Problemi di coppia

Da più di un anno sto con un ragazzo del quale sono innamorata

Elisa

Condividi su:

Buonasera a tutti, sono Elisa ho 35 anni e da più di un anno sto con un ragazzo del quale sono innamorata. L’ho conosciuto mentre convivevo ancora con il mio ex e nostra figlia che ora ha tre anni. La nostra storia era finita da tempo anche se lui non voleva accettarlo in nessun modo. Mi costringeva a rimanere con lui con ricatti psicologici per il bene di nostra figlia. Ma non c’era amore. Non c’erano parole dolci o gesti gentili. Ho sofferto tanto. Anche lui. Quando ho conosciuto L. ero davvero esausta, stavo cercando un appartamento dove andare a stare con mia figlia, anche se ero ancora molto dubbiosa su ciò che fosse meglio per il suo bene. Ci siamo conosciuti ad un compleanno ed è stato un colpo di fulmine. L. è un ragazzo meraviglioso, sensibile, simpatico, vitale. Assieme siamo una forza della natura. Ci amiamo tanto, condividiamo gli stessi interessi, la stessa musica, le amicizie. Adora mia figlia e saremo già andati a vivere assieme se la cosa non fosse ancora prematura per la piccola e la situazione in se. Mi ha ridonato il sorriso che avevo perduto. Mi ha fatto ritrovare me stessa e la serenità che avevo perduto. In questo però purtroppo, non ho ancora avuto il piacere di conoscere nessun componente della sua famiglia poiché sono contrari alla nostra relazione. La più accanita è sua sorella che, non appena lui con gli occhi che gli brillavano di gioia ha raccontato di me in famiglia, alla notizia che ho una bimba è impazzita. Da quel giorno continua a perseguitarlo. Gli dice che anziché mettersi in mezzo alle famiglie degli altri (non sa nulla di me e della mia storia) avrebbe dovuto pensare di costruirsene una sua. Gli dice che non sa cosa lo aspetta. Che farà ammalare i genitori etc etc. Nemmeno i suoi sono contenti e L. soffre tantissimo. Io sto male perché già la mia situazione in sè è difficile da gestire, in più sento il peso del fatto che sto facendo indirettamente del male anche ad altre persone e mi pesa tanto. Ho paura che con il tempo possa incidere sul nostro rapporto. Se solo mi conoscessero…credo sarebbero contenti di me… bastasse solo il fatto che amo tantissimo L. e cerco solo di non fargli perdere il suo sorriso bellissimo. Davvero non so come fare. Quando ci si scontra con questi preconcetti ogni sforzo sembra inutile.Non ho anch'io diritto ad una seconda possibilità nella mia vita? Non ha diritto lui di amare liberamente? Non so proprio come comportarmi. Vi ringrazio infinitamente per il vostro tempo. Elisa

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Elisa, comprendo benissimo quanto possa essere demoralizzante aver trovato una persona speciale con cui stare bene e che arrivi qualcos'altro a portare nubi e bufere. La situazione perfetta non esiste.Cercare di convincere gli altri che lei è una brava persona e che ama L. farà opporre ancora di più i suoi familiari, se L. inizierà a litigare furiosamente con la sua famiglia non saprà mai se lui lotterà per voi perchè i genitori lo contrastano o perchè effettivamente è felice insieme a lei. Con questo non voglio dire che lui non la ricambi pienamente, ma da sempre gli amori contrastati sono quelli per cui le persone hanno lottato di più, proprio per il contrasto. Inoltre nelle liti continue i genitori potrebbero pensare che lei lo influenza negativamente e che a causa sua è diventato instabile. Il consiglio che mi sento di dare è di viverla con calma, senza colpi di testa, senza fretta di vivere insieme. La persona giusta fa però parte di un contesto sbagliato. Le consiglio di costruire insieme ad un Terapeuta di approccio breve strategico un percorso comportamentale e comunicativo adeguato a gestire al meglio questa situazione. A volte sbagliando le scelte comportamentali peggioriamo le cose.

Cari saluti

Dott.ssa Elisa Forlin Vicenza (VI)

Cara Elisa, 

mi sembra una situazione molto confusa a cui prendono parte diversi attori: lei, sua figlia, il suo ex compagno, il suo compagno attuale L., la sorella e la famiglia di lui. Credo che dovrebbe cominciare a ripulire la scena e affidare ad ogni protagonista il ruolo che gli spetta secondo le priorità che lei stessa sente fondamentali. Nel messaggio dice che non sa come fare, ma dalle sue parole emerge che sta facendo moltissimo, forse per questo il peso è così difficile da gestire. 

Provi a ‘fare’ un po meno: lasci fare alla cognata il ruolo della cognata  la quale, inserendosi nella vostra storia si è attribuita  la parte di ‘colei che si mette in mezzo’ finendo poi per accusare il fratello di rubargliela, affidi al suo ‘ex’ ed alla storia terminata con lui, un ruolo ed uno spazio che non interferisca con la sua vita attuale, e lei, Elisa, riservi le energie per l’importante ruolo di protagonista ( madre-compagna ) che  le spetta! Ah ma… L. è seduto a godersi lo spettacolo o lo facciamo partecipare?

Un saluto

Buonasera  Elisa,

è molto bello il sentimento che descrive per questo uomo e dalle sue parole emerge chiaramente anche come per lui sia la stessa cosa.  Questo sentimento di unione in un caso come questo può davvero fare la differenza. 

Avere una bambina e un rapporto interrotto non è una colpa, ma una condizione legata alla vita che cambia e alla possibilità di scegliere (per fortuna). Avere una relazione stabile e solida permette di andare oltre qualsiasi giudizio o pre-giudizio legato al concetto di famiglia che la società ci trasmette. Ora le cose sono cambiate e per fortuna rispetto ad una volta ci rendiamo più liberi di essere chi vogliamo essere e scegliamo le persone da avere accanto.

A volte le persone che non hanno questo punto di vista rimangono ancorati ad uno stereotipo che li tiene imprigionati. Una famiglia felice non è composta da marito, moglie e figli. Seguendo questo principio non potrebbero essere famiglia le coppie omosessuali, le coppie sterili, chi sceglie di vivere da solo o chi ha perso il compagno o la compagna in seguito ad un evento infausto. Fortunatamente oggi possiamo dire di essere andati oltre.

Le dico questo per darle lo stimolo legato al fatto che non siamo tutti uguali e che purtroppo non è possibile avere sempre tutto e subito. Io penso che il sentimento che vi lega possa con il tempo solidificarsi se insieme sceglierete di lavorare e riconoscere anche quelle che sono le vostre fatiche, in modo che possiate uscirne più forti che mai. Una buona consapevolezza, un buon dialogo e una nuova energia creano grandi presupposti per lo stabilire una nuova vita insieme e quando si vuole questo, nulla può scalfirlo.  Quello che inoltre vi consiglio di fare, è essere sempre onesti con voi stessi, ammettendo anche il dispiacere legato al non sentirvi accettati. Una volta fatto questo agli altri toccherà fare il loro pezzo.

In bocca al lupo per tutto

Resto a disposizione e faccio il tifo per voi

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problemi di coppia: Tradimento

Da quanto ho scoperto che il mio ragazzo messaggiava con un altra, sto troppo male, anche se lui ...

1 risposta
Problemi di coppia

Salve sono una ragazza di 26 anni...e sono fidanzata da 12, un paio di mesi fa il mio ragazzo &egrav ...

2 risposte
Non riesco a lasciare la mia compagna

Salve, ho 34 anni e sto con la mia lei, che ne ha 32, da 15 siamo genitori di 4 bambini. Il problema ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.