Problemi di coppia

Come sconfiggere il senso di colpa che mi logora?

Angela

Condividi su:

Buongiorno, sono sposata da 7 anni ed ho un bimbo di 4 ed uno in arrivo. mio marito non mi fa mancare nulla né a livello economico ne a livello di attenzioni.. Da quando è nato il nostro bambino ovviamente le cose sono state un po' più impegnative ma tutto procedeva serenamente. Fino a che la scorsa estate ho ripreso una passione per uno sport che avevo abbandonato nel momento in cui mi ero fidanzata ed è successo l'irreparabile ..l'istruttore ha iniziato a perseguitarmi in ogni modo fino a che io non ho ceduto alle sue avances..abbiamo avuto un solo rapporto di cui io mi sono pentita amaramente,ho interrotto subito però ho continuato a praticare quello sport nello stesso centro. A distanza di un mese ho scoperto di essere incinta , mio marito si era accorto che qualcosa mi era successo ed è riuscito a farmi confessare l'accaduto..il bimbo naturalmente è di mio marito ma adesso lui non vuole saperne di perdonarmi..ne di parlare con un professionista che possa aiutarci..lui è una persona molto negativa è solitaria e adesso ha perso la sua fiducia nei confronti di chiunque..è rimasto a casa per la famiglia ma la situazione è davvero pesante per entrambi ed io sto vivendo una gravidanza tristissima. Come posso fare per aiutarlo? E cosa posso fare per trovare la forza di sconfiggere il senso di colpa che mi logora? A volte vorrei solo morire.. Grazie per il vostro aiuto.

13 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Angela, credo che per lei, da come scrive, questo sia davvero un periodo difficile. Perché quello che improvvisamente manca da un marito che non sembrava mancare mai, è il perdono che la assolverebbe da questo senso di colpa. Mi chiedo e le chiedo questa colpa è verso chi o cosa veramente? Considerato che emerge dopo aver ricominciato una passione che aveva abbandonato dopo il fidanzamento. C'è qualcosa che lei si autorizza a riprendere, recuperare, forse qualcosa che ha a che fare con se stessa e il proprio desiderio di vita? Chissà se poterlo fare circolare nella relazione con suo marito potrebbe creare uno spazio altro dal perdono e dal voler morire. Un caro saluto

Gentile Angela,

non può fare altro che concedere un pò di tempo a suo marito e aspettare che si decida a consultare uno psicoterapeuta della coppia.

Il tradimento è, infatti, sintomo di un malessere che interessa entrambi i partner, di un malcontento che non può essere risolto in nessun modo, se non cercando una "soluzione" all'esterno, in qualcun altro al di fuori della coppia.

 

Un caro saluto

Gentile Angela,

se suo marito non vuole recarsi da uno psicoterapeuta, ci vada da sola. Infatti lo psicologo dovrebbe saperla aiutare a rendere ottimale la comunicazione con suo marito e questo potrebbe essere sufficiente a sbloccare la situazione.

Inoltre potrà anche parlare di sè ed elaborare altri contenuti che fossero pertinenti. La gravidanza è un periodo delicato, anche per il bambino, è consigliabile perciò di fare il possibile perchè sia portata avanti con serenità, trovi perciò uno psicoterapeuta con cui si senta massimamente a suo agio. Cordiali saluti

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in merito alle sue domande, se suo marito non è disposto ad iniziare una terapia di coppia, lei può inizire una terapia personale, per affrontare la situazione che ha descritto e cercare un modo per gestirla. La morte non è una soluzione valida, capisco che si possa pensare ad essa come una soluzione, perchè si vede tutto difficile e nero, ma scegliere un terapeuta che ci segue e sostiene in questi periodi è una scelta coraggiosa e di grande maturità. E' il primo passo per il cambiamento. Cerchi nella sua città un collega e poi provi ad intraprendere un percorso privato, incominci da sè stessa, poi suo marito la seguirà. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Buongiorno Angela, la situazione che mi descrive è davvero pesante. Ha detto che suo marito non vuole farsi aiutare, ma non prende neanche una posizione precisa nei suoi riguardi. Non la perdona, ma rimane con lei facendogliela pagare con il senso di colpa. Rimane con lei per via del figlio che state aspettando, ma non credo che  la nascita di questo possa alleggerire la situazione. Vostro figlio ha il diritto di nascere in un clima tranquillo privo di questi fantasmi. Quindi per il bene di tutti, vi consiglio di farvi chiarezza. Non dico che per suo marito sia facile passare oltre, ma nella vita si piò sbagliare tutti. La differenza sta nel fatto, in chi sa e riece a perdonare e chi no.Guardatevi dentro con onestà e se credete di riuscire a chiudevi  il passato alle spalle, ha senso stare insieme, altrimenti è meglio per tutti un'altra soluzione.

Buona vita

Cara Angela,

La fiducia  come pure la perdita di fiducia hanno radici lontane nella nostra infanzia. La sfiducia può essere trasformata in fiducia attraverso un lavoro interiore lungo e faticoso. Se suo marito non vuole essere aiutato (e io indagherei sul significato di questo rifiuto), lei non  può fare granché per lui.

Può, però, attivarsi per stare meglio lei stessa. Si interroghi sul perché ha sentito il bisogno di cedere alla passione con l'istruttore, può darle informazioni importanti sul suo rapporto con suo marito. Il senso di colpa è la punizione che ci affliggiamo. Fino a quando pensa che dovrà pagare per un "errore" che è lo specchio di un rapporto che vacilla?

Chieda aiuto, per se stessa.

Le auguro ogni bene.

Cordiali saluti.

Dott. Martino Miccoli Firenze (FI)

Cara Angela,

prima di capire come poter aiutare lui e sapere cosa è meglio fare, credo che sia importante per te scegliere un professionista con cui confrontarti e farti seguire in questo momento delicato. Non è facile convincere qualcuno a rivolgersi ad un consulente, psicologo ad esempio, senza una forte motivazione personale. Attualmente mi pare di capire che lui non sia nell'ottica o motivazione di riavvicinarsi a te ma che sia arrabbiato, deluso e che abbia perso la fiducia. Tutto questo si ripercuote su di te, che sei già in una condizione delicata. 

Credo che parlare con qualcuno ti possa sostenere in questo periodo e ti possa gradualmente aiutare a vedere le cose più nitidamente e capire quindi cosa poter fare, prima di attivarvi come coppia, anche per capire come poterti rapportare a lui in questo momento così critico.

Se hai ancora bisogno di scrivermi mi rendo disponibile a risponderti.

Buongiorno Angela,

in questo momento diventa difficile aiutare suo marito se lui non vuole. In certi casi l'unica soluzione è stare nel dolore. E' presto per risolvere e affrontare la situazione con lui, perchè avrebbe una risposta negativa. Dare del tempo è la cosa migliore, quando avrà sbollito la rabbia e la sfiducia può riparlarne. Per quanto riguarda, il suo senso di colpa, la capisco ma le posso dire che è inevitabile che lei non lo provi. Stia piuttosto nel capire perchè è successo, se è stato un periodo in cui voleva sentirsi nuovamente donna. Tolleri un pò il senso di colpa ma soprattutto la invito a riflettere cosa c'è dietro a questa emozione. "a volte vorrei solo morire" la leggo come una sorta di evitamento, come se volesse cancellare tutto. Io credo che la sua vita valga sia per lei che per i suoi figli. C'è soluzione anche quando pensiamo che vada tutto a rotoli. E ricordi non c'è un comportamento che va punito o che sia giusto, se le cose accadono significa che è segnale di una mancanza e non c'è nulla di male ricercare il desiderio. Questo vale per tutto.  Se vuole, io ci sono.

Cara Angela, purtroppo spesso si paga le conseguenze dei nostri errori… Oscar Wild diceva “posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni”… e questo è più che vero!

Lo sbaglio è stato commesso e nessuno lo potrà cancellare, non esiste una pillolina per dimenticare o per ripartire.. Purtroppo sarà una cicatrice che porterete sempre con voi, però di sicuro possiamo fare in modo che faccia sempre meno male e ricostruire la vita di coppia con un nuovo equilibrio! Non sarebbe corretto né tanto meno possibile voler ripartire dal “prima del danno”… Attualmente suo marito ha diritto di soffrire! E forse questo è l’unico modo per cercare di uscirne velocemente. Per far decantare il dolore bisogna concederselo, attaversarlo. Un percorso terapeutico potrebbe sicuramente aiutare la coppia o anche solo il singolo a non cadere in banali errori che possono peggiorare, ma soprattutto potrà aiutare a ricostruire ciò che è crollato (nel caso lo vogliate entrambi), altrimenti potrà aiutare lei ad affrontare ciò che ne deriverà,  nel modo migliore possibile anche solo per i figli.

In bocca al lupo

Carissimi Angela, una situazione del genere con un bambino in arrivo, non è da sottovature, ha ragione a pensare di aver bisogno di aiuto entrambi.

Se suo marito non ha intenzione di intraprendere un percorso di coppia, credo che debba considerare la possibilità di inziare un percorso individuale, al fine di chiarire cosa succede dentro di lei e vivere questa situazione in più serenamente possibile. Solo così, avendo una serenità interna, potrà cercare di modificare anche il resto.

Resto a sua disposizione per ulteriori domande e, se vuole, le posso proporre un colloquio gratuito presso il mio studio.

Un cordiale saluto.

Carissima Angela,

Capisco il suo stato e la sofferenza che prova considerando che e' addirittura incinta e che il rapporto di coppia va male da mesi. All'inizio, ha scritto che suo marito non le faceva mancare nulla, ne' in termini economici, ne' a livello di attenzioni...come mai ha "deciso" di cedere a queste avances? Cosa le mancava? Cosa cercava? Sarebbe utile per la coppia una terapia insieme, ma non se suo marito non vuol farla ovviamente. Credo che le potrebbe essere utile cominciare intanto con un percorso individuale per cercare di capire cosa l'ha spinta a cercare un diversivo e per placare il senso di colpa che la tormenta per potersi concentrare più liberamente anche sui bimbi.
Resto a disposizione

Gentile Angela, ricostruire un rapporto di fiducia una volta incrinato é un lavoro difficile che richiede tempo e costanza e produrrà dei risultati solo quando l'altra persona sarà disponibile a riconsiderare la questione. In questo momento la cosa migliore che può fare é essere presente e avere fiducia che un domani le cose potrebbero cambiare e, per fare questo, é importante che lei impari a conoscere gli aspetti emotivi che sta provando in questo periodo. Conoscere meglio se stessa può essere quindi un modo efficace per mobilitare le risorse necessarie a rimanere presente per suo marito in attesa che lui mostri aperture nel vostro rapporto e poter costruire una nuova relazione di coppia con suo marito in cui questi eventi si cerchi di prevenirli. In vista della nascita di suo figlio, oggi é un buon giorno per iniziare a lavorare sul vostro futuro, non esiti a chiedere aiuto a chi le sta vicino e ad un professionista che possa offrirle supporto psicologico. Cordiali saluti

Salve Angela, mi dispiace per la sua situazione, a volte le cose non capitano per caso, probabilmente se lei ha tradito suo marito, c'era qualcosa che non andava nel vostro rapporto....ma ora è accaduto e occorre dare un senso a ciò che è stato e cercare di andare avanti nel miglio modo possibile. Non so se lei può aiutare suo marito, ma di sicuro può farlo con se stessa. Provi a iniziare un percorso di psicoterapia, potrebbe aiutarla a fare chiarezza su se stessa e a dare un senso a ciò che è accaduto, se si sente ancora in colpa, c'è probabilmente un perchè. Le auguro di star meglio e di trovare quella serenità che in questo delicato momento della sua vita, è indispensabile. Buon tutto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Varie problematiche sessuali di coppia

Salve, mi chiamo Giulia e ho 26 anni, sono fidanzata da un anno e mezzo e ultimamente sto avvertendo ...

5 risposte
Come comportarsi quando lui sta con una più grande

Salve, scrivo perché ho dei dubbi riguardo una storia che porto avanti con un ragazzo mio ...

4 risposte
Come posso uscirne?

Salve, ho 47 anni, sono sposata da 24 e ho 2 figli di 16 e 20 anni, soffro di depressione ed attacch ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.