Sono caduto in depressione e ho tentato il suicidio.

Fabio

Buongiorno Mi chiamo Fabio e sono un ragazzo di Pesaro. Da ben 5 anni a questa parte ho avuto delle esperienze negative che a poco a poco mi hanno fatto diventare una persona che si preoccupa molto e non riesco a tornare più quello di prima è questa cosa mi fa star male tutti i giorni, malissimo e sono in un punto in cui sono davvero depresso e piango tutti i giorni. Soffro molto, 5 anni fa ho iniziato a sperimentare gli acufeni e da quel momento non sono più andati via, ho fatto tante visite ma non si trova la causa e l'ho accettato, ho continuato la mia vita e sono andato avanti fra palestra e studio in cui vado bene, ma da più di 6 mesi non sto facendo più niente perché sono subentrati altri problemi più gravi che mi stanno facendo cadere in una depressione fortissima, ovvero é da 2 anni che non riesco ad avere erezioni mattutine e attraverso la masturbazione c'è le ho solo per qualche secondo e ho tanto dolore fisico; ho fatto alcune visite anche qui e mi dicono sempre che sono io che ho i problemi nella testa e che mi fisso, ho fatto alcuni esami e sono tutti nella norma, ho fatto anche 2 ecodoppler penieni dinamici che sono nella norma ma dopo questi mi fanno ancora più male le parti intime e mi si sta incurvando il membro, continuo ad andare dallo specialista perché sono preoccupato ma mi continua a dire che é tutto nella mia testa e non so più cosa fare, sento che nessuno mi voglia ascoltare, nemmeno i miei genitori che mi dicono sempre che sono un fissato. Sento di essere rimasto da solo nel mio dolore e non trovo una via d'uscita, non riesco ad andare con le ragazze e questo mi fa stare veramente male perché sono giovane e sto perdendo le occasioni della mia vita dei 20 anni. Ho provato ad andare da uno psichiatra per queste cose ma mi fa stare solo peggio con tutti i discorsi sulle ragazze e sulla volontà ecc... io vorrei veramente stare con una ragazza e avere esperienze ma sento di avere dei deficit fisici con annesso dolore e non so più dove sbattere la testa mi sento impotente in tutti i sensi. Ieri ho tentato di impiccarmi perché non ce la faccio più ad avere di questi problemi e a sentirmi dire che sto rovinando la mia famiglia perché piango sempre, mi dicono che sono una femminuccia ma non c'è la faccio più, il dolore sta diventando troppo grande e non trovo una via d'uscita in tutto ciò, non ho neanche un pó di supporto emotivo. Non sono riuscito a concludere il gesto perché appena mi sono stretto la cinghia attorno al collo mi stavo strozzando e sono rinsavito, non ho avuto il coraggio di farla finita. Lucidamente penso di avere bisogno di aiuto, di un qualsiasi cosa che mi faccia stare meglio, non sono mai stato così male e non voglio restare così, impotente in tutti i sensi, per il resto dei miei giorni, sono un bel ragazzo bravo nello studio sempre stato bravo nello sport, ma questa cosa mi sta uccidendo; Prima amavo la vita, ora dopo tutti questi anni di esperienze negative sulla salute mi sento depresso e sempre preoccupato che possa rimanere così per sempre, eppure prima sono sempre stato bene ho sempre avuto erezioni, mentre negli ultimi 5 anni tanti problemi di salute e tanti ricoveri per problemi all'intestino e tutti i problemi che ho elencato prima. I miei dal bravo figlio che ero prima adesso mi considerano un ameba, una nullità, mia madre piange spesso di nascosto perché pensa che io sia diventato un pazzoide, ma in realtà io voglio solo indietro la mia vita di prima, che era davvero bella..... A mio padre basta che studio per essere contento, della mia vita privata non gliene importa più di tanto.... Scusate se mi sono dilungato così tanto e se ho scritto cose che avrei dovuto scrivere su un portale per i medici, ma non so più cosa fare e ho bisogno di aiuto anche psicologico per questa cosa che mi ha annullato completamente. Accetto qualsiasi aiuto, non ce la faccio proprio più, abbiate pazienza.... Grazie per la comprensione e scusatemi ancora..... Buona giornata.

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Fabio, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stesso utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL