Depressione

Ansia sociale, problemi nel trovare la mia personalità, disturbi nel linguaggio.

Luigi

Condividi su:

Buonasera a tutti, mi presento sono Luigi e ho 31 anni.
Mi sono iscritto a questo sito perchè comincio a sentire il peso di una disperazione sempre più crescente.
Da anni soffro di una condizione di totale insoddisfazione, sia dal punto di vista sociale che dal punto di vista lavorativo.
Le mie relazioni interpersonali scarseggiano, mi sento isolato, tremendamente solo, insoddisfatto e non compreso.
Tutto questo credo sia dovuto alla mia scarsa autostima, al non riuscire a fidarmi degli altri e al grande timore del confronto, del paragone e della critica,
Non riesco a trovare me stesso e sono consapevole che nel corso degli anni ho perso la mia vera personalità, il mio modo di essere, probabilmente perchè ho trovato solo persone sbagliate e ipercompetitive o semplicemente sono io sbagliato.
Questi problemi di autostima mi portano spesso a non riuscire a parlare in maniera corretta, non trovo mai le parole giuste, talvolta balbetto o pronuncio frasi semanticamente sbagliate, non riesco a seguire un discorso che perdo immediatamente la concentrazione, mi sento sempre inadeguato e inferiore a tutti, dovrei studiare ma non ho mai voglia di fare nulla, mi sono totalmente impigrito, non memorizzo quasi nulla di quel che leggo e fatico ad apprendere.
Un esempio banale è il non riuscire a creare mentalmente un itinerario quando sono in macchina per raggiungere un luogo che tra le altre cose conosco benissimo ma dimentico come ci si arriva.
Ciliegina sulla torta, tendo ad essere permaloso, selettivo, infantile e suscettibile tanto da portarmi a isolarmi anche da chi cerca di contattarmi e di invitarmi a uscire.
Ora mi ritrovo a dover affrontare una solitudine che non mi appartiene ma che reputo necessaria, perchè mi sento sbagliato, con indosso uno zaino stracolmo di sensi di colpa che mi pesa tantissimo.
Ho bisogno di respirare, voglio guarire da questa "malattia" a cui non so dare un nome specifico.
Come posso cambiare questa tremenda situazione?
Vi ringrazio per l'attenzione e mi scuso preventivamente per non essere riuscito a fare una sintesi chiara, non so più nemmeno scrivere.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Luigi


auguri per il suo onomastico di venerdì passato.
E' domenica pomeriggio, ho lavorato tutta la giornata nonostante sia un giorno di festa e adesso che sono le 20 ho deciso di fermarmi per una pausa di relax, ho aperto la posta per non avere scrupoli e ho trovato le richieste di aiuto sul portale Psicologia Italia, ho quindi letto la sua domanda e non ce l’ho fatta a voltare pagina, mi è salita una gran voglia di parlarle da vicino per farle alcune domande.
Provo attraverso questa lettera a stimolare in lei riflessioni che spero le potranno essere utili.
Questa convinzione che ha di se stesso “SONO SBAGLIATO” quando l’hai imparata?
Sicuramente se andasse indietro con la mente riuscirebbe a risalire al tempo e all’evento della sua vita che ha creato l’inizio di questa idea “sono sbagliato” che poi si è radicata in lei forse a causa di esperienze ripetute che hanno rinforzato la convinzione negativa di se stesso che ora le fa gestire tutte le esperienze, sociali e non, in questo modo che ritiene da incapace inadeguato impedito.
E’ quello il collegamento! Con molte probabilità da qualche parte inizia la sua esperienza di vita con questo fardello, una ferità che è diventata via via più profonda, un fardello che nel tempo è cresciuto per diventare l’impedimento maggiore nelle sue relazioni e nelle sue esperienze.


Affronti tutto con una psicoterapia EMDR e le tornerà il sorriso e la stima di sé, acquisirà sicurezza e supererà l’ansia. Ci sono tanti psicoterapeuti esperti come me ai quali può affidarsi anche con un trattamento online, ma non ci pensi due volte.
In bocca al lupo.


 

Ciao Luigi, ho letto attentamente la descrizione di ciò che ti accade e colgo tutto il tuo disagio. Sembra che tu ti sia analizzato egregiamente e sia arrivato potenzialmente alla fonte delle tue difficoltà: carenza di autostima. Ora però è opportuno iniziare a fare qualcosa per potenziare le tue risorse e riprendere in mano la situazione. Ti invito a valutare la possibilità di iniziare un percorso di supporto psicologico che possa aiutarti a migliorare la qualità della tua vita. Ricevo  su appuntamento sia a Napoli che a Salerno. Un saluto. 

Salve Luigi


mi dispiace per la sua situazione, credo che lei debba intraprendere un percorso di psicoterapia che la aiuti a stare meglio nella dimensione sociale e relazionale. Può iniziare la sua psicoterapia privatamente oppure rivolgendosi al consultorio o unitò di psicologia clinica della sua ASL.


Da quando tempo soffre di questa condizione? Chi dei suoi familiari è a conoscenza del suo malessere? Chi la potrebbe sostenere. Mi faccia sapere se condivide il mio punto di vista

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come affrontare una possibile depressione?

Premetto che non sono mai stata in terapia ma avrei voluto, per problemi economici non ho mai avuto ...

5 risposte
Ho 29 anni penso continuamente al suicidio

Buongiorno, mi chiamo Alex e ho 29 anni, è da tanto tempo ormai che medito il suicidio, ho ...

4 risposte
Come faccio a riprendermi? Non riesco a stare bene

Salve a tutti, sono una ragazza di 18 anni, vivo in un piccolo paese, non mi è mai mancato ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.