Famiglia e bambini

Bambino di 4 anni e selettività alimentare

ELISA

Condividi su:

Buongiorno,
sono mamma di un bambino di 4 anni che attualmente frequenta la scuola dell'infanzia. E' un bimbo fin dalla nascita estremamente sensibile ed intelligente, inizialmente molto diffidente se inserito in contesti nuovi o con persone che non conosce e con tempi di ambientamento (anche a detta delle maestre) particolarmente lunghi.
E' stato allattato al seno per 5 mesi sempre con aggiunta di biberon che gradiva particolarmente, invece la poppata al seno lo stancava molto e diventava spesso infinita perchè si appisolava di continuo e per dargli il poco latte che avevo dovevo svegliarlo e stimolarlo, era diventato uno strazio.
Dopo uno svezzamento relativamente facile (a 6 mesi) in cui accettava di buon grado la maggior parte dei cibi, ha iniziato molto presto (subito dopo l'anno di età) a rifiutare la maggior parte dei cibi, accettando prevalentemente cibi dolci e pappe solo frullate.
Il bimbo ha iniziato l'asilo nido ai 18 mesi e continua tuttora, all'eta di 4 anni, nella stessa struttura la scuola materna.
Il periodo di inserimento è stato difficile e lungo, il distacco la mattina è sempre stato abbastanza delicato e da subito ha iniziato a rifiutare il cibo dell'asilo tanto da accettare solitamente solo pane e biscotti e yogurt. A casa mangiava un pò di più, ma sempre limitatamente ai cibi a lui graditi (solo alcuni primi piatti). Sporadicamente all'asilo assaggiava minestre o risotti e pizza.
In tutto questo tempo non è mai andato particolarmente volentieri all'asilo, anche se le maestre mi riferiscono che in classe è sereno, sebbene timido in situazioni in cui l'attenzione ricade su di lui, ma con i compagni gioca volentieri e si è integrato bene.
Premetto che circa verso i suoi 2 anni di età, ci siamo confrontati anche con una psicoterapeuta infantile che ci ha dato dei suggerimenti per affrontare il suo disagio ma non ho notato dei grossi cambiamenti nel suo comportamento alimentare.
In questi ultimi mesi, a casa, ha iniziato ad assaggiare cibi che non aveva mai mangiato, anche qualche secondo piatto, qualche frutto non frullato, ma mai con l'entusiasmo o la curiosità di farlo e sempre dovendolo pregare di mangiare.
Se fosse per lui mangerebbe solo gnocchi con ragù, pizza e toast per pranzo e cena.
Ci sono anche altre situazioni in cui rifiuta il cibo che per lui non è familiare, per esempio durante pranzi dai nonni in compagnia di altre persone (cugini,zii) o se siamo fuori.
Ultimamente, con la ripresa della scuola, mi chiede appena sveglio che cosa c'è da mangiare per pranzo, e mi dice sai mamma, quando ero piccolo mangiavo ma ora non mangio più perchè non mi piace... sembra che si senta a disagio a non mangiare, e che la situazione gli crei dell'ansia. Ogni tanto dice sai oggi mangerò e i miei compagni mi chiederanno come mai mangi? Anche se poi la situazione non si avvera...
Sinceramente avrei bisogno di un consiglio su come affrontare questa sua difficoltà, ormai è un bimbo con cui si può parlare molto bene, non so se affrontare il discorso per capire cosa c'è che lo spaventa oppure far finta di niente e non toccare l'argomento cibo.
Vorrei poterlo aiutare ad aprirsi e fidarsi e anche aiutarlo nel sentirsi più sicuro in situazioni diverse.
Grazie

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Elisa, 


Dalle tue parole mi colpiscono alcune frasi che attivano alcuni pensieri... :


- quando dici che ha dei tempi molto lunghi di ambientazione e di trovarsi a suo agio, mi chiedo se anche il cibo non sia un ambito in cui abbia bisogno di tempo per trovarsi a suo agio...?!


- la vergogna di mangiare davanti agli altri è un tema da esplorare...così come la sua non curiosità di scoprire attraverso la bocca... Ma potrebbe essere anche solo un tratto caratteristico di tuo figlio....


- sono d'accordo con te che sia una strada da percorrere indagare con lui come mai ha questo atteggiamento verso il cibo, ricorda peró che è un bambino di 4 anni e che pertanto, per quanto si sappia esprimere molto bene, il linguaggio e i ragionamenti non sono il codice privilegiato a quell'età... Piuttosto le immagini, i disegni, il gioco.... Per questo, potresti farlo vedere a uno psicologo... Non chiedere consiglio tu, ma far lavorare lui... Immagino che tu sia scettica verso la categoria, vista l'esperienza fallimentare precedente.... Tuttavia... Non tutte le esperienze son uguali! :)


.... Spero di essere stata esaustiva... Resto comunque a tua disposizione per altri chiarimenti... 


Buona giornata


Dottoressa Alice Piccardi

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non ho più un rapporto con mia mamma

Buonasera, è un anno e mezzo che sono sposata. Con mio marito mi conosco da molti anni e ...

4 risposte
Reagire ad una provocazione di una bambina di 5 anni

Buongiorno, scrivi in merito ad un fatto accaduto a casa del mio compagno con la sua nipotina di 4 ...

3 risposte
Mia madre è esagerata?

Salve a tutti, ho un problema con mia madre. Vorrei capire se i tre episodi che vi sto riportando ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.