Depressione

Instabilità, senso di abbandono, tristezza, cocaina

Francesco

Condividi su:

Salve a tutti,

mi chiamo Francesco e ho 31 anni, ho vissuto 6 anni fa una delusione d'amore, riuscita a superare del tutto quando ho incontrato 2 anni fa la ragazza che credevo della mia vita e di cui ancora ne sono innamorato.

Faccio una piccola premessa, dai mie 21 anni è sempre capitato che durante l'anno mi capitasse qualche serata con gli amici dove ci fossero droghe, ma sempre tutto nei limiti, una situazione molto amatoriale e all'apparenza senza alcun danno immediato. Quando ho conosciuto quest'ultima ragazza cn la quale siamo stati assieme 2 anni mi sonoo sentito così felice di stare finalmente bene dopo un periodo per me buio che non so perché ho iniziato ad usare in modo più frequente la cocaina, notando il problema e i tanti sensi di colpa mi sono confidato con la mia ragazza che si è trovata del tutto impreparata a una cosa del genere, a cavallo con questo un mio investimento importante mi è andato male e mi è sfuggito tutto di mano e ho passato 9 /10 mesi chiuso in casa io e la cocaina, più andavo avanti e più mi rendevo conto che stavo perdendo tutto, amici, famiglia, lavoro, e più andavo giù e più mi nascondevo in questa merda ...la mia ragazza che di me era veramente innamorata mi ha giustamente schifato e mi ha lasciato una prima volta e io sono caduto nel vuoto e mi sono annientato del tutto, non volevo prendere sonno perché non volevo che iniziasse un'altra giornata, cocaina, depressione e alcol.

Sono arrivato al fondo e ho deciso di dire basta perché quello non ero io e non era quello che nessun uomo al mondo merita ...ho iniziato a seguire i suggerimenti del mio Sert e ad eliminare le sostanze ...nell' avvio di questa ripresa la mia ragazza si è fatta risentire, gli ho chiesto perdono e le ho detto la verità, che non volevo perderla e che io nella mia vita tutto avrei tutto potuto pensare tranne un mio problema di tossicodipendenza e che sarei partito da lì a breve per una comunità perche volevo riprendere in mano la mia vecchia vita, prima di partire per questa comunità la mia ragazza mi ha detto e fatto capire di amarmi e che lei sarebbe stata lì ad aspettarmi, ma che non sarebbe riuscita a passare un periodo così lungo senza di me e su queste parole ho trascorso in comunità solo 3 mesi e sono tornato da lei finalmente con la giusta testa, ho cercato di essere il migliore possibile e non c'è stato un solo giorno che non gli ho chiesto perdono, poi ad un tratto mi dice di non amarmi più, di schifarmi e mi ha buttato come una carta ed io ci sono rimasto troppo male, io ho sbagliato e tanto ma non ho fatto quelle cose per divertirmi o fare cose cattive, io non sono stato bene, io ero il più triste di tutti e cercavo aiuto e quando ho capito che dovevo aiutarmi da solo è rispuntata lei.

Dopo la comunità sono passati 6 mesi, ma da quando 3 mesi fa la mia ragazza mi ha lasciato sto subendo dei flash back e mi sono capitate delle ricadute, non riesco ad accettare che lei mi abbia abbandonato così, nel momento del mio bisogno e mi abbia giudicato per un problema che ho avuto. Non so cosa fare, ho paura che mi risucceda quella cosa brutta di nuovo e non riesco ad essere sereno senza Lei al mio fianco.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Francesco,


riprendere in mano la sua vita e attingere alle risorse interne ed esterne, rappresenta la strada da percorrere.


Credo che sia importante iniziare un percorso terapeutico per riuscire a superare alcuni "scogli" e approdare ad una "terreno" più stabile.


Ho l'impressione di scorgere in lei una viva motivazione a imboccare questa strada, credo che sia opportuno seguire tale direzione e perseverare in tal senso.


Saluti.

Buongiorno Francesco.


La relazione con la cocaina è come la relazione con una donna sadica: prende e lascia come e quando vuole lei. E il partner ne è sottomesso. La relazione con la sua compagna è un po' altalenante: secondo me anche lei non sa chiaramente cosa fare e quale posizione prendere.....ma questo non è una cosa sana per lei in questo momento che richiede stabilità. Le consiglio un percorso psicoterapico che le faccia comprendere i meccanismi che la inducono ad usare la cocaina e quali sono i meccanismi che la inducono a riprendere la relazione con la sua compagna.


Mi faccia sapere.

Buongiorno Francesco,


un sentimento può finire. Certo è doloroso fare i conti con una relazione che finisce, ma il tempo è un grande alleato nel guarire le ferite. 


... ... ...


Riguardo alla sua paura di poter ricadere nell'uso di sostanze (in questo momento che è più fragile) è bene che Lei si aiuti e si faccia aiutare in un percorso psicologico. Probabilmente ci sono degli aspetti strutturali della sua personalità che vanno valutati e affrontati in psicoterapia, affinché Lei possa divenire più solido.


Non è il dolore che Lei sta provando ad essere anomalo (in questo momento), ma la preoccupazione che Lei percepisce di se stesso di "non sapersi reggere sulle proprie gambe" senza questa persona al suo fianco. Dato che è attento alle sue sensazioni, prevenga simile rischio con un aiuto diretto. Lo faccia per amore di se stesso. 


Le auguro un buon proseguo di cammino della sua vita.


Saluti cordiali

Caro Francesco,


il dispiacere per la sua attuale situazione è sincero e profondo, tuttavia credo di non sbagliarmi nel dirle che certamente ha tante risorse da attivare per riprendere in mano la sua vita e questo indipendentemente dalla presenza della sua ragazza. Ritengo che ripartire, da una realtà così dolorosa, sia la risposta più sensata e stimolante per se stessi e per chi ci ama. Stare bene è la priorità, il resto verrà di conseguenza.


Il mio consiglio è di non lasciare scorrere le giornate, cercare l’aiuto professionale migliore e la vicinanza di buoni amici, persone disposte ad ascoltare e fuori da giri di sostanze.


Quando le manca il fiato e questo temo accada spessissimo, cerchi qualcosa di ‘sano’ che le permetta di respirare e che attutisca il malessere che la attanaglia. Per il resto ha già sperimentato, con successo, l’aiuto di persone competenti, non trascuri questo importante dettaglio. Io le faccio i migliori auguri e resto a disposizione per eventuali chiarimenti.

Caro Francesco,


leggo con attenzione tutto quanto hai scritto. Credo che si dovrebbe iniziare a lavorare proprio dai flashback che tu adesso hai sulla tua ragazza per andare a ritroso e assolvere te e lei dai sensi di colpa e abbandono. É necessario elaborare questo in modo definitivo per evitare ricadute nella sostanza e poterti dedicare pienamente alla tua nuova vita senza. D'altronde in comunità ci sei andato per liberarti dalla sostanza, non per conquistare lei. Ecco io ripartirei da qui.


se vuoi puoi contattarmi. Ricevo a Bucine.


A presto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Psicoterapia in inglese per stranieri

Salve, vi contatto per conto di un amico, il quale avrebbe bisogno di sostegno psicologico. Non ...

3 risposte
La mia vita è fatta di solitudine. Ho una speranza?

Mi chiamo salvatore ed ho 53 anni. Dall'età di 28 anni sono stato in cura presso vari psicote ...

3 risposte
Psicologo/a a Domicilio.

Buongiorno, mi chiamo Giulia ho 57 anni appena compiuti sono disabile e ho seri problemi ad uscire ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.