Condividi su:

La paura é un'emozione comune sia negli animali che nell'uomo e nasce sempre da uno stato di insicurezza. Sono sufficienti dei rumori improvvisi, la presenza del fuoco, attacchi provenienti da predatori da scatenare in un animale uno stato di panico e di allerta.

Nell'uomo, sono queste situazioni e anche altre, a determinare la "paura". Nei tempi remoti, l'uomo primitivo di fronte a problemi di carestie, epidemie, maremoti, terremoti ricorreva a riti magici che potessero arginare eventi di questo tipo è, quindi, "Stati di paura". L'uomo moderno, avendo conoscenze maggiori, ricorre a spiegazioni logiche legate da causa ed effetto. Tuttavia, le apparenti certezze che inducono a rincorrere la realtà "imprevista" esclusivamente utilizzando la parte razionale, non sempre allontana da questa emozione.                                                                      

In un neonato, l immaturità della corteccia cerebrale presente alla nascita, la poca influenza sui nuclei sotto-corticali e la carenza nella secrezione delle capsule surrenali che entrano in funzione nella "paura", hanno determinato negli studi condotti da G.Bronson a considerare gli stati di incertezza del neonato come dei veri "stati di disagio".

A tal proposito, tali stati procurati da stimoli dolorifici, sonori acuti, improvvisa presentazione di oggetti causano in lui possibili pericoli. Dopo i sei mesi, l'avvenuto attaccamento alla madre lo fa rasserenare, provando paura verso i volti umani ignoti che gli si avvicinano. Verso i due anni,  si inserisce la paura degli animali e del buio, mentre verso i quattro anni, si aggiunge la paura dei lupi e dei fantasmi. Durante l'adolescenza, sempre intesa come periodo di instabilità emotiva e di crescita fisica e mentale, la "paura" si sposta nel mondo esterno attraverso la critica, la disapprovazione, l'incapacità di controllare le emozioni. In questo periodo, può iniziare a presentarsi anche la paura del dolore e della morte. La funzione della "paura" é spesso di adattamento e di evitamento del pericolo.          

Negli animali, la presenza di allarmi può portare ad una difesa collettiva, così come nell'uomo aumenta il livello di vigilanza. Paura ed ansia si interfacciano e non si può segnare una netta linea di demarcazione tra le due, e laddove il livello é alto il soggetto mette a rischio la propria stabilità esistenziale conducendo una vita con un andamento scomodo e molto faticoso. Alla fine, il compito che ciascuno deve svolgere con se stesso é quello di affrontare la difficoltà indotta dalla "paura" confrontandosi con il mondo esterno e senza ricorrere a solitari pensieri ossessivi.

Bisogna convivere con un po' di "paura" anche perché non tutto quello che ci circonda é conosciuto e conoscibile, quindi, l'ignoto un po' ci apparterrà sempre e, tutto ciò che non é controllabile e gestibile, crea, inevitabilmente questa emozione.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Domande e risposte

Come comportarmi con un figlio adulto ,il quale dicembre di amarmi ,ma non verrà per Natale

Non so come comportarmi con mio figli9 di 45 anni. Un uomo sensibile, affettuoso che dice di amarmi ...

4 risposte
Come gestisco la enuresi secondaria diurna e notturna?

Buona sera, mia figlia ha tre anni e mezzo; a due anni ha tolto il pannolino di giorno e sei mesi ...

3 risposte
NON MANGIA ALL'ASILO

Buongiorno, mi rivolgo a Voi perchè non so più come comportarmi. Mio figlio non &egrav ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.