Il mio rapporto con il marito è piatto

Erika

Buongiorno. Sono sposata da 15 anni e ho due figli di 11 e 15 anni. Io e mio marito siamo stati sempre in sintonia, anche sessualmente, poi negli ultimi anni, dopo il Covid sono subentrati problemi economici, soprattutto da parte mia, non so se la causa scatenante è stata quella ma purtroppo ho avuto un calo del lavoro e mio marito si è dovuto fare carico di tutte le spese familiari. Comunque lui ha iniziato a essere più distante e meno affettuoso con me, e mi cerca sempre meno sessualmente. Lui dice che non ha niente, che è sempre stato così ma io so che non è vero. Questa situazione mi ha buttato nello sconforto più totale, la mia autostima è finita sotto i piedi e vorrei capire come uscirne. Ho la sensazione che si faccia tutto per dovere, non per piacere, forse lui non mi ama più ma non ha il coraggio di dirmelo. Il problema che dopo tanta sofferenza che ho passato per lui a forza di sentirmi poco desiderata, ignorata, poco amata adesso mi sono raffreddata anche io e non ho più voglia di avvicinarmi a lui sessualmente. Cosa mi sta succedendo? Eppure io lo amo come prima, ma mi sento bloccata.

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Erika, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè capisco quanto questa scelta possa essere importante per lei ed impattare sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale innanzitutto che lei faccia chiarezza circa ciò che sente e ciò che prova verso questa persona, ritagliandosi uno spazio d'ascolto per elaborare pensieri e vissuti emotivi legati alla situazione descritta pertanto la invito a richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.

Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL