Soffro di depressione?

Samantha

Salve a tutti. Sono una consumatrice di cannabis regolare da quasi 10 anni ed ho iniziato a sentirmi così da qualche anno a questa parte. All'inizio i miei down emotivi dipendevano solo dalla cannabis. Quando ero in astinenza subentravano i miei malesseri, mi bastava fumare e come per magia tutto scompariva, quindi ho sempre collegato il mio mal di vivere alla mia dipendenza. Negli ultimi 2 anni però mi sono resa conto che non funziono più così, adesso i momenti di down arrivano a prescindere dalla cannabis, certo, quando sono in astinenza, come in questo preciso istante, tutto è amplificato, ma anche quando fumo, seppur ovattati, il mio malessere ed i miei pensieri negativi rimangono li. Negli ultimi mesi sento che la situazione sta peggiorando, non ho voglia di lavarmi, non ho voglia di vedere gente, faccio fatica anche a stare in compagnia dei miei genitori, o del mio compagno; vorrei solo stare a letto tutto il giorno. Da sola. Mi affatico con facilità, non ho nemmeno voglia di avere rapporti intimi col mio uomo. I pensieri che mi circolano in testa sono sempre gli stessi: sto gettando via la mia vita. Non ho combinato nulla di buono fino ad ora, ho sempre lasciato tutto a metà, la scuola, le amicizie.. Sognavo di essere una persona di successo, ed invece sono tutto ciò che non sarei mai voluta essere, e penso sempre che se la me adolescente mi vedesse adesso, rimarrebbe schifata da ciò che sono: Una persona orribile, nell'aspetto e nell'animo. Una mediocre che si è accontentata. Senza nessuna Ambizione, nessun sogno, nessuna speranza nel futuro. Quando rifletto su ciò che sarà la mia vita tra qualche anno, vedo buio. Penso spesso che vorrei morire, ma allo stesso tempo la morte mi terrorizza. Potrei essere soffrire di depressione?

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Samantha, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo quanto possa essere difficile convivere con questa situazione riportata. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.

Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi e disfunzionali che mantengono in atto la sofferenza impedendole il benessere desiderato.

Ritengo altresì utile un approccio EMDR al fine di favorire la rielaborazione del materiale connesso con la genesi della sofferenza in atto.

Resto a disposizione, anche online.

Cordialmente, dott FDL