Problemi di coppia

Come gestire il rapporto se le figlie del mio compagno non mi accettano

Mavie

Condividi su:

Da 2 anni ho una relazione con un uomo separato da 4 anni. Io ho una bambina di 8 anni lui due figlie di 18 e 21 anni. Il rapporto tra lui e la sua ex moglie è inesistente le sue figlie non accettano la mia presenza e soprattutto una è particolarmente ostile. Lui ha tanta paura di perderle perché già dopo la separazione non le ha viste per molti mesi. La nostra storia era bellissima Io ora la vivo male. Non vedo la prospettiva di una convivenza né di rapporti sereni con le sue figlie e questo limita la libertà di poter fare dei progetti per noi due come coppia. Lui non riesce a spingersi oltre ed è evidente il suo essere condizionato da queste due ragazze. Io sono mamma capisco benissimo perché anche mia figlia ha vissuto una separazione ma sapere di non poter progettare in futuro almeno a breve termine mi distrugge la vivo male Mi sento completamente annientata. Per lui è la prima volta che porta una donna alla luce del sole dopo la separazione è la prima volta che vive una relazione stabile in questi quattro anni. Io guardando il la nel tempo non Credo che le cose possano cambiare perché l'ostilità è spinta anche da una mamma molto cattiva. Non so che fare investo tanta energia in questa storia ma poi cado in una profonda depressione e Fatico a ritirarmi su. Mi scuso per l'esposizione un po' confusa in questo momento mi sento molto giù il tutto aggravato dalle difficoltà economiche di questo periodo storico che stiamo vivendo. Sono sicura dei sentimenti di questa persona Nonostante sia cambiato molto rispetto a quando il rapporto è iniziato. Questo mi spinge a chiedere continuamente conferma perché È molto più frenato Ma in cuor mio so che mi ama. Aiutatemi per favore a fare chiarezza e capire se c'è un modo per gestire meglio tutto questo. Grazie

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Mavie,


in coppia, soprattutto a una certa età, quando non ci sono più le incertezze dell'adolescenza, bisogna stare bene. Che sia per un giorno alla settimana o per tutti i giorni dell'anno, stare con l'altro deve dare felicità, passione, desiderio di vivere e di scoprire la vita.


L'alternativa è coltivare la passione dentro di sé e muoversi, rispettando le condizioni dell'altro. Se ti piacciono il teatro, i musei e i viaggi, vai a teatro musei e viaggia, chiedendo a lui se vuole/può accompagnarti con lo stesso spirito gioioso e appassionato con cui lo fai tu. Altrimenti devi essere in grado di godere delle bellezze della vita anche se lui attende a casa.


Non è diverso se il progetto è quello di vivere insieme. O si cerca la semplice serenità in due, oppure ognuno lascia libero l'altro di essere ciò che è, senza gettare acqua sul fuoco delle passioni della propria vita.


Con lui stai bene? Fai, in sua compagnia o no, le cose che ti piacciono? Rispondere a queste domande già orienta domande più precise e profonde sulla situazione.


In bocca al lupo.

Nella stragrande maggioranza dei casi i figli, soprattutto se sono adolescenti, non accettano i nuovi partner dei genitori, anche senza che quest'ultimo abbia fatto niente di particolare, solo e semplicemente perchè esistono al fianco del genitore. Un buon modo per gestire la situazione è cercare di non acuire questo malessere pretendendo dal suo compagno ciò che in questo momento non può darle, attenda con comprensione, dia tempo al tempo, godetevi i momenti in cui potete stare da soli sorreggendovi a  vicenda, pensandoli come momenti in cui continuare a conoscervi sempre meglio come persone. Il progetto di vita ora è questo. Stare nel presente, concentrata su ciò che di bello c'è e su ciò che di bello si può continuare a fare nel presente per conservare ciò che vi unisce e non dare troppa importanza a ciò che vi divide. Alla fine le figlie con il tempo capiranno che se il papà sta bene, è sereno e sanno, saranno convinte che nessuna può togliere l'affetto che lui ha per loro, si ammorbidiranno. Ma ci vuole molto tempo. Anni. Per questo si concentri su ciò che ha piuttosto che su ciò che non ha. 

Buongiorno Mavie


La vostra relazione è consolidata e stabile da anni. Come genitori, entrambi, siete attenti a non ferire i vostri figli, ed è giusto. Le figlie del suo compagno sono,  però, ormai giovani donne. Penso sarebbe importante che, il suo compagno, riuscisse in modo chiaro, a parlare con loro e spiegare l'importanza della vostra relazione. Parli col suo compagno di come si sente e cercate insieme dei compromessi, per fare un modo che nessuno si senta ferito. Inoltre credo che, pur dovendo tenere in considerazione il pensiero dei figli, sia giusto che possiate rifarvi una vita ed essere felici.


Auguro buona fortuna

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Vicino al ciclo mia moglie non vuole nessuno vicino

Buongiorno, chiedevo un parere perchè a volte non so come comportarmi.Siamo sposati da 9 anni ...

5 risposte
Ho tradito mio marito

Buongiorno, un anno fa ho tradito mio marito dopo 22 anni di matrimonio con un amico di vecchia data...

6 risposte
Sesso e non solo con l'ex-moglie

Salve dopo una storia di circa 10 anni mi sono separato da mia moglie 2 anni fa, subito dopo la ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.