi ascoltare come può: più la trascuriamo, più "alza il tiro". Se hai alle spalle anni di dieta e vuoi veramente conseguire un regime alimentare sano ( e quindi perdere il sovrappeso), prendi in considerazione l'idea di una consulenza psicologica per cercare di capire quali sabotaggi stia attuando la tua psiche e perché. Questo tipo di lavoro, meglio ancora se in parallelo a un percorso con uno specialista della nutrizione, ti aiuterà a non cadere nei soliti errori e a farti acquisire nuove e benefiche abitudini.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Obesità"?

Domande e risposte

Qualche consiglio su dei centri di obesità in lombardia/Cremona?

Ciao! Sono Jessica e ho 16 anni. Io peso quasi 120 kg. So che sono tanti per la mia età ma ...

1 risposta
Se non riesco a dimagrire posso andare in un centro per essere educata bene con l'alimentazione?

Sono sempre Jessica, la ragazza con 120 kg quasi. Volevo chiedere una cosa. Io ho parlato con mia ...

2 risposte
Non so come dimagrire

Ciao, il mio nome è Jessica.Io ho 16 anni e peso ben 120 kg quasi. Io ho sempre pensato di ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.