Obesità

Perché lo psicologo può aiutare a perdere peso

05 Marzo 2019

contattami

Condividi su:

Chiunque abbia provato a perdere peso corporeo si è reso conto della difficoltà che comporta seguire una dieta e quanto sia ancora più difficile poi mantere il peso raggiunto.

Il comportamento alimentare è influenzato da fattori biologici, ambientali, sociali, ma soprattutto psicologici di cui, il più delle volte, non si è consapevoli: il cibo è ben altro dal semplice “nutrimento” ed il significato che ognuno gli da è unico e singolare.

Combattere il sovrappeso con la sola restrizione alimentare non basta: studi scientifici hanno dimostrato che  il 65% delle persone che segue una dieta recupera tutto il peso perduto nei 3 anni successivi. I numeri aumentano se la dieta è stata particolarmente restrittiva: in questo caso, solo il 5% riesce a mantenere il peso perduto. Foster G.D., Wyatt H.R., Hill J.O. (2010), "Weight and Metabolic Outcomes After 2 Years on a Low-Carbohydrate Versus Low-Fat Diet. A Randomized Trial”, Annals of Internal Medicine, 3, 153(3).

Perché mangiamo più del necessario? Quali sono le cause? Cosa ci spinge a provare una dieta dopo l'altra vanificandone ogni volta i risultati?

In generale, i nostri comportamenti sono condizionati da pensieri ed emozioni. Stati d'animo quali rabbia, ansia, vuoto, solitudine, noia, tristezza, a volte possono attivare delle risposte “appetitive” , la cosiddetta fame nervosa, su cui la dieta non può fare nulla: il problema, infatti, non è cosa si può o non si può mangiare ma riuscire a farlo!

Ecco perché lo Psicologo può aiutare:

Con l’aiuto dello psicologo vengono affrontati quegli ambiti della propria vita che solo apparentemente sono distanti dal problema alimentare, ma che in realtà tanto lo influenzano: non si tratta di conoscere i principi nutritivi degli alimenti (che è materia del nutrizionista) o di sapere che l’esercizio fisico è importante (competenza di insegnanti di educazione fisica), ma si tratta di esplorare per conoscere e riconoscere, i comportamenti legati all’atto di mangiare. 

Usando tecniche cognitive comportamentali, e tenendo conto delle attitudini, necessità ed esigenze di ogni singolo soggetto, si costruisce un percorso individualizzato orientato al cambiamento delle abitudini alimentari consapevoli ed inconsapevoli, che mira a:

  • Recuperare il senso di fame e sazietà.
  • Riconoscere e gestire i comportamenti scorretti legati all’alimentazione.
  • Modificare stabilmente il proprio stile alimentare.
  • Acquisire nuove abitudini e combattere la sedentarietà modificando piccoli gesti quotidiani.
  • Ridurre il peso corporeo e mantenerlo nel tempo

Partendo dalla storia del peso, si analizzano le ragioni dei successi e dei fallimenti delle precedenti diete, per lavorare poi sulla comprensione dei significati attribuiti al cibo e sulla sua relazione con le emozioni e gli stati d'animo.

Non si può affrontare il problema del sovrappeso senza intervenire sulle cause e conseguenze psicologiche connesse a questa condizione.

 

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Obesità"?

Domande e risposte

Qualche consiglio su dei centri di obesità in lombardia/Cremona?

Ciao! Sono Jessica e ho 16 anni. Io peso quasi 120 kg. So che sono tanti per la mia età ma ...

1 risposta
Se non riesco a dimagrire posso andare in un centro per essere educata bene con l'alimentazione?

Sono sempre Jessica, la ragazza con 120 kg quasi. Volevo chiedere una cosa. Io ho parlato con mia ...

2 risposte
Non so come dimagrire

Ciao, il mio nome è Jessica.Io ho 16 anni e peso ben 120 kg quasi. Io ho sempre pensato di ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.