Problemi di coppia

Incesto

Vanessa

Condividi su:

Buonasera, scusate sono sconvolta..mio marito....ha la fantasia che mio padre abbia un rapporto sessuale vaginale e anale con me....lui è eccitato da questo. ..vi chiedo cosa vuol dire aiutatemi......grazie cordiali saluti..Vanessa

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Vanessa,


la fantasia confessatale mette in luce un lato della sessualità di suo marito che forse le era sconosciuto prima. Lei non dice molto delle modalità che lo hanno portato a parlare con lei di questo, da quanto tempo, che tipo di rapporto c'è con suo padre e come suo marito è stato accolto dalla sua famiglia. Sarebbe invece interessante contestualizzare meglio la vicenda e approfondirla. Anche ipotizzare che questa fantasia possa avere un legame con ricordi legati al passato di suo marito sarebbe una forzatura, senza avere degli ulteriori elementi.


Ha provato a rivolgersi ad uno specialista, uno psicologo di fiducia? potrebbe essere utile, anche in coppia, affrontare le sue preoccupazioni e migliorerebbe sia il rapporto di fiducia che la comunicazione fra di voi.


Un saluto

Dott.ssa Maria Gurioli Bologna (BO)

Cara Vanessa,


 


il sogno non va assolutamente interpretato alla lettera perché esso è espressione dell’inconscio.


L’inconscio si esprime per immagini invece che con parole e pensieri razionali come fa la nostra coscienza, immagini che hanno un alto valore simbolico.


Inoltre il sognatore utilizza il meccanismo della proiezione. Proiezione significa attribuire a qualcun altro o a qualcos’altro aspetti che ci appartengono.


Ad esempio: qualcuno nel suo sogno vede una piccola piantina morente, assetata d’acqua, dimenticata in un angolo della terrazza. Tale piantina è un’immagine simbolica e rappresenta il fatto che il sognatore si sente privo di vitalità, che ha bisogno di uscire da una situazione asfittica in cui manca il necessario nutrimento e ha bisogno di rinnovarsi.


Dunque la piantina è un’immagine simbolica sulla quale il sognatore ha proiettato i propri contenuti interiori.


Veniamo ora all’immagine incestuosa del sogno di suo marito. Avanzo solo un’ipotesi, mancando qualsiasi elemento informativo relativo al contesto.


Ragioniamo sul significato della figura paterna: teniamo presente che il rapporto padre-figlia è assimmetrico, il padre ha autorità, ha potere, ha ascendente. Tale assimmetria si può declinare in tante sfumature: padre autoritario, padre violento, padre guida, padre giocoso ecc…, restano tuttavia sempre la disparità ed il potere.


Seguendo questa linea interpretativa, avanzo l’ipotesi che suo marito, nella propria fantasia, sia eccitato dal fatto di vivere una situazione in cui egli esercita un potere su di lei, un potere come sarebbe quello di un padre che avesse un rapporto sessuale con la propria figlia.


Dunque la figura del padre reale non va presa alla lettera, anche se ne ha le sembianze, questo padre  è una figura squisitamente simbolica.


Nell’immaginario maschile è molto comune questa azione del sottomettere, così come in quello femminile è comune la fantasia di essere sottomessa. Fin che restano fantasie esprimono solo arcaici retaggi.


Dunque, cara Vanessa, si tranquillizzi, i nostri sogni sembrano bizzarri ed inaccettabili solo se non si comprende il loro linguaggio. Francamente non vedo in questo sogno e nella conseguente fantasia sintomi di patologia.


 

Gentile Vanessa,


forse è il caso di spiegare meglio ciò che è accaduto tra lei e suo marito.


In quale contesto suo marito ha espresso queste fantasie? Come si è sentita dopo queste esternazioni? Quali sono i suoi timori? Come descriverebbe la qualità dei vostri rapporti intimi e sessuali? Si tratta di una sessualità condivisa e soddisfacente, complessivamente positiva e aderete alle sue aspettative?


Cordiali saluti.

Gentile signora,


cosa voglia rappresentare una fantasia così inquietante e perversa, potrebbe forse raccontarcelo solo suo marito descrivendo il suo vissuto interiore ed esteriore e purtroppo , non mi pare così preoccupato rispetto alle  possibili e giustificabili reazioni d'orrore della sua compagna, che, nulla hanno a che fare con una eccitazione condivisa. Non sono affatto d'accordo , che  durante l'intimità si possa esternare qualunque fantasia, poichè il desiderio sessuale e la sua espressione per quanto comportino abbandono e un naturale allentamento dei freni inibitori, rimane comunque una manifestazione legata alla relazione e dunque, al rispetto e al'attenzione nel non causare disagio , imbarazzo o sofferenza di qualunque natura,  fisica o psicologica che sia. Se il suo uomo non si rende conto del disagio e della vergogna a cui la spinge, è probabilmente perchè finge di non rendersi conto della gravità e della lesività del suo comportamento,che evidentemente  ha preso una piega assai negativa, in cui una troppo grande quantità d'ostilità viene erotizzata e manifestata per il puro piacere di disgustare. Io credo, gentile signora, lei dovrebbe astenersi da ulteriori rapporti sessuali , fino a che il suo compagno non abbia ben compreso il male che le sta causando, e non escluderei la necessità di una terapia di coppia , che potrebbe trasformarsi nel tempo in una psicoterapia singola , che aiuti suo marito a capire i veri sentimenti che prova per lei e per se stesso.


Cordialissimi saluti


 

Per quanto sia lodevole una comunicazione aperta sulle fantasie sessuali all'interno della coppia questa confessione potrebbe risultare per qualcuno destabilizzante.  Suo marito ha il diritto di avere questo tipo di fantasie, ma sta a lei decidere liberamente di accettarle. Questa sua fantasia potrebbe essere momentanea e significare che vorrebbe con lei una maggiore intimità (e non costringere a quel tipo di rapporto nella realtà). O almeno così si spera...

Buonasera Vanessa,


non è per niente chiaro perché sua marito abbia voluto manifestarle questa fantasia e che cosa volesse ottenere rivelandogliela, tanto più che la fantasia non riguardava lui, bensì suo padre.


Per comprendere il senso di una fantasia, questa va inquadrata all'interno di una conoscenza e di un contesto che evidentemente per ovvie ragioni qui mancano.


Comprendo il suo turbamento e per questo le suggerisco di richiedere un consulto privato con un Collega, affinché lei in un ambiente protetto e più comodo possa riferire e argomentare meglio anche il suo rapporto e, quindi, approfondire tutti gli aspetti che le sembrano opportuni.


Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Amo il mio fidanzato, ma lo tradisco. Perché nonostante io mi senta in colpa non riesco a smettere?

La mia relazione è a distanza, all'università ho conosciuto un ragazzo molto interessa ...

0 risposte
Quando è vero amore?

Buonsera. Ho 52 anni e sono sposata da 28 anni con due figli di 21 e 22 anni. Il mio matrimonio ha ...

2 risposte
Problemi di coppia

Buonasera, vi chiedo un parere riguardo una situazione che sto passando. Convivevo da anni con il ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.