Sono stanca della mia vita inutile

Cristina Nicole

Buongiorno a tutti, mi chiamo Nicole sono nata a Lamezia Terme ma ho praticamente vissuto tutta la mia vita fino a 3 anni fa a Modena, i miei problemi sono nati insieme a me. Mio padre è andato via quando avevo 6 mesi e l'ho ritrovato ai miei 18 anni, scoprendo di avere 2 sorellastre... ancora oggi c'è molta indifferenza, percepisco la poca voglia di voler costruire un ipotetico legame padre-figlia e non nascondo che questo mi fa soffrire, a scuola ho sempre avuto persone che mi bullizzavano, al liceo addirittura una professoressa.. poi è arrivato il periodo più buio, il linfoma di mia madre, che ha iniziato a portarmi nel dolore più profondo, non sapevo se c'è l'avrebbe fatta, se le nostre vite sarebbero ritornare alla " normalità " e proprio quando pensavamo di aver superato tutto... mio nonno si ammala gravemente (mio nonno è stato un padre per me, abbiamo un legame fortissimo) e nel mentre mia madre si ammala nuovamente, il linfoma ritorna... ero di nuovo nel panico, nel terrore di perdere due pilastri della mia vita, così è stato, mia madre per fortuna dopo il trapianto "guarisce" .. e il 24 settembre del 2017 alle 6 di mattina riceviamo la chiamata più brutta della mia vita, mio nonno non c'era più. Ho letteralmente sentito la metà del mio cuore smettere di battere, ho sofferto così tanto che non riesco a spiegarlo non riuscivo nemmeno a sopportare ogni giorno tutto quel dolore, così decisi di iniziare un percorso con una psicologa e contemporaneamente avevo deciso di prendermi cura di me e iniziare dieta e palestra ( soffro anche di disturbi alimentare ) sembrava stessi incominciando piano piano a fare qualcosa finalmente per me, era davvero troppo bello per essere duraturo.. e infatti finì tutto molto presto, mio zio (fratello di mia madre) ha iniziato a non pagare l'affitto della casa in cui vivevamo, abbiamo dovuto cercare una nuova casa in pochi mesi, sperando che mio zio ci desse una mano come aveva assicurato, alla fine l'avevamo trovata, dopo varie truffe in cui siamo cadute, avevamo il mutuo (che aveva preso in carico di pagare mio zio) e un finanziamento per pagare la ristrutturazione... siamo dovuti partire per stare giù in Calabria aspettando 3 mesi per la fine dei lavori, alla fine sono passati 3 anni perchè l'azienda a cui ci eravamo affidati ( facile ristrutturare ) ci ha truffato, non facendo i lavori o meglio non finendoli come da contratto, ci hanno solo rovinato la casa oltre che bloccarci la vita per 3 anni, io ho quasi 25 anni, non ho uno scopo nella vita, sto rifiutando colloqui di lavoro su a modena perchè non saprei dove stare (visto che le pochissime volte che io e mia madre siamo stati ospiti da mia zia, quest'ultima non nascondeva il fastidio che le provocavamo) in più litigo di continuo con mia madre per tutta questa situazione, so che lei non può fare miracoli e so che sbaglio quando purtroppo presa dalla rabbia me la prendo con lei.. e odio quando dice che per 3 anni non mi sono lamentata e che ora che ho ritrovato il mio ex ( che vive e lavora a Parma ) ho ritrovato tutta questa voglia di risalire su a Modena, in parte è anche per lui ed è una cosa di cui non mi sento in colpa, perchè penso di avere il diritto di vivermi la mia relazione.. ma in grossa parte se mi lamento lo faccio perchè la mia famiglia se ne frega altamente di come stiamo io e mia madre psicologicamente, perchè oltre a tutti questi problemi mia madre ( e di conseguenza io ne sento il peso) si occupa di mia nonna che ha un carattere non proprio facile e quindi sono 3 anni che sento urla,litigate.. ecc ecc, io mi lamento perchè ho quasi 25 anni tutti vanno avanti con le loro vite io no, tutti hanno amici, coltivano amicizie nuove e vecchie io no, quelle poche che avevo sparite... sono sola al mondo, non ho nessuno, non mi posso fidare di nessuno, non ho un obbiettivo, non ho un euro, non ho niente... solo la mia inutile vita, non c'è la faccio più, sul serio. Sono stanca.. voglio morire, forse mi ritroverei con mio nonno e non sentirei più tutto questo peso di tutti questi problemi. vorrei solo avere il coraggio di farlo e invece non sono buona nemmeno in questo. Ha ragione mia madre quando dice che sono pigra, che non concludo niente nella vita, lo dice quando è arrabbiata ma non ha tutti i torti, è vero sono pigra... molto, infatti penso che sia inutile anche cercare un modo di risolvere i problemi della mia vita... scusate per la lunghezza del testo di tutto questo mio sfogo, non cerco aiuto tanto non lo riceverei.

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Nicole, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL