Psicologia scolastica

Inizia la scuola, siete pronti?

Dott.ssa Laura Guaglio contattami

Condividi su:

Tornare a scuola dopo i mesi estivi non è semplice per bambini e ragazzi, soprattutto se si tratta dell’inizio di un nuovo ciclo scolastico.

Ecco alcuni suggerimenti su come affrontare serenamente questo momento.


1. Organizzarsi in anticipo con il materiale scolastico. Acquistate per tempo e preparate insieme al bambino tutto l’occorrente per il primo giorno; così inizierà a familiarizzare con il materiale didattico.


2. Il primo giorno è vietato svegliarsi in ritardo! Evitate di fare le cose di corsa proprio il primo giorno di scuola: svegliatevi in orario e preparatevi con tranquillità. Ricordate che la fretta aumenta l’ansia.


3. Trasmettere serenità al figlio. Anche se spesso i primi ad essere agitati sono proprio i genitori, è importante mostrarsi tranquilli perchè i figli assorbono le emozioni presenti in casa. Se il piccolo avverte ansie nei familiari può sentirsi insicuro, manifestando irrequietezza, insonnia o inappetenza. In questi casi, non allarmatevi, ma sdrammatizzate con un sorriso eventuali capricci e lamentele.


4. Accompagnare il bambino in aula il primo giorno di scuola per salutare insieme l’insegnante e conoscere l’ambiente e i compagni. Ciò rende il distacco più facile e graduale.


5. Farlo sentire ‘grande’. Il passaggio da un anno scolastico all’altro è una tappa importante, da valorizzare come momento di crescita personale.


6. Informarsi sull’organizzazione scolastica. Soprattutto se si tratta dell’ingresso a un nuovo ciclo di studi, il bambino dovrà essere ben informato circa i tempi, le regole, le attività integrative previste dalla scuola, in modo da potersi abituare ed adeguare.


7. Insegnare il rispetto per le regole scolastiche. I genitori devono responsabilizzare il figlio, insegnandogli a condividere le regole scolastiche, dando per primi il buon esempio nel rispettare gli orari e le indicazioni fornite dagli insegnanti. Anche quando non condividiamo tutto al 100%. 


8. Trasmettere l’amore per lo studio. La mancanza d’amore per lo studio è fonte di ansie. I genitori dovrebbero instillare l’idea che imparare cose nuove è un piacere. Dato che i bambini imitano i genitori, mostrarsi positivi ed interessati verso nuovi insegnamenti, sfogliare un libro insieme o navigare su internet per soddisfare una curiosità, sono strategie per stimolare ed incoraggiare.


9. Insegnare il rispetto per la diversità. Se in classe sono presenti bambini di lingua e cultura diversa dalla propria oppure bambini diversamente abili, occorre aiutare il piccolo a trovare il giusto modo per relazionarsi e comunicare con loro; spronandolo ad accettare e valorizzare le diversità.


10. Attenzione al bullismo! Una delle preoccupazioni nel passaggio dalle elementari alle medie è il bullismo. I genitori dovrebbero prestare la massima attenzione ai segnali inviati dai ragazzi quando rientrano da scuola: tristezza, isolamento, facilità al pianto, rifiuto di uscire di casa. È fondamentale creare un clima di reciproca fiducia tra genitori ed adolescente, per aiutarlo a confidarsi. Se esistono sospetti, occorre parlarne con il preside e con uno psicologo.

Dott.ssa Laura Guaglio Psicologa

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia scolastica"?

Domande e risposte

Ho perso la concentrazione, l'attenzione, l'autostima

Non so se la categoria medica sia corretta. A 16-17 anni ho subito un profondo trauma di tipo affett ...

8 risposte
La notte si sveglia piangendo dicendo che non vuole mangiare a scuola!

Buonasera, sono la mamma di un bimbo di 3 anni, a settembre ha iniziato ad andare a scuola, dall'ini ...

7 risposte
Problemi di integrazione con i compagni di classe

Salve, il figlio di mia moglie ha 13 anni e da quasi due anni si è trasferito in Italia con ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.