Problemi di coppia

Perché non mi sento mai me stesso

Nino

Condividi su:

Salve è da tempo che vivo una situazione di disagio, conosco i vari motivi che mi hanno portato a questo in realtà. Il mio è più uno sfogo e mi aiuterebbe ricevere dei consigli da gente che ha sicuramente più esperienza e conosce le dinamiche del pensiero meglio di me. Vivo a Napoli ho 27 anni, credo che i primi pensieri negativi siano iniziati quando ho iniziato a lavorare (per necessità economiche ) all età di 15 anni come fabbro, mio padre mi propose di aiutarlo e da allora iniziai, sacrificando il mio tempo libero a differenza di tutti i miei amici che vedevo divertirsi e che hanno portato a termine gli studi riuscendo poi (per alcuni) a lavorare nel loro campo preferito, quindi riuscendo nel loro obiettivo. Ricordo che dopo qualche mese iniziavo a sentirmi solo perché mi ritrovavo sempre in ambienti con persone adulte, nn vedevo mai ragazzi della mia età, la sera spesso ero stanco e non riuscivo ad uscire preferivo dormire presto per poi andare a lavoro il giorno dopo, e mi domandavo se stessi facendo la cosa giusta, ma con questa domanda in testa sono passati anni, facendo un lavoro che tutto sommato non mi appassionava e stando sempre per la maggior parte con mio padre e spesso morivo dalla noia. Ad oggi la situazione non è cambiata, il lavoro a Napoli non e facile da trovare, spesso è sottopagato e alla fine mi ritrovo sempre a lavorare con mio padre, il che a 27 anni non mi fa sentire indipendente. Oltre a questa situazione un'altra problematica è legata alla relazione che ho con una ragazza da ormai 8 anni. Quando ci siamo conosciuti io avevo 18 anni lei ne aveva 17, stavamo bene insieme ma dp circa 2 anni io sentivo la necessità di dover fare altre esperienze anche perché lei aveva avuto più relazioni di me e questo mi faceva sentire inferiore, ma allo stesso tempo non volevo perderla, quindi ci lasciavamo e tornavamo insieme spesso e anche lei ne soffriva molto, ho vissuto un periodo di forte confusione per dover far fronte alle 2 situazioni che non andavano, fin quando non ho deciso a 22 anni di partire per l estero e cercare di cambiare tutto. Sono stato a Francoforte per 10 mesi lavorando in un ristorante italiano, ma anche qui nonostante abbia fatto belle esperienze e nuove amicizie non riuscivo a vivere serenamente, e quando mi capitava di vederla divertirsi con gli amici tramite social mi sentivo molto male. Così decisi di tornare perché alla fine sentivo che non era giusto stare lontano dalla famiglia e gli amici, al mio ritorno mi sentivo fuori luogo e avevo difficoltà al legare di nuovo con le persone, lei aveva avuto diversi ragazzi intorno e qst mi ha provocato una grande rabbia che ho represso dentro senza saper come liberarmene, nonostante tutto non riuscivo a non stare con lei anche perché era la persona a me più vicina che mi conosceva meglio. C è da dire che la cosa che mi ha sempre fatto soffrire con lei è il suo lavoro, lei fa l estetista ma anche la massaggiatrice, ed è successo che ha fatto un massaggio ad un nostro amico che provava attrazione per lei, sono tornato con lei nonostante varie cose che mi hanno fatto soffrire tantissimo. Lei da pochi mesi é andata ad abitare a Bologna dove lavora il padre, e io dovrei trasferirmi ma non me la sento, anche se potrebbe dare una svolta alla mia vita. Spesso litighiamo perché riaffiorano brutti ricordi del passato e per questo sono in un continuo stato d ansia di tristezza e rabbia. Questa è la situazione generale dal quale credo scaturisce il mio malessere ovviamente ci sarebbero molti altri dettagli da spiegare, ma credo di aver scritto già troppo. Sono curioso di sapere cosa ne pensiate e che consigli possiate darmi, ringrazio chiunque spenda il proprio tempo per leggere la mia storia

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao credo sia giunto il momento di chiederti veramente ciò che ti piacerebbe fare "da grande". Da ciò che ho letto mi sembra di capire che nessuna delle scelte che hai fatto siano state veramente ponderate ma frutto di necessità imposte. Anche con la ragazza scrivi che nonostante provi rabbia nei suoi confronti rimani con lei o tenti di farlo perché è la persona che ti conosce meglio ma non parli di amore o altri sentimenti oltre alla rabbia. Ti consiglio di fermarti a riflettere su ciò che desideri veramente dalla tua vita senza confrontarti con quella degli altri. Probabilmente in questo modo trovi solo persone che vedi realizzate e ciò è ulteriore fonte di sconforto. Tu cosa vuoi fare? Questa è la domanda alla quale devi trovare una risposta. In bocca al lupo

Gent.le Nino,


è necessario che tu possa comprendere cosa vuoi fare nella tua vita, quali sono le tue prospettive e i tuoi desideri, non quelli di tuo padre o di qualsiasi altra persona. Il motivo per cui non ti senti mai te stesso riguarda il tuo accettare soltanto ciò che gli altri vogliono da te, senza mai riflettere cosa ti aspetti tu da te stesso, che tipo di vita vuoi lavorativa ed affettiva. La ragazza con cui sei la ami? Al di là dei problemi pensi che potrebbe essere la donna giusta per tutta la tua vita? Rifletti su queste cose e con coraggio prendi le tue decisioni.


Cordiali saluti


 

Salve, dalla descrizione che ha fornito in merito alle sue esperienze di vita, le emozioni che prova in questo momento sono assolutamente congrue e normali. Mi sembra di capire che tutte le scelte importanti che lei ha fatto negli ultimi anni siano state dettate prevalentemente da "vincoli" relazionali; mi riferisco sia al legame con suo padre, sia all'aspetto sentimentale. Tuttavia quando ci sacrifichiamo eccessivamente per gli altri perdiamo di vista i nostri bisogni e le nostre priorità, al punto che non riusciamo più a comprendere ciò di cui abbiamo realmente bisogno e ciò che vogliamo effettivamente ; da ciò naturalmente scaturisce un normale stato di confusione e squilibrio. Dovrebbe cercare di far luce sui suoi bisogni più profondi e su ciò che vorrebbe realmente. Cerchi di focalizzarsi su se stesso piuttosto che sugli altri. Tutti abbiamo degli obiettivi, delle priorità e degli scopi che è importante perseguire nella vita. Probabilmente un percorso e un supporto psicologico in questo momento di vita, potrebbe aiutarla a chiarire meglio quali siano queste priorità, e potrebbe imparare a comprendere quali siano realmente i suoi desideri, che non sempre sono così semplici da individuare.


Tutti possiamo vivere dei momenti di smarrimento-confusione, l'importante è cercare di riconoscere questi cambiamenti di vita che ci destabilizzano e affrontarli . Anche chiedere aiuto, e non soltanto offrire aiuto, una volta nella vita, può costituire un momento di crescita e recupero del proprio equilibrio.


Cordiali saluti.

Buongiorno


Io le consiglio di intraprendere un percorso di psicoterapia, giacché, da come scrive e da quello che ha raccontato, mi pare che abbia delle buone capacità introspettive.


Ci pensi, potrebbe essere importante soffermarsi su questi aspetti di sé.


Più che partite, cambiare luogo, come ha gia provato a fare, potrebbe pensare di fermarsi, di riflettere sulle motivazioni più profonde che le danno la sensazione di malessere.


 

Gentile Nino


grazie per aver scritto e per il coraggio di confrontarti, in base a quello che hai scritto ritengo che tu stia ricercando una tua identità esistenziale, capisco le difficoltà lavorative ma spesso ci si nega la possibilità di scoprirsi in modalità totalmente nuove. Anche la tua vita di coppia è stata condizionata da questo dubbio, non credo che la tua compagna o altra possa determinare chi tu sia, questa è una tua responsabilità, gli errori sono fondamentali per imparare dall'esperienza quindi non colpevolizzarti anzi apprezzati per aver tentato di trovare la tua strada, magari con l'aiuto di un collega, determinando una relazione di fiducia potresti scoprire nuove passioni per poi magari determinarti sia lavorativamente che umanamente, sei un artigiano questo è un punto di forza dato che è intrinseca una CREATIVITA', si tratta di riscoprirla e canalizzarla.


Un caro saluto


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho tradito mia moglie per due anni, e provo comunque rabbia nei suoi confronti

Ho 45 anni, sposato da 18 e senza figli per problemi non di infertilità miei ma per una condi ...

3 risposte
Quanto influisce un "piccolo" uso di cocaina sulla relazione di coppia e sulla depressione?

Salve, la mia partner continua tutti i weekend da anni a fare uso di cocaina (tra 0.5 e 1 grammo per ...

1 risposta
Fantasia sessuale

Salve, mi chiamo Giuseppe. Vorrei sapere se, secondo le vostre opinioni, qualora in una coppia uno ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.