Violenza sui bambini

Pedofilia ed abuso sessuale dell'infanzia e dei minori : linee guida sulla rilevazione precoce e sugli interventi di prevenzione

02 Marzo 2020

contattami

Condividi su:

Linee guida sull’osservazione precoce e sugli interventi preventivi primari e secondari, con particolare riferimento alle istituzioni scolastiche ed educative  del Comune di Milano.

Premessa
Per determinare l'effettiva incidenza degli abusi sessuali durante l'infanzia nelle moderne
società, il problema principale è che ci si deve basare su testimonianze di persone che
presentano delle enormi difficoltà emozionali nel parlare di questi fatti molto maggiori
rispetto a qualunque altro argomento trattato.
E la ragione è che molti di quelli che scrivono su questo soggetto sono stati normalmente
difensori della pedofilia. Fin dai primi studi di sessuologi quali Symonds e Eglinton, molti
degli scritti sull'incesto provengono da studiosi che sperano di giustificare le relazioni
sessuali con bambini dimostrando quanto diffusa è sempre stata questa pratica. Molti
sostengono apertamente, come Allen Edwards e R.E.Masters, che "non c'è vergogna
nell'essere un ... pederasta o un violentatore, se uno ne trae soddisfazione" o sostengono
che l'incesto può essere "un'esperienza positiva, salutare" come scrive l'operatore sociale
LeRoy Schultz, che scrive abitualmente su temi quali la sessualità infantile. Perfino
Kinsey scrisse: "E’ difficile capire perché un bambino, a parte il suo condizionamento
culturale, dovrebbe essere disturbato se gli si toccano i genitali” mentre il coautore degli
studi di Kinsey, Wardel Pomeroy, scrisse che "l'incesto tra adulti e bambini può... essere
un'esperienza piacevole e arricchente...".

Bisogna utilizzare le ricerche di questi studiosi con estrema precauzione, dal momento
che il loro intento primario è di negare la coercizione operata da adulti per sedurre
bambini soli e non amati. Tuttavia il lavoro di scavare tra questo enorme quantitativo di
letteratura decisamente sconcertante sulla sessualità nelle società del passato e attuali
(anche solo nel mondo della carta stampata esistono più di sessanta riviste che
regolarmente pubblicano articoli su questo argomento) è talmente grande che, per poter
anche solo individuare le rare fonti primarie disponibili, i ricercatori non possono evitare di
consultare il lavoro del difensori della pedofilia.
I primi studi statistici sull'incidenza delle molestie sessuali su bambini negli Stati Uniti
risalgono al 1929, ma questi primi lavori vennero generalmente ignorati da un pubblico
abituato a non credere alle accuse dei bambini e abituato a non veder puniti i
molestatori occasionali che venivano arrestati. L'incidenza ufficiale risulta dall'AmericanHumane Association, che si basa su rapporti forniti da agenzie per la protezione dei
bambini, che stimava in soli 7.000 i casi avvenuti negli USA nel 1976. Anche se le cifre
date da questa associazione salgono man mano raggiungendo i 130.000 casi nel 1985,
queste cifre rappresentano comunque circa l'uno per cento dei bambini americani.
Kinsey fu sorpreso nello scoprire che il 24% delle sue pazienti di sesso femminile
ricordava con facilità avances sessuali fatte da adulti di sesso maschile quando
erano piccole, ma minimizzò la loro importanza dal momento che la maggior parte dei
fatti raccontati si riferiva ad approcci con mancanza di contatto fisico, che lui riteneva
senza importanza. Ad eccezione di uno studio svolto da Landis nel 1956 che riferiva che
un terzo dei 1.800 studenti presi a campione ricordava molestie sessuali subite
durante l'infanzia, fu solo negli ultimi anni '70, primi anni '80 che presero avvio studi
accurati che prendevano in considerazione campioni sufficientemente grandi per garantire
un'accurata analisi statistica.

Anche se questi numerosi studi utilizzavano differenti definizioni di molestie sessuali e
criteri d'età, i loro risultati possono essere messi a confronto eliminando gli abusi senza
contatto fisico (come l'esibizionismo) dalla definizione e richiedendo o la prova della
costrizione o una differenza di età di almeno cinque anni, quando la vittima supera i 12
anni. Fatte queste aggiustature, gli studi riportano ricordi di bambini su molestie
sessuali con contatto fisico nell'ordine del 64,5% per le donne e dal 3 al 30% per gli
uomini.
Le cifre più basse riportate da questi studi sono dovute al metodo usato per fare queste
statistiche. Man mano che ci si sposta dalle cifre più basse a quelle più alte, si scopre che
le tecniche di intervista iniziano ad ammettere le resistenze delle persone interpellate a
domande tanto coinvolgenti. Le cifre più basse provengono da questionari scritti o
brevi interviste telefoniche, contatti che vennero ritenuti invadenti dagli interpellati,
mentre le cifre alte, quali quelle di Wyatt Russell, erano il risultato di interviste faccia faccia molto ben strutturate e che erano durate da un'ora ad otto ore. Ovviamente
occorre una certa dose di fiducia prima che gli interpellati inizino a raccontare ad un
estraneo i propri ricordi delle seduzioni avvenute durante l'infanzia. Utilizzando questi due
studi come i più accurati fatti a tutt'oggi, si scopre che il 38% delle donne intervistate da
Russell e il 45% di quelle intervistate da Wyatt ricordavano abusi sessuali avvenuti
in famiglia e/o al di fuori della famiglia avvenuti durante l'infanzia, almeno la metà
dei quali di tipo direttamente incestuoso.
E’ molto più difficile ottenere cifre tanto accurate di confessioni di ricordi seduzione
infantile da parte di uomini. Altri studi riportano cifre più basse perché provengono da
questionari semplici. Quantunque un confronto tra le violenze su bambini e su bambine
mostrano una percentuale più bassa per quello che riguarda i maschi, dell'ordine di un
terzo, pare evidente che gli uomini sono più riluttanti a parlare delle molestie sessuali
ricevute, in parte perché nei maschietti la molestia spesso avviene in età più
precoce e in parte perché probabilmente per un maschio è ancora più difficile che
per una femmina ricordare la violenza subita. Dal momento che la ricerca fu fatta su
base di interviste dirette, il 30% dello studio di Landis è indubitabilmente il più attendibile
che esista su ragazzi. Per questo motivo, le stime più realistiche sui ricordi di abusisessuali perpetrati durante l'infanzia che riguardano gli Stati Uniti parlano del 40% per le
ragazze e 30% per i maschi, almeno metà dei quali direttamente incestuosi per
quanto riguarda le femmine e circa un quarto direttamente incestuosi per quanto
riguarda i maschi.

Tuttavia, perfino queste cifre decisamente sorprendenti sono solo una parte della reale
frequenza dei fatti. Quattro fattori addizionali rendono le cifre reali sicuramente più alte:
1. I gruppi interpellati non includono sottogruppi della popolazione americana che
subiscono un numero decisamente più alto della media di esperienze di molestie sessuali,
gruppi che comprendono i criminali istituzionalizzati, le prostitute, i giovani detenuti e gli
psicotici.
2. Gli studi conteggiano solo le ammissioni di abusi agli intervistatori ed è improbabile che
nessun ricordo conscio sia stato soppresso durante l'intervista.
3. Una larga percentuale di persone per ogni studio rifiutò di essere intervistata e
queste persone probabilmente erano quelle che avevano subito più abusi delle altre.
4. Bisogna inoltre tenere presente, come fatto molto importante, che questi studi prendono
in considerazione solo ricordi chiaramente coscienti di fatti - i ricordi inconsci che
normalmente venivano scoperti solo durante la psicoterapia avrebbero fatto salire le cifre.
E’ possibile correggere queste cifre sull'incidenza statistica tenendo presente i seguenti
fattori. Anche se solo l'11% delle persone che hanno risposto a Russell ricordavano di
essere state vittime prima di aver raggiunto i cinque anni d'età, un altro studio dimostra
che l'età più comune di abusi sessuali riferiti alle autorità è dì quattro anni, mentre
altri studi dicono che tra il 21 e il 50% delle vittime di abusi sessuali riferiti coinvolge
bambini al di sotto dei cinque anni. Poiché poche persone coscientemente ricordano
eventi traumatici di qualunque genere avvenuto prima dei cinque anni, e poiché il grafico
della distribuzione degli abusi sessuali per età spazia tra i due e i sedici anni, le cifre di
incidenza riportate sopra dovrebbero essere elevate con un aumento di almeno il 50%
tenendo in conto questi tre fattori. Perciò le percentuali di incidenza potrebbero essere
del 60% per le ragazze e il 45% per i ragazzi degli USA.
Questi dati sulla seduzione infantile sono presi in considerazione dai ricercatori come
ricordi reali e non come fantasie. Non solo molti ricercatori, come Russell, concludono che
"la discrezione era un problema significativo... e non l'invenzione delle esperienze", ma un
altro studio svolto di 53 donne che cercavano di confermare indipendentemente ricordi di
incesti avvenuti durante l'infanzia, sosteneva che il 74% poteva essere positivamente
confermato più un altro 9% indirettamente confermato, mentre nessuno venne
scoperto essere solo frutto dì fantasia. Per via di questi problemi di affidabilità, studi e
rapporti sui ricordi di seduzioni infantili devono essere presi con diffidenza come ai tempi
di Freud. I ricordi raccontati a questi studiosi non erano vaghe immagini ricostruite in
psicoterapia, né erano racconti di episodi dì esibizione di genitali al bambino o altri
approcci sessuali senza contatto fisico. Né d'altra parte alcuno di questi studi indagò su
quei comuni traumi di tipo sessuale quali regolari clisteri o percosse in zone
sessuali, fatti che comunque nella maggior parte dei casi vengono vissuti dai
bambini come seduzione genitale.

Queste cifre erano limitate a chiari ricordi di esperienze di manifesti contatti, quali rapporti sessuali, fellatio, cunnilingus, reciproca masturbazione, rapporti anali e il baciare o succhiare seni o genitali del e da parte del bambino.

Le circostanze in cui avvengono queste seduzioni sono state documentate in una vasta letteratura sulle molestie sessuali, di cui solo una minima parte può essere citata qui.  Russell scoprì che "la maggior parte dei molestatori viveva sotto lo stesso tetto delle vittime."

La maggior parte (85%) dei molestatori era almeno di cinque anni più vecchio della vittima.  Dei casi di incesto su bambine, gli zii erano responsabili nel 25% dei casi, seguiti in quanto a frequenza dai padri (15%), fratelli (12%) e fratellastri (8%).

Le donne commettono incesto più raramente - per lo meno in America - anche se il numero può essere più alto di quanto non appaia, poiché gli studi sulle esperienze della prima infanzia svolte su ragazzi di sesso maschile sono appena abbozzate (ci sono studi che parlano di madri molto seduttive nei confronti dei figli maschi, fatto osservato anche quando i colloqui si svolgevano in situazioni ambulatoriali).

Anche quando il fautore della molestia non è un parente, il genitore o il tutore sono in qualche modo implicati in almeno l'80% dei casi.  Un altro 20% prevede casi in cui i genitori invitano vicini o amici a dormire con i loro figli, non fanno nulla quando i fratelli maggiori molestano le sorelle minori, o lasciano i bambini in mano a baby-sitter anche dopo aver avuto prove della molestia subita dai figli da parte di queste, oppure ancora permettono che i figli continuino a frequentare, anche da soli, amici che li hanno palesemente molestati.

Si deve perciò concludere che la maggioranza dei casi di molestie sessuali perpetrate a danno di bambini o viene attuata da chi dovrebbe prendersi cura di loro, o è stata consciamente o inconsciamente favorita dagli adulti responsabili.

 

Studi recenti hanno sfatato molti miti sugli abusi sessuali:

 

L'abuso viene sperimentato ad un'età molto inferiore a quanto non si ritenesse - l'81 % avviene prima della pubertà e il 42% sotto i 7 anni - ed è attuato in forme molto meno lievi di quanto non si pensasse - anche in caso di bambini molto piccoli, la seduzione implica penetrazione orale, anale o genitale. 
La seduzione di bambini piccoli da parte di adolescenti, una volta etichettata facilmente come "sperimentazione", è risultata invece essere un problema serio, spesso il risultato di una seduzione precedente subita dall'adolescente o frutto di un'altra esperienza altrettanto traumatica.  Infatti, alcuni studi mostrano che metà dei casi riportati di molestie sessuali su bambini e il 20% di tutte le violenze sessuali vengono commesse da persone al di sotto dei 18 anni.
Contrariamente a quanto si riteneva una volta, che cioè l'abuso sessuale avvenisse principalmente nella popolazione povera, bisogna dire che non esiste correlazione tra classe economica e numero di abusi.  La maggior parte dei pedofili è di sesso maschile, anche se recenti ricerche stanno portando alla luce più seduzioni femminili di bambini di quanto non si conoscesse precedentemente, in particolare dal momento che, come ha sottolineato Lew, "l'attività sessuale tra una donna più vecchia e ragazzini giovani viene raramente considerata abusiva".
In generale, solo circa il 2% degli abusi sessuali incestuosi viene alla luce e solo una minima parte di questi vengono puniti, anche oggi, e bisogna ammettere che la società ha davvero poco interesse ad impedire questa pratica.
Per finire: il numero degli episodi di molestie per bambino può essere notevolmente alto; mentre nello studio di Russeli si afferma che nel 43% del casi di abuso incestuoso questo viene ricordato e riferito come episodio singolo, un altro studio sostiene che la durata media degli abusi è di cinque anni.

 

La miglior prova delle cause della pedofilia viene fornita dai rapporti clinici degli psicoterapisti che hanno scritto profusamente sull'argomento.  Il pedofilo, in modo simile ad altri pervertiti, soffre di grave mancanza di amore e paure di individuazione nella sua infanzia e teme e desidera contemporaneamente di fondersi con la madre a causa di un enorme bisogno di reintegrare l'unità madre-figlio.

 

Molto spesso emergono episodi di abusi da parte di pedofili nei primi anni di vita. Da adulto, il pedofilo deve fare sesso con bambini per poter mantenere l'illusione di essere amato, mentre allo stesso tempo avverte il bisogno di dominare i bambini come lui stesso a suo tempo è stato dominato, ripetendo attivamente il sadismo subito a suo tempo.  Il pedofilo usa il bambino come un sostituto di seno, sia nel senso di usarlo/la per gratificarsi, sia come oggetto di aggressione sadica.

 

L’attività sessuale del pedofilo è incredibilmente compulsiva perché scongiura i ricorrenti sensi di frammentazione, depressione e morte.  Questo aiuta a spiegare perché gli oggetti sessuali del pedofilo sono così intercambiabili e perché un pedofilo attivo spesso seduce centinaia di bambini nell'arco della sua vita.  La seduzione di bambini è una difesa disperata contro le paure di disintegrazione personale.  Non bisognerebbe quindi considerarla - come normalmente viene fatto da storici e antropologi - come "un'esplosione di sessualità istintiva" o come causata da "mancanza di controllo degli impulsi” o come un "superego debole".  Gli adulti che molestano i bambini hanno dei superego estremamente forti e punitivi e spesso sono profondamente religiosi.  Sono spinti a compiere i loro atti non dai loro istinti sessuali, ma dalle loro schiaccianti angosce intrapsichiche.  Non è sorprendente che solo recentemente e dopo che alla pedofilia è stata attribuita la serietà della perversione, si siano trovati metodi terapeutici efficaci.

 

Pare che finalmente siano finiti i tempi in cui si poteva negare che la seduzione sessuale è estremamente traumatica per i bambini.  Più appaiono studi che parlano degli effetti sull'abuso sessuale su bambini, più ci si rende conto di quanto gravi siano i danni.

 

La montagna di libri e di articoli che documentano i problemi emozionali delle vittime, sia in età infantile, sia delle stesse persone da adulte, deve essere letta con attenzione e nei dettagli per rendersi conto del profondo senso di tradimento e delle paure terrificanti che provano i bambini, tanto che anche singoli episodi hanno il potere di rovinare per sempre una vita. 

 

Reazioni somatiche gravi, depersonalizzazione, odio per sè stessi, attacchi isterici, depressione, formazione di personalità borderline, promiscuità, disfunzioni sessuali, suicidio, automutilazione, terrori notturni e fiashback, personalità multiple, disturbi da stress post-traumatico, delinquenza, bulimia e il blocco delle emozioni e delle capacità sono alcune delle conseguenze documentate.

 

Più frequente è l'abuso e più avviene in età precoce e peggiori sono i danni.

 

Al di fuori degli Stati Uniti è stato pubblicato solo uno studio altrettanto affidabile: milletrecento pagine dì relazione su interviste faccia-a-faccia condotte dall'organizzazione Gallup per il governo del Canada su oltre 2000 tra uomini e donne, relazione che arriva alla conclusione che l'ordine di grandezza della portata degli abusi è molto simile a quella degli studi condotti in USA.  Nell'America Latina, gli antropologi riferiscono che esiste una grande frequenza di attività sessuale all'interno della famiglia e che la pederastia è molto diffusa come parte del comportamento sessuale maschile, da macho, anche se non esistono dati statistici fidabili sull'argomento.

 

A Puerto Rico, per esempio, Oscar Lewis ha scoperto un alto tasso di "pericolo di seduzione da parte dei patrigni, rivalità sessuale tra sorelle, tra madri e figlie e bambini eroticamente stimolati dalle madri o da altri membri della famiglia".

 

E.N.Padilia parla di casi di genitori che regolarmente masturbano il pene di neonati e bimbi molto piccoli e Romon Frendandez Marina ha scoperto che i padri di Puerto Rico spesso masturbano in pubblico i loro figli maschi per dimostrare la loro mascolinità agli amici.  In Messico, J.M.Carrier ha notato che sono molto frequenti i rapporti sessuali tra uomini adulti e nipoti, cugini o vicini di casa dell'età compresa fra i 6 e i 9 anni.

 

Le tecniche di indagine attraverso le interviste, in Europa, sono indietro di almeno due decadi rispetto agli Stati Uniti e, poiché vengono ancora utilizzati questionari, riferiscono di una percentuale al di sotto dell'uno per cento per quanto riguarda gli abusi sessuali.  La maggior parte degli studi condotti in Europa non prende in considerazione la frequenza statistica, anche se alcuni - come una serie di studi sull'incesto condotti in Scandinavia - parlano di notevole accettazione generale dell'incesto in alcune aree rurali.

 

 

 

 

Vale particolarmente la pena di menzionare uno studio recente effettuato nel Cantone di Ginevra da Jérome Laederach su un campione di 1193 adolescenti appartenenti a 68 classi tirate a sorte tra 201 classi della nona classe dei 17 cicli del Cantone di Ginevra. Questo campionario era rappresentativo degli allievi iscritti alla nona classe nel 1994-1995.
In questi 1193 potenziali partecipanti, 1130 erano presenti al momento della somministrazione del questionario. Nessun rifiuto di partecipazione è stato registrato. 11 adolescenti non hanno indicato il loro sesso, 2 hanno restituito il loro questionario in bianco ed 1 è stato scartato per le sue risposte ostentatamente fantasiose. I nostri risultati riguardano dunque 1116 questionari analizzabili, ovvero 548 ragazzi e 568 ragazze.
L'età dei partecipanti andava da 13 a 17 anni, il 96% da 14 a 16 anni.
Diffusione E Tipo Di Abuso

Globalmente, 60 (10,9%) bambini e 192 (33,8%) bambine hanno riportato di avere fatto l'esperienza di un'attività sessuale abusante almeno una volta nella loro vita.
Queste attività sono state descritte secondo le loro caratteristiche specifiche e raggruppate in categorie con o senza contatto fisico.
Tutte queste attività sessuali abusanti, hanno maggiormente afflitto le ragazze, tranne le attività dipendenti dalla presenza di materiale pornografico. Le ragazze hanno riportato abusi con contatto fisico 6 volte più spesso dei ragazzi e abusi senza contatto 2 volte più spesso.

Eta'  Delle Vittime All'epoca Dei Primi Abusi

Gli avvenimenti riportati hanno avuto luogo la prima volta, prima dell'età di 12 anni in 92 bambini (46,5%) abusati che hanno fornito informazioni su questo punto. Questa popolazione non differisce tra ragazzi e ragazze né tra le categorie di abuso. In compenso, questi risultati ci indicano ugualmente che più della metà dei primi abusi subiti sono avvenuti 3 anni prima dell'inchiesta. Tra questi, una dozzina di ragazzi e ragazze precisano ancora di subire, al momento dell'inchiesta, una situazione abusante.

Numero Di Episodi Abusivi Subiti Dalla Vittima

Per quanto riguarda la frequenza degli abusi, l'episodio abusante costituisce un avvenimento unico per 97 ragazze (59,5%) e 29 ragazzi abusati (65,9%). Delle recidive sono state descritte più frequentemente negli abusi con contatto fisico che negli abusi senza contatto. Queste recidive sono importanti, 6 volte in più per quasi il 10% di queste vittime.

Legami Con L'abusante

Sull'insieme delle attività sessuali abusanti per cui queste precisazioni sono state ottenute, 139 (62,1%) sono state da parte di persone conosciute dalle loro vittime. La proporzione degli abusi commessa da un membro della famiglia (in senso largo) era più elevata nelle ragazze (20,5%) che nei ragazzi (6,3%). Inversamente, la proporzione degli abusi commessa da una persona conosciuta ma non apparentata era più elevata nei ragazzi (64,6%) che nelle ragazze (39,2%). Gli abusi senza contatto fisico erano più frequentemente da parte di sconosciuti (58,3%) di quelli con contatto (27,7%).

Sesso Dell'abusante

In totale, 191 (90,1%) dei 212 abusi di cui è stata data informazione, sono stati commessi da uomini che agiscono da soli, senza differenza rilevante tra le diverse categorie di abusi . I ragazzi hanno descritto di più l'abuso con contatto fisico commesso su di loro da una donna (27,8%) rispetto alle ragazze (1,9%).

Eta' Dell'abusante

Su 201 abusanti la cui età approssimativa è stata indicata dai partecipanti, 71 (35,3%) avevano meno di 18 anni all'epoca dei fatti.

Tipologia Di Abuso

Tutti gli abusi sessuali sono gravi. Tuttavia, se possono essere causa di sofferenza e di oltraggio alla salute del bambino, non presentano lo stesso grado di gravità le conseguenze che ne derivano. E' dunque di primaria importanza tentare di precisare i fattori di gravità e definire una tipologia degli abusi sessuali del bambino, corrispondente a questi fattori.
Parecchie recenti pubblicazioni hanno passato in rivista i fattori associati alla gravità degli abusi sessuali del bambino. Tra questi differenti fattori, solo alcuni sembrano giocare un ruolo indipendente: questi sono il tipo di abuso, la relazione tra l'abusante e la vittima e la differenza di età. L'effetto di questi fattori è modulato da elementi circostanziali aggravanti, ovvero l'utilizzazione di violenza fisica o di minacce e di elementi post-abusivi protettori, la rivelazione della situazione e la risposta data a queste rivelazioni.


Così si è cercato di stabilire a partire dai dati una classificazione degli abusi sessuali basati su questi fattori di gravità. Tre gruppi principali di situazioni sono state schematicamente distinte:

Esibizionismo o aggressione sessuale, da parte di un adulto
Abuso di un adolescente da parte di un coetaneo
Abuso di un bambino da parte di un adulto, con contatto e penetrazione

Questa suddivisione mostra situazioni ben caratterizzate nel loro profilo e senza dubbio molto differenti riguardo alle loro ripercussioni sulla salute e alle loro implicazioni per la prevenzione.

Rivelazione Degli Abusi Da Parte Delle Vittime

Tra i 242 adolescenti che hanno riportato almeno un abuso sessuale, 122 ragazze
(63,5%) e 25 ragazzi (41,7%) ne hanno parlato con qualcuno, in modo non
significativo in funzione del tipo di abuso. Tra queste, 7 ragazze (ma nessun ragazzo) non sono state credute. Un quarto dei ragazzi e delle ragazze dichiarano di essere stati aiutati. Per i ragazzi, il tipo di abuso sessuale (con o senza contatto) non era significativamente legato agli effetti della rivelazione; per le ragazze, in compenso, si notano significative differenze a seconda del tipo di abuso: 38,6% delle ragazze, avendo subito abusi senza contatto sono state aiutate in seguito alla rivelazione, contro il 15%, rispettivamente 33,3% di quelle che hanno subito toccamenti o una penetrazione. Le ragazze vittime di toccamenti o di penetrazione , più frequentemente hanno domandato al loro interlocutore di conservare il segreto (64,9% e 47,6%) rispetto alle vittime di abusi senza contatti (22,7%). Gli amici (e) sono stati i confidenti privilegiati (23,3% dei ragazzi ed il 27,6% delle ragazze), seguiti dalle madri (21,7% dei ragazzi e 27,6% delle ragazze) poi dai padri e dai fratelli. Gli altri interlocutori, specialmente i professionisti, sono stati sollecitati meno frequentemente. La scelta dell'interlocutore era legata al tipo di abuso. In modo generale, si costata che più è grave l'abuso (toccamenti, penetrazione) più le vittime hanno la tendenza a confidarsi con i loro amici e meno con uno dei genitori. Invece, non si osserva alcuna relazione tra il fatto di aver ricevuto una informazione e la frequenza della rivelazione.

 

Anche se non esistono statistiche affidabili per la maggior parte delle nazioni europee, un recente fiorire di libri, articoli e hotlines telefoniche attivate da associazioni per la protezione del fanciullo maltrattato, parlano di notevole diffusione delle molestie sessuali. Attraverso un recente programma televisivo della BBC, Child Watch, fu chiesto alle ascoltatrici - un campione vasto e significativo - se avessero ricordi di molestie sessuali e, delle 2.530 risposte analizzate, l'83% ricordava di averne subite sotto forma di toccamento dei genitali, mentre il 62% delle interpellate parlava di rapporti sessuali completi.

 

Stime ufficiali in Germania parlano di 300.000 casi annui di bambini tedeschi molestati o violentati e le hotlines telefoniche per le denunce di abusi sessuali sono sempre più diffuse.

 

Infine, lo studio europeo più accurato svolto finora è un'inchiesta tedesca non ancora pubblicata svolta dall'Institut fűr Kindheit (istituto per l'infanzia) che, per la prima volta al mondo, ha osato fare domande ai bambini stessi sulle loro esperienze sessuali. Questi ricercatori sembrerebbero aver appurato che esiste un tasso dell'80% di molestie sessuali tra gli scolari di Berlino.  Si conosceranno i dati esatti di questa indagine quando verrà pubblicata.  Può darsi che l'interrogazione diretta sui bambini possa mostrare un'incidenza maggiore di questi fenomeni che non il ricordo retrospettivo da parte di adulti, se paragoniamo questi risultati a quelli americani ottenuti attraverso i dati raccolti tra gli adulti (60% e 45% per maschi e femmine negli Stati Uniti).

 

La linea verde italiana "SOS-infanzia" - inizialmente mai vista dal pubblico - ha portato alla luce una vasta rete di pedofili, prostituzione infantile e di molestie da parte di guide boy-scout sia di sesso maschile che femminile, così come una gran diffusione di abusi sessuali su bambini nell'ambito della famiglia, con una particolare enfasi sulla pederastia nei ragazzi.

 

Relativamente alla realtà italiana abbiamo, attualmente, solo dati riferiti a realtà circoscritte, parziali e non suscettibili di essere confrontati con gli studi internazionali. Riportiamo a titolo di esempio i dati pubblicati dal CBM di Milano, pertanto relativi soltanto alla Lombardia.

 

In base al monitoraggio dell'attività del CBM dal 1985 al 1994, il maltrattamento rappresenta il 36%, situazioni a rischio in senso lato il 24,2%, la trascuratezza il 18,2%, l'abuso sessuale il 12%, il maltrattamento psicologico l'8,5%.

Nel decennio, i casi segnalati sono passati da 75 a 300 all'anno.

 

L'abuso sessuale è omogeneamente diffuso nelle varie fasce della popolazione generale (si tende invece a ritenere che sia maggiormente espressione delle fasce più svantaggiate, perché è da queste che arriva la prevalenza dei casi segnalati ai Servizi).

Relativamente al genere, le stime internazionali sull'abuso sessuale, oscillano tra il 7% ed il 36% per le femmine e tra il 3% ed il 29% per i maschi; in generale la maggior parte degli studi hanno evidenziato un'incidenza fino a 3 volte superiore per le femmine rispetto ai maschi. In rapporto all'età, nei servizi la fascia più rappresentata di abuso sessuale è quella adolescenziale, in quanto gli adolescenti parlano, ma è la preadolescenza il periodo a maggior rischio per l'abuso sessuale intrafamiliare, con un picco tra gli otto e i dodici anni (Green 1997). Questi dati indicano il momento in cui viene conosciuto l'abuso che, tuttavia, risulta iniziato molti anni prima. Il dato ci conferma quanto sia difficile riconoscere precocemente l'abuso sessuale. Infatti, la fascia prescolare (0-6) è largamente sottostimata, soprattutto in rapporto all'abuso intrafamiliare, poiché vi è la tendenza della famiglia abusante a coprire o a negare l'evento, e l'abuso tende con più facilità a rimanere segreto.

 

Per l'Italia i dati CENSIS più recenti (1998) riportano una prevalenza di circa un caso su 400 bambini, con i due terzi delle denunce che riguardano casi di abuso sessuale intrafamiliare, a carico del padre, nonno o zio del minore coinvolto. L'abuso sessuale extrafamiliare, in base ai casi denunciati, è l'8%.

 

Il 90% degli abusi sessuali è accompagnato da violenze fisiche.

Un dato certo è che il fenomeno è essenzialmente non estemporaneo, infatti è prevalente una modalità abusante che si protrae nel tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
A2     Fattori Di Rischio E Sintomi Negli Abusi Sessuali
 
 
 

 

 

 

 


Per lo studio dell'abuso sessuale e del maltrattamento, sono più utili ipotesi multifattoriali rispetto all'approccio di tipo epidemiologico. Infatti questi ultimi studi si fondano su vastissime popolazioni e lasciano poco spazio per analizzare ed articolare tra loro le singole variabili. E’ necessario precedere l'incrocio di più indicatori per osservare fenomeni come il maltrattamento o l'abuso sessuale. Diversi autori stanno cercando di costruire un modello multifattoriale dell'abuso verso l'infanzia per arrivare a costruire una serie parallela di fattori convergenti oppure una catena causale sequenziale che porterebbe all'abuso.

 

Browne (1988) sostiene che sull'abuso familiare (fisico, psicologico, sessuale) convergono:

stress strutturali (isolamento sociale, disoccupazione, abitazioni disagevoli, problemi di salute e disponibilità di risorse)
stress situazionali ( relazioni familiari logoranti, personalità dipendenti, narcisistiche, con bassa stima di sé, con passaggio all'atto, con modelli di identificazioni negative)

 
I fattori di rischio più comunemente individuati per l'abuso sessuale, sono raggruppabili in tre categorie principali:

 

Sociali : reddito basso, provenienza da aree rurali e piccoli centri, e rispetto all'abuso paterno il livello socio-culturale medio-basso, i dati si riferiscono solo ai casi che arrivano ai Servizi pubblici.
Relativi al bambino: età 8-12 anni, scarsa vicinanza con la madre, disaffezione paterna, presenza di diversi disturbi psicopatologici, isolamento dai pari, capacità di comprensione dell'evento.
Relativi ai genitori e alla tipologia familiare : presenza di un patrigno , stile educativo punitivo, coppia altamente conflittuale, problemi psichiatrici dei genitori, legame seduttivo con il bambino.
 

 

Indicatori degli abusi sessuali

 

Per l'abuso sessuale, gli indicatori più frequentemente menzionati sono:

patologia psichiatrica, alcolismo, tossicomanie
matrimonio contratto in giovane età
prole numerosa
difficoltà sessuali dei coniugi
paura di disgregazione familiare
promiscuità sessuale
tendenze simbiotiche-endogamiche
Nell'abuso sessuale possono essere descritte due tipologie di personalità paterna e materna che si intrecciano tra loro in modo caratteristico.

 

Personalità paterna

1° tipologia

rigido, autoritario, violento
inibente la vita sociale ed affettiva esterna dei figli
insensibile ai sentimenti e bisogni degli altri.
2° tipologia

dipendente e succube dalla moglie
maltrattato nell'infanzia
inversione dei ruoli coniugali.
 
Personalità materna
1° tipologia:

passiva, succube, vittima di maltrattamenti
rifiutata dalla famiglia di origine
esperienze incestuose
2° tipologia

autoritaria e centrale economicamente
rifiutante la propria famiglia
molto impegnata lavorativamente per cui perde il ruolo genitoriale e coniugale e delega alla figlia il proprio ruolo.
 

Abusi sessuali intrafamiliari

 

Si riconoscono tre diversi sottogruppi:

 

• abusi sessuali manifesti

• abusi sessuali mascherati

• pseudoabusi

 

Gli abusi sessuali manifesti

 

abusanti:

padri e figure maschili a connotazione paterna (nuovi partner)

madri

tra fratelli e sorelle

nonni, zii conviventi

 

abusati :

maschi / femmine
 
Gli abusi sessuali mascherati comprendono:

 

• le pratiche genitali inconsuete

• l'abuso assistito

 

Le pratiche genitali inconsuete, quali i lavaggi dei genitali, le ispezioni ripetute (anali, vaginali), le applicazioni di creme nascondono gravi perversioni o gravi strutture psicotiche dei genitori responsabili dell'erotizzazione di questi comportamenti connotati da una forte intrusività sessuale che danneggia gravemente la coscienza corporea del bambino. Questi abusi si accompagnano talvolta a macchie discromiche nell'area anogenitale dovute all'applicazione incongrua di pomate e creme vaginali, alle abluzioni o ad alterazioni fisiche e infezioni ricorrenti.

 

Gli pseudoabusi

 

A questo gruppo appartengono abusi dichiarati ma in realtà non concretamente consumati, trattandosi di una :

 

• convinzione errata, a volte delirante, che il figlio o la figlia sono stati abusati

• consapevole accusa di un coniuge contro l'altro coniuge

• dichiarazione non veritiera dello stesso ragazzo o ragazza.
 
 

Abusi sessuali extrafamiliari
 

L'abuso sessuale extrafamiliare riguarda indifferentemente maschi e femmine e si radica in una condizione di trascuratezza affettiva che spinge il bambino e la bambina ad accettare le attenzioni affettive erotizzate di una figura estranea.

 

I segni di riconoscimento degli abusi sessuali

 

Per quanto riguarda la diagnosi medica dell'abuso sessuale, va precisato che in molte forme di abuso sessuale non ci sono segni da rilevare. Anche in presenza di segni fisici non si ha la certezza che il bambino abbia subito un abuso, né è possibile in molti casi individuare con precisione l'abusante. Abusi sessuali compiuti in modo non violento, con "tenerezza", utilizzando ad esempio dei lubrificanti, non lasciano segni evidenti. Può comparire soltanto un leggero arrossamento che scompare rapidamente. Al contrario i segni di penetrazioni attuate con violenza portano a sofferenze e sanguinamenti. Nei bambini molto piccoli i segni abbastanza tipici degli atti di libidine ripetuti sono costituiti da circoli vascolari piuttosto intensi riscontrabili all'ispezione dei genitali. Nessun segnale considerato isolatamente consente la diagnosi, ma il complesso degli indicatori va contestualizzato.

 

Altri segni di abuso possono essere:

 

• la difficoltà a camminare e a sedersi

• i graffi vicino alla zona genitale

• i corpi estranei nella vagina o nel retto

• le tracce di liquido seminale

• lesioni emorragiche

• le infezioni trasmissibili sessualmente

• le gravidanze in adolescenza

• la pubertà precoce.

 

Accertamento degli abusi sessuali

 

• uno o più colloqui con il minore e con gli adulti che lo accompagnano

• visita medica

• esame fisico generale

• esame obiettivo locale (con particolare attenzione alle regioni genitale perigenitale ed anale)

• accertamenti di laboratorio

• eventuale documentazione fotografica delle lesioni riscontrate.
 
 

Spesso è possibile osservare lesioni acute e raccogliere eventuali campioni biologici, (per successivi accertamenti di laboratorio) nelle 72 ore successive l'ultimo episodio di abuso. Quando l'accertamento si realizza in un intervallo di tempo superiore, l'urgenza di compiere determinate indagini non è più assoluta. La gran parte dell'obiettività clinica iniziale è infatti scomparsa.

 

La visita medica

 

Si basa sull'esame clinico generale e sull'esame obiettivo locale ponendo, per quest’ultimo, particolare attenzione all'area genitale, perigenitale e anale.
 
  L'esame clinico generale

 

All'esame obiettivo possono essere riscontrate lesioni elementari:

 

• ecchimosi

• abrasioni

• escoriazioni

• unghiature

• ferite

• fratture

 

Nelle lesioni elementari è necessario stabilire natura, antichità, sede, cronologia e compatibilità con un mezzo lesivo.

Ricordiamo alcune delle lesioni che possono essere interpretate come secondarie a manovre violente di afferramento e costrizione

• lesioni contusive da afferramento agli avambracci, ai polsi e ai fianchi (ecchimosi, escoriazioni, unghiature)

• lesioni contusive al volto inferte con schiaffi o pugni

• contusioni ecchimotiche a livello toracico da immobilizzazione

• lesioni ecchimotico-contusive con escoriazioni e unghiature sulla faccia mediale delle cosce nelle regioni perigenitali e del perineo

• lesioni da suzione e/o da morso nelle regioni mammarie, sul collo, sulle natiche (valutare la distanza tra le soluzioni di continuo nel morso).

 

È inoltre possibile repertare frammenti di cute o di capelli sotto le unghie o tra gli abiti del minore nel caso di resistenza fisica all'aggressore.

 

L'esame obiettivo locale

 

L'esame obiettivo locale è volto all'accertamento di lesioni in sede genitale, anale e perineale (anche in questo caso il ricorso agli schemi corporei è raccomandabile).

È importante valutare correttamente, con descrizione precisa e dettagliata:

 

• la morfologia dei margini imenali

• la localizzazione delle incisure

• la profondità delle stesse lungo la parete imenale

 

La penetrazione anale è di evidente difficoltà diagnostica, soprattutto quando l'intervallo di tempo intercorso dall'abuso è di due-tre giorni.

È possibile obiettivare segni del tutto aspecifici quali:

 

eritema localizzato
edema dei tessuti perianali
ragadi e/o emorroidi
lesioni contusivo-ecchimotiche con escoriazioni e unghiature sui testicoli.
In generale è indispensabile effettuare una diagnosi differenziale con le più svariate patologie flogistico-reattive:
vulvo-vaginiti da sostanze irritanti
dermatiti allergiche
dermatiti infettive
vulvo-vaginiti, proetiti batteriche, micotiche, protozoarie sia acute che croniche
stitichezza cronica
 

Le indagini di laboratorio
 

Sono finalizzate ad accertare mediante tamponi vaginali e rettali la presenza di tracce di sperma e di saliva e di altri campioni biologici per identificare l'autore dell'abuso.

Nel sospetto di un rapporto orale è possibile la ricerca del liquido spermatico mediante tampone oro-faringeo o campione di saliva.

I tamponi vaginali potranno risultare positivi se eseguiti entro 2-3 giorni dalla violenza, i tamponi anali se eseguiti entro 5 giorni. I tamponi eseguiti in cavità orale si negativizzano dopo circa 21 ore.

La manifestazione in età infantile di malattie infettive a trasmissione sessuale a livello genitale e/o orale è suggestiva, seppur non probante, di abuso sessuale. Può assumere quindi grande importanza il successivo riscontro mediante accertamento laboratoristico di:

 

• gonorrea

• clamidia

• condilomi acuminati

• sifilide

• lesioni erpetiche

• tricomoniasi

• vaginosi batterica

• micoplasmosi genitali

• hiv (AIDS)

• epatiti B e C.

 

Infine è davvero importante eseguire test di gravidanza seriati anche quando la ricostruzione degli eventi non sembra far ipotizzare un tale rischio.

 

 

 

 

 

 
 
A3 SCHEDA  PSICOLOGICA
 
 

 

 

 

 


In età evolutiva il segno più importante di vittimizzazione (abuso fisico-psicologico-sessuale) è rappresentato dal cambiamento comportamentale
 
 

Segni clinici di cambiamento comportamentale
 

Fino a 6 anni di età
 
Disturbi del sonno
Disturbo condotte alimentari
Lamentele per dolori fisici ( cefalea, dolori addominali…)
Preoccupazioni insolite
Paure immotivate
Rifiuto nel mostrare il corpo nudo
Esplosioni emotive improvvise ( pianto, crisi di rabbia,mutismo)
Isolamento familiare/sociale
Aggressività contro adulti/coetanei
Autolesionismo
Interessi sessuali e comportamenti sessualizzati inappropriati all'età, masturbazione compulsiva 
 
Dai 6 anni in poi

 
Disturbi del sonno
Disturbo condotte alimentari
Lamentele per dolori fisici ( cefalea, dolori addominali…)
Preoccupazioni insolite
Paure immotivate
Rifiuto o compiacenza nel mostrare il corpo nudo anche in situazioni mediche, reattività al contatto fisico
Esplosioni emotive improvvise ( pianto, crisi di rabbia, mutismo )
Isolamento familiare/sociale
Aggressività contro adulti / coetanei
Autolesionismo
Interessi sessuali inappropriati all'età , masturbazione compulsiva, comportamenti sessuali promiscui
Passività, inibizione del pensiero
Depressione, isolamento
Difficoltà scolastiche
Oppositività, provocatorietà
Fughe
Comportamenti immaturi , regressione fasi evolutive precedenti
Tentativi di suicidio

 
Anche la presenza di un solo segno comportamentale, quando sia :

 

Improvviso
Perdurante Nel Tempo
Immodificabile Nonostante Le Strategie Di Rassicurazione Dell'adulto
Non In Relazione Ad Eventi e/o Cambiamenti Di Abitudini Di Vita

richiede un approfondimento psico-diagnostico urgente con operatori specificamente formati.

 

 

 

 

 

 

 

A4     Il Pedofilo
 
 

 

Se si eccettuano i rari casi in cui questo comportamento perverso genera un senso di colpa intollerabile o si correla ad ansie persecutorie insostenibili (paura di essere scoperto con esiti catastrofici riguardo il lavoro, la famiglia ecc.), il pedofilo cerca di gestire il suo desiderio sessuale, la sua perversione, «in proprio» e nel modo migliore possibile, considerandola sì anomala, ma non indice di patologia mentale.  Per cui sono altri, piuttosto che lo psicologo clinico, ad aver a che fare con questo tipo di soggetti; in particolare, appunto, coloro che in funzione del loro ruolo sono chiamati a intervenire giudizialmente, a seguito di denuncia o perché costretti ad intervenire d'ufficio, quando questo problema, uscito dall'ambito di segretezza e di omertà in cui solitamente opera, diventa «percepibile» e fa «scandalo».

 

Si crea dunque una situazione paradossale: chi, per competenza professionale, si occupa a fondo della struttura psicologica e delle dinamiche relazionali del problema, ha accesso a pochi casi e quindi non può incidere quantitativamente sulle sue dimensioni e sulla sua rilevanza sociali; chi invece ha maggiori possibilità di intervento, perché preposto istituzionalmente all'educazione e alla salvaguardia del minore, non possiede una adeguata conoscenza scientifica di orientamento.

 

Non dimentichiamo che la situazione diventa estremamente delicata quando il pedofilo è uno dei genitori; in tali casi il giudice è chiamato a decidere anche sul nuovo assetto familiare delle vittime (di regola minori); a tale riguardo i casi di pedofilia intrafamiliare, insieme al maltrattamento del minore, stanno diventando sempre più frequenti. In breve, il problema della Pedofilia ha chiaramente anche una dimensione forense, oltre che clinico-psicologica, che non può ulteriormente essere ignorata né dallo psicologo clinico, né dall'uomo di Legge, (né, ovviamente, dalle Istituzioni Educative) e che non può che essere risolto in un clima di interdisciplinarietà.

 

Inizierò trattando delle perversioni, in generale, tra le quali normalmente la pedofilia viene comunemente collocata.
Tratterò poi della natura e del significato specifico della pedofilia, mostrando come anch'essa, alla stregua di ogni altro complesso sintomatico, rappresenti comunque un modo per affrontare la sofferenza e la disperazione e sia quindi doveroso mettere da parte ogni indignazione per riservarle quella attenzione e quella comprensione che sono dovute ad ogni persona malata, per quanto odiose e sgradite siano le manifestazioni della sua malattia.

Per perversione si è sempre inteso riferirsi ad un comportamento sessuale deviante, nel senso o della scelta dell'oggetto sessuale, o dello scopo finale.  E' perverso, secondo la visione più accreditata, ogni scopo diverso da quello che consiste nel ricercare il piacere finale, vale a dire l'orgasmo, nell'atto del coito (perversione dello scopo); così come un tempo veniva considerata perversa ogni scelta oggettuale che non fosse riferita ad una persona del sesso opposto (perversione dell'oggetto), cioè ogni rapporto che non fosse eterosessuale e con persone sessualmente mature (certamente quest'ultima affermazione provocherebbe oggi grande clamore nell'ambiente omosessuale).

 

Occorre anche dire, per amore di giustizia, che anche il rapporto eterosessuale può essere di natura perversa, nella misura in cui il partner sessuale non viene considerato una persona, ma un mero oggetto di piacere. Per quanto riguarda la Psicoanalisi, che costituisce indubbiamente la scienza più aggiornata in materia, Freud scoprì che la pulsione sessuale esiste già nella prima infanzia, anche se all'inizio essa ha scopi e oggetti diversi da quelli a cui il soggetto tende nella pubertà e che realizzerà più o meno compiutamente a partire dalla età adolescenziale.

 

La sessualità infantile, secondo Freud, può avere nel corso dello sviluppo, tre possibili destini:

 

Quello di essere convogliata sotto l'egida della sessualità genitale.
L'individuo può, in tal caso, soddisfare la sessualità infantile residua (che Freud chiamò «polimorfo-perversa» o anche «pre-genitale», è che comunque sopravvive in ciascuno di noi accanto alla sessualità adulta) in parte nei così detti «giochi sessuali preliminari», cioè quei comportamenti sessuali che precedono il coito vero e proprio, in parte tramite la «sublimazione», cioè la trasformazione dell'attività sessuale in forme simboliche socialmente accettate (attività creativa, lavorativa, sportiva ecc.)

Quello di sfociare in un disturbo mentale per il frapporsi di seri ostacoli al suo normale soddisfacimento (odio, angoscia e paura).
      In tal caso l'individuo diventa nevrotico (o portatore di altre patologie) con difficoltà psichiche e sessuali (impotenza, inibizioni, fobie ecc,), che oltre a impedirgli l'evoluzione sessuale normale, esitano in sintomi o inibizioni.

Quello di essere soddisfatta direttamente, nelle sue forme infantíli pregenitali e «parziali» (orali, anali, sadiche, voyeristiche ecc.)

 
La sessualità infantile in tal caso sembra «imporre» le sue esigenze e le sue pretese di soddisfazione, senza accettare condizione alcuna; relegando, per così dire, la sessualità genitale ad un ruolo secondario e financo assente.

 

Non si tratta più, in quest'ultimo caso, di una sessualità infantile utilizzata come «piacere preliminare», ma di una sessualità che si impone come una attività sessuale sostitutiva e che pretende una soddisfazione diretta e nelle forme pre-genitali.

E' questa sessualità che caratterizza la categoria dei perversi, alla quale appartiene il pedofilo, anche se la natura della sessualità infantile di quest'ultimi si manifesta ed è sottesa da fantasie del tutto particolari e specifiche.

                                                       

Prenderemo ora in considerazione la pedofilia come oggetto specifico di indagine.

Possiamo cominciare col chiederci: che cosa contraddistingue la pedofilia dalle altre perversioni?  E ancor prima: in cosa consiste specificamente la pedofilia?

 

Freud, nello scritto su Leonardo da Vinci sostenne l'ipotesi che l'adulto tende, nel caso della pedofilia, a trattare il bambino allo stesso modo e prodigandogli le medesime cure che egli stesso avrebbe voluto dalla propria madre; vale a dire che Freud sostenne che la Pedofilia si fonda sull'identificazione con la madre.  Egli però non aveva ancora scritto il suo saggio sul narcisismo, né gli altri importanti saggi che mostrano come egli si rese conto che il rapporto pedofilo ha una struttura molto complicata, nella conformazione della quale (come ho gia mostrato) l'aggressività e il sadismo hanno una parte assai rilevante.

Oggi sappiamo che nella pedofilia entrano in gioco tutta una serie di elementi che potremmo così sintetizzare:

 

La vittima, il bambino, rappresenta il più delle volte il soggetto stesso, ma può anche rappresentare il rivale, il bambino della madre
 

I sentimenti e le pulsioni che entrano nella relazione sono sia di natura libidica (sessuale) che aggressiva
 

Il sentimento del pedofilo può oscillare da un vero e proprio «innamoramento» a un piacere sadico così esasperato da sfociare in una azione omicida
 

Il ruolo del pedofilo nella scena di seduzione può essere molteplice ed alternarsi di   continuo: cioè il personaggio rappresentato dal pedofilo nella sua azione perversa, può essere sia quello del se stesso bambino, sia quello del fratello rivale (nato o non nato che sia), sia quello materno che quello paterno.  Vale a dire che il pedofilo mette in scena una rappresentazione familiare complessa
 

La personalità del pedofilo è una personalità «scissa», in cui gli aspetti positivi e quelli negativi sono mantenuti separati tra loro e tra loro estranei. Tali aspetti possono prendere alternativamente il dominio della personalità del soggetto

 

 
Quello che domina prevalentemente la personalità del pedofilo che ha a che fare con la giustizia è certamente l'aspetto negativo, distruttivo, cinico; ma spesso tale aspetto è per così dire limitato ad una parte specifica della personalità del soggetto che, per il resto, vive i suoi rapporti interpersonali in un modo del tutto normale e persino socialmente bene integrato.

Per quanto riguarda la vittima del pedofilo, questa può essere una vittima occasionale, episodica, vale a dire utilizzata solo per soddisfare un impulso, un desiderio del momento.  Oppure può essere utilizzata come personaggio che fa parte di una rappresentazione che ha una durata nel tempo.  Il pedofilo mette in scena una sorta di psicodramma nel quale egli è attore e regista. 

Egli può trattare per un certo periodo il bambino in maniera amorevole come farebbe una madre che si occupa amorevolmente del suo bambino; e improvvisamente rappresentare un padre con cui il figlio instaura un rapporto omosessuale o anche un padre in collera che sadicizza il bambino punendolo per la sua ostilità nei suoi confronti.  Oppure il ruolo assegnato a sé e al bambino può anche essere univoco, stabile, rigido, come nei casi più gravi di schiavizzazione.

 

I personaggi rappresentati sono dunque sempre personaggi del «mondo interno» del pedofilo (il se stesso bambino o adolescente, il padre interno, la madre interna ecc.).

E' a motivo di questa varietà di contenuti rappresentazionali che non è possibile parlare di una personalità pedofila nel senso di una precisa configurazione di personalità, né è sempre possibile individuare la parte della personalità che sta proponendo o meglio riattualizzando la sua rappresentazione inconscia, né tale rappresentazione può essere sempre intuita prima che venga posta in essere, dato che il pedofilo può emergere come tale solo in determinate situazioni od occasioni, spesso mantenute oculatamente segrete.

 

Il protagonista di un famoso caso giudiziario, riferendosi all'omicidio della sua piccola vittima, un bambino di quattro anni, racconta: «Allora non avevo ancora l'idea di fuggire con uno o due bambini.  Volevo fuggire da solo.......più tardi incominciai a pensare di fuggire con un bambino di quattro-cinque anni, che avrei rapito.  Fu così che cominciai a

comperare anche gli indumenti e il necessario per il bambino»

 

Il pedofilo, poi omicida, era un figlio adottivo la cui madre lo aveva abbandonato pressoché alla nascita affidandolo ad un istituto. Egli lamentò inoltre la mancanza del rapporto e la scarsa comunicazione con il padre e la madre adottivi.  Egli imputava la sua solitudine ai genitori adottivi, anche se tale solitudine aveva radici ben più lontane, risalendo sia mancanza del padre naturale. Il bambino con cui voleva scappare rappresentava (almeno in un primo tempo) lui stesso in una fantasia di accudimento da parte di un genitore «ritrovato». Il fatto che le pratiche effettuate sul piccolo fossero di natura orale (fellatio) richiama poi la dimensione dell'allattamento in una nuova fantasia narcisistica, anche se la sua natura, dato che si tratta di materiale «di seconda mano», non è determinabile con precisione.  Poi tutto cambiò, con tragiche conseguenze per il bambino.

 

Quello che interessa far notare è che, nel caso citato, si evidenzia il fatto che la struttura pedofila ha origini molto lontane; in questo caso, come ho già detto, ha a che vedere con un abbandono materno.  Inoltre la coazione ad agire può rimanere a lungo allo stato latente, anche se un osservatore esperto avrebbe potuto individuarne i segni premonitori durante il periodo adolescenziale.

La pedofilia è dunque una situazione complessa che assume la connotazione di una vicenda umana drammatica vissuta dal soggetto dapprima solipsisticamente e successivamente rappresentata nella realtà esterna. Che si tratti di un problema antico quanto il mondo è provato poi dallo spazio che ha avuto, oltre che nella mente dei filosofi (Platone) anche nella mente degli artisti di ogni tempo.

 

Le componenti in gioco sono molte: il desiderio sessuale, la paura e l'aggressività; ma anche la frustrazione, la nostalgia, la solitudine.

Vi sono forme di pedofilia, che addirittura possono essere alla radice di processi artistici.  Vi sono stati coinvolti artisti di grande talento e sensibilità; basti pensare a Lewis Carroll e alla sua passione per le ragazzine che amava fotografare ossessivamente (vengono in mente fatti recenti), passione che sembra aver costituito la motivazione determinante che lo indusse a scrivere «Alice nel paese delle meraviglie» ; o al comportamento pedofilo di Oscar Wilde che fu condannato da un tribunale inglese.

 

Vi sono forme che trovano, in qualche modo, delle concause ambientali e che mostrano una certa «logica funzionale» anche se certamente non giustificabile.

La pedofilia è diffusa, ad esempio, non sempre in forme trascurabili, nelle istituzioni «monosessuali». 

Qualsiasi individuo che abbia trascorso un periodo in un collegio, maschile o femminile che sia, non può negare che aspetti

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Violenza sui bambini"?

Domande e risposte

Come denunciare abusi su minori se vivo in Inghilterra

Una AuPair italiana di Carpi (MO) si stava prendendo cura di mio figlio (cittadino italiano che vive ...

3 risposte
Sessualità nei bambini

Mia figlia di tre anni e mezzo da qualche giorno fa richieste molto strane ed espicite al padre ...

2 risposte
Come superare una depressione da tanti anni ed avere l'autostima più alta?

Sono una ragazza che soffre di depressione da qualche mese, ma perché ho avuto un periodo ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.