E' depressione la mia?

Gioia

Salve, mi sono iscritta qui perchè ho bisogno di essere aiutata in questo periodo della mia vita. E' da circa due anni che sto soffrendo per un problema del passato che ho avuto (non fisico), però ho sempre sottovalutato la mia sofferenza sono sempre andata avanti lasciando perdere i miei momenti bui. Ad oggi dopo quasi 2 anni mi ritrovo così: fredda, vuota, impassibile e senza voglia di avere rapporti umani come se fossi morta interiormente. Mi sono iscritta all'università, la quale mi da tantissime soddisfazioni. Ho tante amiche, anche se talvolta, odio perfino loro come se con nessuno mi sentissi a mio agio. Dentro di me è maturato un profondo odio verso il genere umano, mi sento in uno stato elevato di depressione, non ho voglia di fare nulla. Se avessi il coraggio mi ucciderei, ma solo una cosa mi frena: l'amore che ho per i miei genitori, odio vederli stare male e so che se facessi mai una cosa del genere, probabilmente si ucciderebbero anche loro e non voglio questo, non lo meritano. Sono triste, molto sento che nulla mi emoziona cerco di far vedere agli altri che sto bene ma non è così, sto molto male. Mi dispiace e chiedo scusa a chi magari è in ospedale e sta passando momenti brutti a causa di un brutto male o altro, ma anche io sto soffrendo e credo che ognuno abbia diritto a manifestare il proprio dolore e ad essere aiutato. anche se ho sempre pensato che lo psicologo serve per casi molto gravi.

1 risposta degli esperti per questa domanda

Buongiorno, da quel poco che lascia trapelare si trascina da tempo un problema mai metabolizzato ed superato. Lo psicologo e lo psicoterapeuta sono preposti a far star bene le persone con se stesse e lei bene non sta, anzi la sua vita interiore risente pesantemente di questo suo stato d'animo. Il mio consiglio è di rivolgersi ad un bravo professionista col quale iniziare un percorso personale utile a sbloccare questa sua impasse emotiva che le impedisce di vivere appieno la sua giovane età. Resto a disposizione. Un caro saluto