Separazione

L'abbandono, come viverlo ed-evitarlo se (possibile)

05 Febbraio 2021

contattami

Condividi su:

Subire un abbandono o abbandonare qualcuno o qualcosa (come un ideale, un gruppo, un senso d'appartenenza etc.) è una delle esperienze più radicali che si possano vivere.

Ovviamente l'essere abbandonati è più sconcertante perché, percependo un rifiuto, viene così implicitamente esaltata una qualche inadeguatezza (o presunta tale) che può far sorgere talvolta anche un certo senso d'ingiustizia.

Ci si ritrova così passivi ed esposti ad eventi sui quali si ha la sensazione d'avere uno scarso controllo.

Inoltre l'essere abbandonati è spesso improvviso, lapidario e desertificante.

Che l'abbandono subito sia una persona che se ne va dalla nostra vita o un esclusione da una dinamica nella quale prima ci sentivamo partecipi rappresenta comunque una perdita nella nostra identità, di chi siamo nel mondo, dato che è anche lo sguardo dell'altro a raccontarci e a confermare chi siamo.

E' questo un vuoto, una ferita, una mancanza di continuità dell'essere che con il tempo va necessariamente rimarginata e interiorizzata.

Anche abbandonare però non è sempre facile.

Il luogo comune, il pensiero di molti, fa quasi intendere che chi abbandona in realtà sia la parte più forte o che abbia almeno una situazione migliore alla quale approdare. Alcune volte è effettivamente così, ma talvolta, andando oltre la superficie delle cose, vi è altresì un vissuto sofferto, un sentirsi fuori luogo, straniero in patria, estraneo in casa e sconosciuto a chi ti è vicino.

Perché allora accade l'abbandono?

Lo sguardo dell'altro ci racconta e conferma chi siamo ma occorre anche affermare che certi cambiamenti nell'identità di una persona corrispondono necessariamente ad un mutamento relazionale.

E' una chimera pensare all'identità come ad un qualcosa di granitico, irremovibile e sempre uguale a sé stessa.

Il tempo, le varie vicende vissute e patite, i livelli di consapevolezza raggiunti producono inevitabilmente e drammaticamente un nuovo modo di percepirsi a cui solo il soggetto protagonista, solo ciascuno per sé, può dare pienamente un senso d'unità.

Dentro a questo fluire di eventi cambiamo e con noi mutano le nostre esigenze esistenziali, tra cui le relazioni.

Certo, esistono dei principi etici a cui ciascuno può e deve far riferimento che effettivamente possono moderare lo strappo dato dall'identità sorgente ma a condizione di poter affermare che non è tanto la sfida del tempo che passa a minacciare una relazione ma quanto il non riconoscersi più come l'altro mi vede.

Per questo serve coscienza di sé e magari, se davvero si crede che la relazione possa sopravvivere, non vivere tanto nell'illusione allucinata del “ti conosco già” ma piuttosto aprirsi , curiosamente e creativamente, verso al nuovo che l'altro da me è diventato.

Non è tanto quindi un riscoprire l'altro (azione che inevitabilmente si radica nel passato ) ma piuttosto il desiderio conoscere quel qualcosa di nuovo che ora lo abita per poter così generare una linfa nuova nel presente della relazione.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Separazione"?

Domande e risposte

Sono sposata ma amo un altro uomo

Buon giorno ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi in questa situazione ...sono sposata da ...

2 risposte
Rapporto figlia e nuovo compagno

Buona sera.Ho 36 anni, sono separata mamma di una bimba dolcissima con l uomo che pensavo fosse l ...

6 risposte
Mi voglio separare ma mia moglie non vuole

Gentili psicologi espongo il mio caso. Io 50 anni sposato da 11 anni 3 figli di 10 8 e 6 anni. Mia ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.