Psicologia umanistica

Cause e conseguenze di uno strano rapporto con mia madre

William

Condividi su:

Buonasera, scrivo queste righe per domandare le conseguenze di un rapporto del mio genere con una madre. Mia mamma è sempre stata una persona generosa e disponibile, soprattutto nei miei confronti, non mi ha mai fatto mancare nulla.

Ma a questo suo carattere ha sempre alternato isteria, vittimismo, depressione, e talvolta qualche alzata di mano su di me. Io oggi, più che maggiorenne mi ritrovo con una madre amorevole che non ho mai stimato e che non ammiro, odio il suo vittimismo, e odio il suo modo di pensare, completamente estraneo al mio. Non le ho mai detto inoltre in vita mia che è bella, non ce la posso fare, ma non perché sia brutta, ma proprio perché è talmente lontano questo tipo di approccio con lei, che mi provoca quasi imbarazzo.
Completamente differente è il rapporto con mio padre, lui non c'è mai stato, sempre assente, per giustificati motivi, eppure lo ammiro, è un modello per me, anche se so che ha sbagliato tanto, anche più di mia madre. Vorrei solo capire da dove derivano questi sentimenti e in cosa eventualmente si evolveranno, grazie.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera William


le emozioni che proviamo, belle o brutte che siano, sono vitali e vanno accolte ed ascoltate, proprio come sta facendo lei con queste riflessioni. Quando siamo bambini, di solito, tendiamo ad idealizzare i nostri genitori, a vederli belli e perfetti, forti ed invincibili, e questo è importante perchè ci permette di sentirci al sicuro e di avere dei modelli cui ispirarci. Crescendo però gradualmente questa illusione dovrebbe scomparire e piano piano dovremmo cominciare a guardare ed accettare i nostri genitori per quello che realmente sono, e non per quello che vorremmo che fossero o che fossero stati. Se per il bambino era inconcepibile provare sentimenti negativi verso un genitore magari per paura di perdere il suo amore, per l'adulto non è più così, non deve più proteggerlo e può essere libero di provare ciò che realmente sente. Avere emozioni "negative" verso un genitore può essere legittimo, indipendentemente dall'amore che prova nei suoi confronti.


Per poter comprendere le origini di ciò dovrebbe scavare nella sua storia e dare voce al William bambino per cercare di capire quali reali bisogni non sono stati soddisfatti inconsapevolmente da sua madre. Tuttavia per fare questo le consiglio di intraprendere un percorso terapeutico con un professionista che sappia guidarla e sostenerla in questo viaggio.


Cordiali saluti


 

Salve


il fatto che lei si ponga queste domande è già il presupposto per iniziare un percorso che la porterà a comprendere le motivazioni per cui il suo rapporto con sua madre è strutturato così. 


Probabilmente ci sono dei conflitti irrisolti che col tempo hanno modificato la relazione. 


La risposta non c'è se non si lavora insieme per comprendere le cause di questi meccanismi. 


Se vuole può contattarmi in privato e possiamo valutare se iniziare un percorso insieme, io lavoro sul territorio di Bologna e provincia. Diversamente le suggerisco di consultare uno psicologo o psicoterapeuta nella sua zona.


Nel frattempo le faccio i miei auguri

Caro William,


sei molto giovane e nonostante questo mostri una grande consapevolezza e capacità critica nel valutare i legami con le tue figure genitoriali. La tua giovane età è anche indicativa di un periodo molto particolare nella crescita della persona: l'adolescenza. Durante questa fase della crescita è normale che quelli che per noi sono sempre stati dei punti di riferimento vengano messi in discussione, per ritrovare la nostra individualità, la nostra personalità, in modo separato da loro. Sono sicura che dentro di te vuoi molto bene ad entrambi i tuoi genitori e la mia opinione è che sarà proprio la tua maturazione e la tua crescita a portarti a relazionarti con loro in modo più amorevole. Forse quello che emerge in modo lampante da quanto scrivi è un'eccessiva idealizzazione di tuo padre, a discapito di tua madre. Da dove nasce questo? Da quali dinamiche? Se volessi approfondire questi aspetti puoi sempre chiedere una consulenza con un professionista della tua zona, sicuramente molti dei tuoi dubbi troverebbero una spiegazione! Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia umanistica"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Perché viviamo?

Ciao sono Davide e ho 26 anni, non riesco a spiegarmi perché viviamo... cioè tutte le ...

6 risposte
Una figlia inesistente

Cinque gravidanze x concluderne solo due. Due figli cercati e desiderati sui quali desideravano ...

1 risposta
Richiesta informazione su Terapia psicologica

Esiste in Toscana o in Emilia Romagna un centro o uno psicologo di formazione umanistica, che curi i ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.