Disturbi dell'orgasmo

Come mai non riesco a raggiungere l'orgasmo solo con la penetrazione?

Alessandra

Condividi su:

Gentile medico mi chiedo come mai non riesco a raggiungere l'orgasmo solo con la penetrazione? Mentre con l'auto erotismo o con il sesso orale ci riesco. Grazie per la vostra disponibilità nel rispondere.

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Alessandra,

sarebbe importante avere qualche elemento in più per poter rispondere alla Sua domanda.

La sessualità è prima di tutto una modalità di comunicazione e di relazione con sé stessi e gli altri, quindi sarebbe interessante capire da quando Lei sente di avere questa difficoltà (dall’inizio delle esperienze sessuali? In un momento seguente? In concomitanza con situazioni di vita particolari? Ecc ecc...), si è manifestata nella relazione con un solo partner o anche con altri, quanto disagio le crea e se ha condiviso o meno questi pensieri con il partner… Il Piacere stesso è un insieme di componenti fisiologiche e psicologiche.

Inoltre, la letteratura sessuologica cita come ormai superata la distinzione tra orgasmo clitorideo e orgasmo vaginale. L’orgasmo è “uno”, ciò che cambia è solo la zona erogena stimolata.

Comunque, per una Sua maggiore sicurezza potrebbe essere utile parlare con il Suo ginecologo per escludere eventuali cause organiche quali secchezza vaginale o altro.

La saluto cordialmente e rimango a disposizione per ulteriori informazioni

Dott. Alessio Orlando Ferrara (FE)

Buongiorno Alessandra

Non ci sono risposte  standardizzate alla sua domanda, occorrerebbe conoscere bene la sua condizione e avere più informazioni. Generalmente esistono falsi miti sulla sessualità e condizioni che possono far sentire diversi.

Intanto sarebbe utile sapere se raggiunge l'orgasmo soprattutto con una stimolazione clitoridea. In questo caso è comunque possibile avere una sessualità appagante e soddisfacente.

Diversamente, potrebbero esserci aspetti psicologici legati alla penetrazione e al controllo che non le permettono di lasciarsi andare. Un altro elemento, inoltre, potrebbe essere l'aspetto relazionale, legato al tipo di partner e alla qualità della relazione.

Provi a consultare uno psicologo nella sua città

 

Gentile Alessandra,

i motivi psicodinamici alla base di un simile fenomeno potrebbero essere molteplici, spaziando da eventuali traumi subiti a un semplice bisogno di controllo a svariate altre concause. Il vero punto è: perchè tutto ciò dovrebbe disturbarla? Se riesce a raggiungere un soddisfacente orgasmo clitorideo, perchè questo non dovrebbe esserle sufficiente? Chi, o quale parte di lei, la giudica male per questo motivo? La sessualità non è un fenomeno meccanicistico, ma è emozione, coinvolgimento, gioco, che ognuno dovrebbe poter vivere liberamente...

Se desidera approfondire, mi chiami per un primo consulto gratuito. Intanto, le auguro una buona giornata e, in ogni caso, buona Vita!

Dott.ssa Paola Spera Verona (VR)

Cara Alessandra

La maggior parte delle donne non riesce a raggiungere l'orgasmo solo con la penetrazione: quello che lei riporta non è quindi un problema, anche se probabilmente le crea disagio nell'ambito della relazione. Cerchi si spiegare al suo partner che cosa le piace e la sua vita sessuale migliorerà. E la prossima volta che capita nei pressi di una libreria, entri e gironzoli un po' nella zona dei libri sulla sessualità, troverà diverse cose che le potranno essere utili.

Cordiali saluti.

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

In risposta alla sua domanda, provi ad interrogarsi se ci sono difficolta' relazionali con il suo compagno. Possono essere tante le cause del suo disturbo. Puo' essere lo stress lavorativo, problemi familiari, malattie mediche, generalmente la relazione con il compagno influisce molto. Spero di esserle stata di aiuto. A volte puo' essere successo un evento doloroso, non conoscendo la sua vita attualmente non posso dare una risposta specifica, i fattori possono essere tanti. Spero di esserle stata utile. Cordiali saluti.

Buonasera Alessandra,


l'atto sessuale indubbiamente si pone al centro dell'intera vita sessuale. A proposito della piena eccitazione femminile, esistono due correnti di pensiero: a) Che l’orgasmo si raggiunge attraverso la stimolazione del clitoride b) Che l’orgasmo è pieno quando esso è rappresentato dalla penetrazione vaginale.

Alcuni ricercatori ritengono la piena soddisfazione sessuale ottenuta con l'orgasmo clitorideo espressione di una sessualità non matura, mentre solo l'orgasmo vaginale esprimerebbe un significativo criterio di raggiunta maturità sessuale. Altri ricercatori pensano invece che a livello vaginale non esista una diretta possibilità di provocare l'orgasmo il quale, quindi, dipenderebbe sempre dagli impulsi esercitati su clitoride, capaci di determinare una reazione secondaria sulla vagina. Ricerche più recenti sembrano portare alla conclusione che orgasmo clitorideo e vaginale debbano in genere venir considerati allo stesso modo e che una netta deli­mitazione tra orgasmo clitorideo e vaginale non possa neanche venire proposta, in condizioni normali su soggetti normali. Una diversa enfasi può tuttavia realizzarsi per interferenze psicologiche. Quello che fa la vera differenza a mio parere, è il convolgimento, il trasporto che si genera tra i due partner: una grande parte nell'atto sessuale la svolge il cervello.

Spero di averle dato una risposta che soddisfi la sua domanda, per ulteriori approfondimenti più dettagliati mi sentirei di  consigliarle di rivolgersi ad un sessuologo. Qualora sentisse, invece, la necessità di approfondire qualche "pensiero" che le impedisce di lasciarsi andare completamente alla sessualità, allora potrà sicuramente trarre giovamento dal colloquio con uno psicologo.

Saluti

Dott. Mario Oreficini Brescia (BS)

Gent.le Signora,

raggiungere l’orgasmo con la penetrazione non è obiettivo certo, perché i fattori che influenzano il processo di appagamento sessuale sono vari. Dobbiamo ricordare che l’orgasmo avviene per mezzo del clitoride il quale, spesso, durante la penetrazione non viene interessato dalla stimolazione, seppur avvenga un inserimento completo del pene in vagina. Le consiglio, nell’ottica di raggiungere lo scopo desiderato, di richiedere una consulenza sessuale in grado di migliorare per lei e per il suo partner, il livello di soddisfazione reciproco e individuale. A disposizione. Cordiali Saluti.

Dott. Massimo Ventura Bologna (BO)

Gentile Alessandra,

la sua domanda offre diversi spunti di riflessione...

Nella sessualità umana in genere, l'amplesso costituisce il momento più intimo, il coinvolgimento maggiore sia a livello fisico che psichico. Ma questo sembra essere un livello a lei precluso, almeno per il momento. Ma tant'è lei non fa parola di difficoltà di penetrazione, cosa che ci porterebbe eventualmente su altri livelli di indagine, ma "solo" con tante virgolette intorno, di non raggiungimento dell'orgasmo.

Mentre, riprendo testualmente, riesce a raggiungerlo, io tradurrei col suo permesso, a lasciarsi andare, con l'autoerotismo e con il sesso orale, che pur facendo parte dei cosiddetti preliminari e offrendo comunque una adeguata quota di eccitazione e piacere non comportano però la penetrazione.

I tempi di raggiungimento dell'acme sessuale possono essere un buon test, se questi, a differenza che durante i preliminari, con la penetrazione si dilungano eccessivamente, con possibile quindi perdita di eccitazione, forse è proprio in quest'area che va cercato il problema. O meglio, nella relazione che sottende l'amplesso.

Stiamo parlando, mi verrebbe da chiederle, di una relazione a lungo/medio termine o di incontri più o meno casuali? E' il livello di intimità che porta alla confidenza e al lasciarsi andare, durante l'amplesso. Il livello di intimità che raggiungiamo con il partner ma anche che siamo capaci di offrirgli.

Ci sono sicuramente tanti dettagli di lei e della sua vita sessuale che a dispetto della sua richiesta la sua mail non contiene, cosicché la mia risposta potrebbe risultarle altrettanto incompleta.

Sperando di esserle almeno stato utile e rimanendo a disposizione le porgo

Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'orgasmo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Durante un rapporto sessuale lei dice di non provare piacere

Salve a tutti, volevo parlarvi di un problema che sta frustando la relazione con la mia ragazza...

5 risposte
Provo dolore durante la penetrazione e non provo alcun piacere

Salve sono Miriana e ho 22 anni vi sto scrivendo per porvi il mio problema... Durante l'atto ...

5 risposte
Non riesco a raggiungere l'orgasmo

Buonasera, mi chiamo Silvia, ho 20 anni e non riesco a raggiungere l'orgasmo durante il rapporto ...

10 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.