Problemi di coppia

È possibile superare insieme una simile tragedia emotiva?

elena

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 25 anni e da circa tre anni sono fidanzata con un ragazzo più grande di me. Ci siamo conosciuti in università, non è stato propriamente amore a prima vista, mi ha conquistata quel suo modo di porsi da uomo maturo quasi paterno. Dopo un anno siamo andati a convivere fuori sede, io studiavo e lui pure ma sei mesi più tardi mi è caduto il mondo addosso. L'ho conosciuto che stava finendo i suoi studi, era già fuori corso di un paio d anni, ma a suo dire l avevo spronato a terminare gli esami ed iniziare la tesi. Studiavamo assieme, scriveva la sua tesi con dedizione, settimanalmente andava dal suo professore. Dopo un anno arriva il giorno della laurea, quella mattina tremante mi ha confessato che non si doveva laureare. Si era inventato tutto. Per un anno ha mentito a me e per ben 5 anni ha mentito a se stesso e a tutta la famiglia. Mi è caduto il mondo addosso ma non l ho abbandonato, stava male più di me. Ad oggi è passato un anno da quel giorno, lui ha dimostrato una gran voglia di riprender in mano la sua vita e ora lavora. Io non riesco a superare quel giorno, sono forte fuori ma dentro sono piena di ansia e paura. Soffro di attacchi di ansia e agitazione. Ne abbiam parlato molto insieme e ad oggi credo sia egoista continuare a farlo, non c è più nulla da dire e lui ha davvero bisogna di andare oltre quel giorno. Riuscirò a recuperare la stima in lui? E in me? È possibile superare insieme una simile tragedia emotiva? La “tragedia“ non è certo la mancata laurea ma le bugie, le preoccupazioni per il futuro (il suo lavoro) e l umiliazione che ho provato quel giorno a dover dire alla mia famiglia e ai miei amici l accaduto. Mi sono sentita, forse stupidamente, “ingabbiata“ a tradimento nella convivenza che ha di sicuro peggiorato il tutto. Vi ringrazio per l aiuto.

13 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Elena,

a ragione chiami questo evento "tragedia". Quando si ripone completa fiducia nel proprio partener, situazioni del genere ci fanno veramente crollare il mondo addosso. E' una situazione traumatica che coinvolge appieno il nostro stato di benessere psicologico e fisico, sia individuale (ci descrivi infatti episodi di ansia sintomatici di questa sofferenza derivante dalla fiducia tradita) che di coppia (riconquistare la tua fiducia sarà per il tuo compagno e per te un lavoro graduale e che richiederà grandi energie e risorse). Oltre alle bugie, disturbanti sono anche stati i giudizi che la tua famiglia e gli amici possono aver pensato nei suoi e tuoi confronti. Sarebbe da approfondire questa ansia e agitazione che ci descrivi per capire in quali situazioni specifiche si presenta. Il mio consiglio in questo caso sarebbe forse quello di seguire degli incontri di terapia di coppia per ripristinare il vostro equilibrio relazionale. Un caro saluto

Dott. Giulio Grecchi Monza e Brianza (MB)

Gentilissima Elena

Mi ha assai colpito la sua lettera e mi sento di dirle che è assolutamente possibile superare quanto lei chiama tragedia. Credo però che sia importante capire cosa ha suscitato in lei questo ragazzo, in che modo e per quali vostre parti interiori siete entrati in risonanza, al punto da portare avanti quel suo particolare mimetismo. Le consiglio pertanto di rivolgersi ad uno psicologo, non solamente per parlare ed approfondire gli "aspetti problema", bensì per sentirsi orientati a visioni positive e generative della sua esistenza. Oggigiorno la psicologia è in grado di mettere in campo un elevato corredo di strumenti di cambiamento, che le auguro di cuore di trovare per lei quelli più efficaci e propositivi.

La saluto con affetto

Buongiorno Elena

comprendo la sua "tragedia", perdere la fiducia e la stima in chi abbiamo creduto essere la persona giusta, ferisce e spaventa. l'ansia e agitazione penso che siano delle sensazioni alquanto giustificate, chi non le proverebbe? anzi mi sto chiedendo quali risorse personali stia mettendo in campo per gestire tale situazione.

sarebbe davvero opportuno che lei iniziasse un percorso di terapia individuale per capire le emozioni che l'hanno fatta rimanere allora in tale rapporto e quelle che la trattengono ora. l'aiuterebbe a capire maggiormente se stessa. ciò che vuole e desidera per sè. lasciarlo sarebbe un fallimento? l'ennesimo?il primo, non so? cosa penserebbero gli altri di lei? chi le starebbe ancora accanto? chi se ne è già andato? chi se ne andrebbe?ha già avuto situazioni in cui ha dovuto scegliere in modo radicale?e se si com'è andata?

questa storia racconta non soltanto di un tradimento e di un lui e delle pessime scelte che ha fatto,ma racconta anche tanto di lei e della persona che è e che desidera essere. 

mi farebbe davvero piacere aiutarla a capire e a superare tale disagio.

Cara Elena,

comprendo il suo stato emotivo per la situazione che ci racconta. L'evento che l'ha sconvolta ha provocato una sorta di "rottura" in lei e nella ralazione con il suo compagno. Questo evento ha completamente messo in discussione non solo la fiducia verso di lui, ma anche l'intera immagine che lei si era costruita nel tempo di questo uomo. 

Lei con molto coraggio gli è stata vicino andando avanti con lui e supportandolo in un momento così difficile, lasciando probabilmente da parte però i suoi sentimenti. E' come se per lei, emotivamente parlando, il tempo si fosse fermato a quel giorno. Tutto quel bombardamento emotivo che ha dovuto affrontare le ha lasciato qualcosa dentro che può essere superato, ma credo parlandone innanzitutto con il suo compagno. 

Magari qualche colloquio con uno psicologo vis a vis, può aiutarla a fare maggiore chiarezza dentro di lei. 

Mi contatti pure se crede, il primo colloquio è sempre gratuito. A presto

Gentile ragazza,

Le bugie spesso vengono raccontate perché si ha troppa paura di deludere/ferire l'altro e di poterlo perdere se si racconta una verità di cui non si è fieri. 

In ogni caso, volevo chiederle se avesse mai sofferto di ansia e di attacchi di panico prima di questa vicenda.

Resto a disposizione 

Cara Elena, riprendere la fiducia nell'altro significa riprendere la fiducia in te stessa, imparare ad ascoltarti comprendendo chi sei e cosa vuoi. Questo mi sembra un obiettivo importante. Mi dispiace molto per la sensazione di "soffocamento" che riporti. Siamo noi a costruirci le nostre gabbie e a "metterci in gabbia", non sapendo esprimere il nostro potere personale, accettando cose che non vogliamo. Questo genera una grande ansia ed un senso di disagio. Forse è arrivato per te il momento di affrontare questo tema evolutivo: sei vuoi ci sono. Contattami per un primo colloquio, ricevo a Milano, in zona Buenos Aires. Un caro saluto

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in merito al suo racconto incominci una terapia di coppia e se il suo compagno non accetta, incominci da sola un percorso privato che può aiutarla a capire quello che è successo e a ritrovare la fiducia in sè stessa. Le pongo due domande: come ha fatto in tutti questi anni a non rendersi conto che mentiva? Come ha potuto permettere che qualcuno la prendesse in giro in questo modo? Provi a dare una risposta a queste domande e a partire dalle risposte cercare di cambiare la sua vita. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Dott.ssa Rosester Rui Milano (MI)

Le rispondo con la sua stessa domanda: "La 'tragedia  non è certo la mancata laurea ma le bugie, le preoccupazioni per il futuro (il suo lavoro) e l'umiliazione che ho provato ...a dover dire alla famiglia  e ai miei amici l'accaduto. Mi sono sentita 'ingabbiata' a tradimento nella convivenza che ha di sicuro peggiorato il tutto'.
E le chiedo: 'quanto conta per lei ll "giudizio" del 'collettivo'?...Ed inoltre le chiedo,...cosa forse  più importante: " il sentirsi  'ingabbiata". in una convivenza....ci pensi!...In fondo le due cose si connettono....nel senso che 'famiglia, posizione sociale, lavoro' sono valori collettivamente  'vincenti'....condivisi. Ma è questa la sua 'strada'?  Forse potrebbe esserlo, ma perchè, allora, "sentirsi in gabbia?"  Glie la 'butto lì' Ci pensi!!!!

Elena,

la fiducia è una creatura fragile e sensibile e, decisamente, la tua è stata tradita, quindi non stupisce che tu abbia vissuto e viva ancora con sofferenza ciò che è accaduto. Si può superare tutto questo? Certamente sì. Lo si vuole superare? A questa domanda puoi rispondere solo tu, perché di fatto il vero inciampo emotivo, diciamo psicologico nel senso più ampio del termine, l'ha vissuto il tuo ragazzo (che ragazzo propriamente non è) e non tu che invece sei stata colpita in conseguenza di un comportamento scorretto, spaventato, avventato e altro. Quindi, certo che si può superare la cosa ma, dato che questa cosa in effetti non è del tutto tua, la devi davvero superare? Io inizierei a riflettere su questo.

cari saluti

Cara Elena, a te è capitato quello chè può accadere a chiunque se decide di mettersi gli occhiali con le" lenti rosa", cioè per vedere tutto positivo. Ciò succede quando riponiamo troppe aspettative nella persona che incontriamo e non riconosciamo alcuni segnali che sono ben visibili già da subito e che la contraddistinguono. Non vuol dire con questo che è solo colpa tua di quello che è successo, perchè c'è una responsabilità da entrambe le parti. Per quanto ti riguarda, è importante che tu ti conosca di più, perchè quando incontriamo qualcuno che non conosciamo, ci poniamo in un certo modo che ha una spiegazione nel nostro tipo di personalità. Ti potrà servire anche per il futuro, così sarai più consapevole delle tue azioni e reazioni. Adesso nulla è perduto, questo momento verrà superato, magari anche con un percorso psicoterapeutico, che potrà farti individuare le tue risorse psicologiche per poter uscire da questo tunnel Cordiali saluti.

Salve Elena, comprendo lo smarrimento nel trovarti, all'improvviso, a contatto con aspetti del tuo fidanzato che non conoscevi e non potevi immaginare. Sentirti tradita e ingabbiata in una situazione che non hai scelto in piena consapevolezza danno un senso all'agitazione e all'ansia di cui racconti. 

Sicuramente tu ed il tuo fidanzato avete da ricostruire un rapporto nuovo, da imparare a conoscervi in maniera autentica, iniziare una relazione in cui tu potrai scegliere in modo consapevole come porti.

In questo lavoro vi consiglio di farvi seguire in una psicoterapia di coppia.

Ti auguro di trovare la strada giusta per liberarti dalla "gabbia" da cui ti senti oppressa.

Cari Saluti

Salve Elena, definisce "tragedia emotiva" lo stato emotivo in cui si trova tuttora a seguito dell'evento accennato: questo fa ipotizzare che non è ancora stato superato e sta avendo delle ripercussioni negative sul vostro rapporto (perdita di stima, sentirsi "ingabbiata a tradimento nella convivenza"). Credo sia un evento da elaborare dando un significato all'accaduto ed esternando pensieri ed emozioni ad esso legati, al fine di capire se ci sono i presupposti per proseguire o meno questa storia: è importante integrare questo evento all'interno della vostra relazione, analizzando anche altri aspetti del vostro rapporto. I migliori auguri.

Cara Elena, capisco la tua delusione e il tuo stato d'animo attuale. Penso che tu sia stata molto forte nello scegliere di stargli accanto, ma non credo che la sua sofferenza fosse minore della tua. Anzi, oltre alla delusione tu hai dovuto cercare di ricostruire la fiducia nei suoi confronti, che tuttavia non mi sembra sia tornata ai livelli iniziali. Anzi, la tua ansia e la tua agitazione potrebbero derivare dal fatto che dentro di te si è rotto qualcosa da allora, e forse questo ha condizionato in modo pesante il tuo legame con lui. Ritengo che affidarti ad un professionista adesso sia una scelta adeguata, che ti possa aiutare a capire cosa vuoi veramente e se valga la pena continuare la vostra relazione oppure no. Forse prenderti un momento di pausa e allontanarti da lui sarebbe una soluzione per recuperare un pò di serenità. Spero di esserti stata d'aiuto. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problemi di coppia: Tradimento

Da quanto ho scoperto che il mio ragazzo messaggiava con un altra, sto troppo male, anche se lui ...

1 risposta
Problemi di coppia

Salve sono una ragazza di 26 anni...e sono fidanzata da 12, un paio di mesi fa il mio ragazzo &egrav ...

2 risposte
Non riesco a lasciare la mia compagna

Salve, ho 34 anni e sto con la mia lei, che ne ha 32, da 15 siamo genitori di 4 bambini. Il problema ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.