Angoscia e dolore, come uscire?

Vale

Salve a tutti, io ho iniziato a stare male all'età di 24 anni. Ho fatto un anno di terapia freudiana che mi ha amplificato solo il malessere. Decisi di cambiare e mi sono rivolta a una psicoterapeuta psicodinamica. All'inizio c'era il vuoto, la perdita di contatto con la realtà, anaffettività. Ero in uno stato veramente pietoso, avevo un ansia assurda quando entravo in contatto con gli altri. Ora a distanza di tre anni e qualche mese queste cose non ci sono più, gli attacchi di panico sono scomparsi. Sembra che nell'ultimo periodo la sensazione di disagio nel rapporto con gli altri stia svanendo. Ma c'è ancora questo dolore e angoscia e ho paura di non farcela. Sto lottando tutti i giorni e inizio a essere esausta di questo malessere perché vorrei godermi la vita, ho 29 anni e vorrei stare semplicemente bene e serena. Mi chiedo se funzionerà la terapia su di me..ma è possibile che ci vuole così tanto tempo?

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Vale, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa avere fiducia nella terapia ed approfondire con il/la terapeuta quelli che sono i pensieri che sorreggono il suo malessere al fine di trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.

Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL