Varie

Il ruolo della "baby sitter" come sostituto della figura materna nella storia

08 Gennaio 2018

contattami

Condividi su:

La presenza di "bambinaie" nelle case dei nobili e nelle attuali abitazioni ha una storia che si annida nella notte dei tempi. A tal proposito, il legame di odio-amore ha contrassegnato tante infanzie. Pertanto, è opportuno considerare alcuni aspetti psicologici:

1) la governante di un tempo era rigorosa e intransigente verso i bambini da educare che le venivano affidati, da far scaturire l'odio infantile a causa delle imposizioni;

2) l'odio che i bambini provavano poteva essere manifestato senza alcuna offesa per i genitori e senza causare in essi sensi di colpa;

3) in antitesi, le convenzioni educative prima e, successivamente il Super-io avrebbero potuto evitare che quest'odio si riversasse proprio sui genitori. Non è un fatto casuale, ad esempio, che nelle favole sia stata introdotta la figura della "matrigna", come "mamma cattiva" su cui trasmettere ogni tipo di sentimento negativo.

All'inizio, la figura della bambinaia, poi "baby sitter" si presenta fortemente ambigua, esposta a molti sentimenti negativi e pochi positivi, che non si possono evitare.

Dopo questa immagine, che si è vista nei secoli scorsi, subentra quella magica di "Mary Poppins", per giungere poi, alla figura moderna di "baby sitter" che è quella che ama, condivide, gioca e adotta molto amabilmente ed in modo molto soft dei comportamenti riprovevoli, da trasformarsi, spesso, in una "figura d'amore" che va a sostituire, nella sua dolcezza e comprensione, la "figura materna"quando assente.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Domande e risposte

Mia figlia non accetta le regole

Salve, sono il padre di una bambina di 9 anni. All'età di 3 anni a mia figlia è stata ...

2 risposte
Non riuscire a studiare con costanza

Buonasera, sono una studentessa di medicina e da ormai parecchio tempo studio poco e male. Finisco ...

5 risposte
Disturbi pregressi, emozioni incontrollabili e pensieri sulla morte

Salve, sono una ragazza di 18 anni che ha "praticato" autolesionismo dall'età di 11 anni fino ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.