Depressione

Mi hanno distrutto

Fabrizio

Condividi su:

Mi chiamo Fabrizio e ho 34 anni. Ebbene sì, mi ritengo una persona sensibile e sincera, ma anche troppo onesta, ed infatti tutti se ne approfittano. Ma io mi sento tanta tristezza, tanta solitudine addosso, come se nessuno si fidasse di me e volesse comprendermi per quello che sono. Mi sento veramente a pezzi ed è facile che tutto il giorno mi senta triste e di umore non buono, mi stanno rovinando, mi hanno portato via la felicità che avevo quando ero bambino e non vedo praticamente più una via d'uscita, forse sono davvero sprecato per questo mondo, che peggiora sempre di più, dove il più furbo vince ed il buono perde sempre.

Mi trattano come se fossi niente...io sono un essere umano con dei sentimenti. Specialmente sul posto di lavoro non mi comprendono, eppure io lavoro sempre senza lamentarmi , mi impegno e faccio il possibile, ma niente non sono mai contenti di me, pretendono troppo e per qualsiasi stupidaggine trovano il pretesto per riprendermi ...questa si chiama mancanza di fiducia, che già da tempo me l'hanno tolta.

Non ho la forza per andare avanti.
Aiutatemi non sorrido più .

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Fabrizio, ha dato un titolo forte alla sua lettera.


Con l’affermazione “mi hanno distrutto” lei vuole descrivere uno stato di profonda devastazione interna dovuta ad altri. Nello stesso tempo, con  tale affermazione, trasmette l’idea che lei sia una persona priva di difese e quindi incapace di proteggersi. È veramente così? Tenga presente che noi non vi conosciamo e le vostre parole sono l’unico strumento che abbiamo per comprendere la vostra richiesta e dunque offrirvi indicazioni o riflessioni che siano di vostra utilità.


… … …


RIFLESSIONI


Fabrizio, immagino che a questo stato di malessere interno (così come lei lo ha espresso) non sia arrivato da un giorno all’altro. Sicuramente lei avrà sperimentato più volte, nella sua vita, lo stato di frustrazione. Come ha cercato di far fronte alle situazioni critiche che ha incontrato? Quali comportamenti ha assunto per contrastare le difficoltà? Rifletta bene su queste domande.


Riguardo alla fiducia negli altri, essa non è una condizione che vive a prescindere. La fiducia è un atteggiamento che si assume dopo aver fatto una valutazione positiva sulle circostanze, sui fatti e sulle relazioni. Se gli altri “hanno approfittato di lei” (come lei afferma) molto probabilmente ciò sarà accaduto per due possibili ragioni: o perché lei non ha fatto nulla per tutelarsi, vale a dire si è reso conto di ciò che non le andava bene ma ha preferito “chiudere gli occhi” e rimanere in situazioni a lei scomode piuttosto che assumere atteggiamenti più faticosi ma costruttivi per lei, oppure lei ha assunto una posizione ingenua sulla realtà (mi riferisco all’ingenuità tipica dei bambini che non sono in grado di discernere, di analizzare e di valutare le situazioni). Ha senso per lei quello che ho scritto fin qui?


… … …


Le dico queste cose, Fabrizio, perché questo vissuto negativo riguardo alle sue esperienze con gli altri diventi occasione per riflettere su come lei ha contribuito a crearlo, dentro e fuori di sé, con i suoi atteggiamenti.


Rispetto a questa esperienza negativa (che ora comprensibilmente la fa molto soffrire) lei adesso può scegliere la posizione da assumere: o farla diventare motivo di una sua disperazione/rabbia generalizzata verso il mondo esterno, oppure al contrario farla diventare la sua grande occasione per uscire dalla zona di ingenuità e/o dalla zona della paura del confronto con le situazioni difficili.


Lei ha la possibilità, grazie alla sofferenza che la sta attraversando, di iniziare a porsi delle domande diverse su di sé, ad esempio: come ho contribuito io a quello che mi è accaduto? Quali sono i comportamenti che ho messo in atto e che hanno fatto sì che io sia rimasto insoddisfatto dalle relazioni con l’ambiente?


 


SUGGERIMENTI


Dunque, Fabrizio, l’analisi critica dei suoi comportamenti e la consapevolezza delle sue emozioni (che esprime oppure inibisce) le potranno consentire di sviluppare uno spirito critico e genuino su ogni dimensione della sua sfera personale (lavorativa, sociale, affettiva) e, nel tempo, mettere in atto comportamenti che le permettano di costruire con l’ambiente rapporti gratificanti, produttivi e sicuramente anche gioiose, che ora non ha.


Intraprendendo un percorso di psicoterapia lei potrà “ricominciare la sua ricostruzione”. Nello spazio terapeutico, infatti, lei potrà affrontare in modo adeguato le sue difficoltà e scoprire le risorse personali più costruttive, più adatte a sé e al suo benessere nella relazione con l’esterno. Fabrizio, abbia fiducia nel lavoro che può fare su di sé.


 


Le auguro il meglio.


 


Cordiali saluti


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Vorrei diventare invisibile

Sono Giulia, ho 20 anni e sono in crisi da troppo tempo ormai. Non riesco più a trovare un ...

5 risposte
Depressione

Gentili dottori, già un paio di volte ho scritto su siti simili, senza avere risposta. Da molti ...

3 risposte
Mi faccio schifo.

Salve, sono una ragazza di 24 anni ed è molto tempo che non riesco a togliermi la sensazione ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.