Problemi di coppia

Perché chiedere una terapia di coppia

Dott.ssa Paola Liscia contattami

Condividi su:

Perché chiedere una terapia di coppia

I problemi d’amore, rappresentano uno delle tematiche più frequenti che le persone si possono trovare ad affrontare durante la propria vita. Tutti coloro che hanno avuto l’opportunità di vivere un’esperienza di coppia, prima o poi si sono trovati a scontrarsi con un momento di crisi, che se ben risolto porta al proseguimento del rapporto con una nuova vitalità, al contrario se questo non è successo, si arriva a una fase di stallo in cui il malessere di uno o entrambi diventa costante. Ogni coppia ha una sua storia, una sua specificità e delle sue risorse, che vengono messe in campo durante le diverse fasi del ciclo vitale della coppia, ed è proprio in queste fasi, che possono emergere e acutizzarsi i problemi. Il primo momento di crisi avviene quando dopo la fase idilliaca dell’innamoramento, la coppia deve capire se continuare a stare insieme o lasciarsi, qui sorgono i primi dubbi, emergono le differenze e si comincia a vedere l’altro, per come realmente è, questa è una fase importante perché ci si scontra con qualcosa che non piace nell’altro, se si riesce a superare questa fase e ad accettare l’altro per come realmente è la coppia può andare avanti e proseguire nel creare un progetto di vita comune. Se questa fase non si supera, emergono continui malesseri, che racchiudono delle problematiche fondamentali per il consolidamento di una coppia: ovvero quanto la coppia sia effettivamente matura e pronta per portare avanti un rapporto e quanto lo svincolo dalle proprie famiglie d’origine sia avvenuto correttamente.

Per maturità della coppia si intende la capacità che sviluppa ciascun individuo che fa parte della coppia, nel portare avanti in modo adulto, sia le scelte individuali che quelle in funzione della coppia. Spesso nello stare in coppia si può arrivare a confondere se’ stessi con l’altro, questo errore spesso causato da modalità relazionali acquisite nel proprio sistema familiare, comporta una difficoltà nella gestione dei confini tra se e l’altro, e come conseguenza può portare una a scontentezza, frustrazione e rabbia, a causa della continua delusione delle proprie aspettative. Imparare a distinguere i propri bisogni da quelli dell’altro e prendersene la responsabilità nello soddisfarli, permette di rimettere a posto i giusti confini e di smettere di essere arrabbiati con l’altro perché se ne comprendono e accettano i limiti. Il raggiungimento di una maturità individuale, permette di sviluppare come conseguenza un modo nuovo di agire nella coppia, che ne favorisce la crescita e la possibilità di creare dei progetti comuni.

Per svincolo dalla propria famiglie d’origine, si intende la capacità di ciascun individuo di esser pronto emotivamente e formalmente nel lasciare la propria famiglia d’origine, per costituire un nuovo progetto di coppia e da parte di quest’ultima nel lasciare andare i figli, dandogli fiducia. Quando si passa dalla vita in famiglia alla vita in coppia, senza essersi sperimentati nella capacità di vivere da soli, può accadere che rimanga la tendenza ad appoggiarsi alla propria famiglia d’origine, come sostegno nei momenti di difficoltà, facendola entrare nel rapporto di coppia. Ciò dà origine a una serie di triangoli e alleanze che rischiano di compromettere la crescita e la solidità della coppia. Riuscire a proteggere il rapporto di coppia imparando a trovare la soluzione alle difficoltà all’interno di essa, piuttosto che all’esterno, permette alla coppia di evolversi acquistando maggiore fiducia nello sviluppo di proprie risorse e di fare riferimento alla propria famiglia d’origine in modo maturo.

Un coppia matura e ben svicolata, dovrebbe riuscire ad affrontare con successo le diverse difficoltà che possono accadere nelle diverse fasi del ciclo suo vitale, al contrario se non lo è, le crisi dovute e tradimenti, difficoltà di comunicazione, lutti, difficoltà sessuali, eventi traumatici etc.. possono mettere in difficoltà il rapporto e perpetuare stato di malessere. In questi casi, ricorrere all’aiuto che può fornire una Psicoterapia di coppia, permetterà di identificare nuove modalità più funzionali per andare avanti e eventualmente decidere se continuare a stare insieme o separarsi.

 

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Domande e risposte

Ansia da abbandono

Buongiorno, sono una ragazza di 27 anni e da circa 3 anni sto vivendo una storia con un mio coetaneo ...

7 risposte
Tradirsi a vicenda

Buongiorno, sono mamma di due bimbi di 8 e 1 anno, 3 anni fa dopo la morte di mio suocero mio marito ...

4 risposte
Uomo perfetto ma non lo amo

Buonasera a tutti, Sono una ragazza di 29 anni fidanzata da un anno e mezzo con un ragazzo stupendo ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.