Depressione

Come imparare ad accettare le proprie scelte

Chiara

Condividi su:

Salve, ho 37 anni e sono arrivata in un punto della vita che il guardarmi allo specchio mi fa vedere solo una donna patetica. Ho avuto il primo figlio a 19 anni arrivato troppo presto da una relazione non basata sull'amore (da parte mia). Mi hanno cacciato di casa i miei genitori quindi mi sono ritrovata sola con uno zaino con cellulare, ricarica cellulare e il diario dei miei pensieri. Solo questo. L'unica soluzione era andare a vivere con il mio attuale compagno. Non avendo altra scelta ho costruito una famiglia con quest'uomo, sono diventata una madre di tre figli (unica ragione di vita) e una moglie. Ho smesso di essere donna in quanto non ho né un mestiere né amici, ho solo la mia famiglia. Ho tutto sulle mie spalle ma queste spalle ormai stanno crollando, non riescono più a trattenere il peso. Tra problemi economici, i soldi non bastano mai, tra i problemi giornalieri e la solitudine che mi affligge, mi sento stanca di vivere. I miei compiti giornalieri sono sempre gli stessi, ogni giorno rivivo lo stesso giorno. Come posso accettare le scelte che ho fatto? Come posso riprendere ad amare quello che ho deciso di essere? D'altronde ho deciso io di essere quello che sono, non posso mica abbandonare tutto, non lo farei mai, i miei figli sono la mia vita. Fino a qualche anno riuscivo a sopportare la mia noiosissima routine. Il mio unico svago è fare la spesa. Vorrei riuscire ad accettarlo di nuovo. So che nel mio futuro un cambiamento non potrà esserci. Riprendere gli studi, cercare un lavoro è improponibile perché non avrei tempo. Togliere tempo alla mia famiglia? Impossibile. Il mio compagno non me lo permetterebbe perché se voglio fare qualcosa in più non può togliere tempo a quello che sono abituati a ricevere. La giornata è formata da 24 ore, sembrano tante ma non lo sono. Pulizie di casa, spese, commissioni, stirare, lavare, rammendare, compiti pomeriggio, preparare colazione, pranzo, merenda e cena, occupano tutto il mio tempo. L'unica soluzione è ritornare ad amare quello che ero. Come si fa?

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Gent.ma Chiara,


Vorrei farle una domanda:


- Lei si sente amata? -


Anche se ha tre figli... è molto giovane e sarebbe importante per lei poter capire se davvero il suo desiderio realizzativo consista nella vita che sta conducendo.


Ogni scelta fatta con consapevolezza e volontà di bene, richiede responsabilità, e lei ne ha molta, ma questo non significa che non ci sia la possibilità di rinnovarsi ed avere più spazio per se stessa...


Personalmente, penso che una mamma e donna più appagata abbia da offrire molto di più alla propria famiglia.


Sono sicura che fare due parole con un/a psicoterapeuta potrebbe toglierle qualche dubbio e, magari, rafforzarla nelle scelte compiute; oppure potrebbe aiutarla a capire se desidera fare (o essere) anche altro...


Intanto, mi sento di consigliarle un libro appena uscito che si chiama "Amordisé" di Favero, Viviani: potrebbe essere una piacevole lettura.


Se vuole, mi scriva tranquillamente.


Un saluto cordiale,


Dott.ssa Verusca Giuntini 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Pensieri suicidari

Mi rendo conto di avere pensieri suicidari da ormai circa sei anni. Durante questi anni non sono ...

4 risposte
Sentirsi poco per un genitore..

Tensione, nervoso, ansia... sentirsi falliti ! Ormai sono tanti anni che convivono con questi sentim ...

2 risposte
Inizio depressione forse psicotica

Autodiagnosi di inizio depressione forse psicotica. Come muovermi? Come anticiparla prima che prenda ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.