Non riesco ad innamorarmi

Massimo

Gentili Psicologi, ho 55 anni. Ho avuto 4 relazioni durature di cui un matrimonio finito e 2 figli, ma non ho mai amato le mie donne. Per non stare solo mi sono accontentato di donne a cui piacevo, ma che non mi piacevano abbastanza.
Nella mia testa ho sempre inseguito amori impossibili con donne bellissime a cui però non interessavo. In questi casi attrazione forte ma niente innamoramento.
Ho sempre avuto scarsa autostima. Da bambino ero grasso e i miei compagni mi prendevano in giro. Ho avuto due genitori che non mi hanno spinto ad esplorare la vita.
Aggiungo che a 20 anni ho sofferto di sindrome fobico ossessiva ( contatto e fobie religiose)
Vorrei innamorarmi, ma non succede
Grazie per i vostri consigli


2 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Massimo, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.

E' fondamentale cercare di capire cosa si innesca ogniqualvolta che lei è inserito in una relazione e soprattutto i legami che tali difficoltà possono avere con la sintomatologia ossessiva che cita.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stesso utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Gentile Massimo, è comprensibile che possa sentire la mancanza dell'amore e avverta come bruciante l'assenza di una persona da amare. L'amore ci fa sentire vivi e ci immerge nel fluire della vita in modo pieno e appagante.

" Eros che scioglie le membra" dicevano gli antichi filosofi. Ora ci sarebbe da capire a cosa serve questa sua difensivita' che la tiene a debita distanza dall'amore. Che cosa la spinge a sognare amori impossibili e a scegliere relazioni non completamente appaganti. Stare lontani, non coinvolgersi, può essere un modo per lasciare tutto così com'è, senza troppe o con poche emozioni e cercare di tirare avanti in una vita che pare trascinarsi sempre uguale a se stessa. Un caro saluto.