Depressione

Conseguenze di un incidente

marti

Condividi su:

Buongiorno,
premetto che non scrivo per me ma per mia sorella che ultimamente dà a me e alla mia famiglia molti pensieri. Comincio con il dire che due anni fa ha avuto un brutto incidente che le ha procurato una paralisi parziale agli arti inferiori; ciononostante ai tempi ha reagito abbastanza bene e, pure con limiti importanti, è tornata a lavoro e ha ripreso la sua vita.
Qualche mese fa ha avuto un incidente in macchina, che non ha avuto conseguenze, almeno a livello fisico. Da quel momento però abbiamo notato che ha iniziato a buttarsi sul lavoro in maniera quasi ossessiva e che cerca in ogni modo di occupare ogni minuto della giornata e di stare fuori casa quanto più possibile. Ultimamente ha iniziato a vedere un ragazzo ma, anche se in teoria dovrebbe essere felice, è sempre più nervosa e intrattabile. Ripete spesso che anziché essere sopravvissuta al primo incidente avrebbe preferito essere morta perché dice di non poter più sperare in nulla né costruire nulla.
Io e i miei familiari non sappiamo come aiutarla, non vuole sentir parlare di psicologi e non vuole chiedere aiuto.. Siamo disperati.
Vi ringrazio in anticipo per quello che potrete dirci.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Certamente avere un incidente stradale significa avere un trauma che può non essere stato elaborato ed agganciarsi ad una sua dinamica
psicologica che va vista.
Se lei non ritiene di aver bisogno di un aiuto, ditele che il suo atteggiamento è un problema per voi e che andrete voi dallo psicologo perchè voi avete un problema (non la sapete gestire e siete preoccupati); Avete addirittura usato la parola "disperati" quindi a maggior ragione andate voi senza costringerla a seguirvi.


Imparate con dolcezza ad essere suoi Specchi in modo che lei abbia chiaro come sta divenendo la sua vita. Molti muoiono in incidenti stradali pur volendo vivere. Lei invece è vissuta ma vuole morire!!


Che ingratitudine.

Buongiorno,
da ciò che dice di sua sorella credo potrebbe essere utile approfondire il tipo di danni/lesioni che ha subito sia nel primo che nel secondo incidente. Da ciò che riporta non è specificato se sua sorella abbia subito dei traumi cranici (chiusi/aperti), ma molti dei sintomi comportamentali che riferisce (irrequietezza, eccessiva dedizione al lavoro, ecc.) potrebbero essere riferibili ad alterazioni organiche: questo tipo di approfondimento è possibile tramite TAC o risonanza magnetica al cervello, per individuare eventuali aree di sofferenza che possano parzialmente spiegare il comportamento, e da portare all'attenzione di uno specialista che ne dia la dovuta lettura.
Anche l'aspetto depressivo (“preferire di essere morta durante il primo incidente”) potrebbero essere inquadrarsi in questo senso, oltre che ad una reazione più prettamente psicologica: si tratta infatti di vissuti piuttosto tipici nei primi mesi dopo un incidente, evento comunque traumatico (soprattutto se ripetuto) che obbliga ad una ridefinizione di sé, del proprio ruolo sociale, affettivo, lavorativo e familiare. Spero di esserle stata d'aiuto.
Un saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non so più chi sono

Salve, sono una ragazza di 20 anni e sono ormai quasi 5 anni che non sto bene con me stessa. Ho ...

2 risposte
Credo che il mio ragazzo soffra di depressione

Salve È da un po' di tempo che mi chiedo se il mio ragazzo sia solo insoddisfatto o soffra di ...

1 risposta
Ansia, stress, ocd e problemi di coppia

Salve, mi chiamo Ilaria, ho 19 anni e credo di soffrire di ocd, ansia, stress, problemi di coppia e ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.