Disturbi dell'orgasmo

Non riesco a raggiungere l'orgasmo durante un rapporto sessuale

Gio

Condividi su:

Salve a tutti, sono una ragazza di 18 anni e vi scrivo per parlarvi di un problema che spero voi possiate risolvere. 
In passato ho avuto una relazione durata 2 anni, ma in nessun rapporto sessuale, anche con preliminari, sono riuscita a raggiungere l'orgasmo; solo praticando autoerotismo da sola anche davanti a film hard ottenevo e tutt'ora ottengo risultati, perciò pensavo potesse dipendere dalla bravura del partner ma in realtà quando ci siamo lasciati e successivamente mi sono messa con il mio attuale ragazzo (con il quale ci sono insieme da 1 anno) il problema persiste e per non far rimanere male nessuno sono costretta a fingere l'orgasmo .
In passato non ho avuto esperienze negative dalle quali possa essere scaturito il tutto ... e durante i rapporti riesco a rilassarmi e mi godo a pieno ogni singolo momento, però l'orgasmo anche se alcune volte sembra vicino non arriva mai e non riesco a capire il perchè.
Non penso possa dipendere da ipercontrollo o da un'educazione molto rigida visto che in famiglia parliamo con molta libertà di questo argomento. 
Vi porgo cordiali saluti e vi ringrazio in anticipo .

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Certamente, non devi fingere, cara Gio, ma parlarne con il tuo partner. Leggendoti, percepisco una buona dose di serenità, anche rispetto alla sessualità. Quindi, non aver paura di affrontare l'argomento. Il sesso è un dialogo, bellissimo dialogo, che avviene tra i corpi, le anime e anche i loro cervelli. ed è un dialogo ancora più bello, in quanto la passione disinibisce la comunicazione, che, liberata, crea complicità e legami davvero solidi. Se, invece, tu fingi, l'incantesimo si rompe. Il tuo partner ti accoglierà nelle tue parole, e sarà amore ancora più bello. Se non accoglierà le tue parole, allora, quello, non è il tuo partner. Non ti merita.


Ti faccio tanti auguri, Giò, per tutta la tua vita.

Buonasera, innanzitutto bisognerebbe capire la natura della sua anorgasmia, ovvero di che tipologia si tratti, se e è totale (anche in seguito alla stimolazione clitoridea da parte del partner) o parziale (solo con il coito), poi cercare di comprenderne le cause. Per cui le suggerisco di intraprendere sin da subito un percorso con uno Psicoterapeuta, preferibilmente un esperto dei disturbi sessuali, che la aiuti in tutto ciò. In caso di vergogna, in parte comprensibile, cercare di superarla.
Nel caso in cui volesse prendere tempo per decidere se farsi aiutare o meno da un esperto, potrebbe iniziare a cessare di fingere l orgasmo e qualora se la sentisse di parlarne con il suo partner.
Cordiali saluti.

Salve,


in merito alla problematica riferita penso sia in ogni modo necessario un approfondimento attraverso una consulenza psicologica. Il fatto che quando è da sola questo problema non si verifica, mentre quando si è in coppia sia presente andrebbe meglio indagato.


Consiglio di rivolgersi ad terapeuta con approccio cognitivo-comportamentale che sicuramente potrà, in primo luogo, aiutarla a comprendere meglio tale situazione; poi eventualmente intraprendere un percorso psicoterapico.Infine le suggerisco la lettura di questo articolo che ho scritto qualche tempo fa e potrà interessarla

Carissima, ti consiglio di non fingere con il tuo partner, perchè è controproducente per il vostro rapporto. Sii invece sincera e trovate insieme il modo migliore per raggiungere il tuo orgasmo. Potreste insieme trovare la giusta soluzione. L'intimità non è fatta solo di atti sessuali, ma a nche e soprattutto di complicità nella coppia.


Auguri

La risposta al quesito che Lei gentilmente pone, si può sintetizzare come segue:


Una buona percentuale di donne raggiunge l'orgasmo attraverso la penetrazione e la stimolazione del canale vaginale, ricco di terminazioni nervose collegate al clitoride. Una percentuale di poco inferiore lo raggiunge solo attraverso la stimolazione diretta del clitoride, in quanto le terminazioni di cui sopra son scarse. Affinché raggiungano l'orgasmo, queste donne devono avere rapporti che permettano al loro partner la stimolazione del clitoride anche in presenza di penetrazione. Devono, quindi, adottare posizioni che permettano questo.


Disponibile per ulteriori chiarimenti, porgo cordiali saluti.

Salve, le scrivo in merito alla sua domanda sulle difficoltà sessuali. Il disturbo da desiderio sessuale ipoattivo è un disturbo molto comune in soggetti con una storia di ipercontrollo della sfera sessuale e moralità alle spalle. Questo potrebbe confutarlo recandosi da uno psicologo e svolgendo gli adeguati test che permettono di fare una diagnosi precisa del problema, come l'anorgasmia. Quando però il problema è una mancata conoscenza della sfera sessuale, è possibile che continuando con la stimolazione a lungo termine il problema si risolva, buona fortuna

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'orgasmo"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problema D.E.

Buonasera, sono Marcello da Piacenza. Nelle relazioni extraconiugali, è da quasi 1 anno ...

3 risposte
Durante un rapporto sessuale lei dice di non provare piacere

Salve a tutti, volevo parlarvi di un problema che sta frustando la relazione con la mia ragazza...

5 risposte
Provo dolore durante la penetrazione e non provo alcun piacere

Salve sono Miriana e ho 22 anni vi sto scrivendo per porvi il mio problema... Durante l'atto ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.