Problemi di coppia

relazioni diverse

alessandra

Condividi su:

Buongiorno. Mi chiamo Alessandra e ho 29 anni. Da qualche giorno ho chiuso una relazione con un ragazzo di 32, per sua volontà, con il quale stavo da due mesi. Il presupposto della nostra relazione era: io sono innamorata, ma lui no. Nonostante questo dice di sentirsi sicuro di voler iniziare una relazione con me, come una storia seria. Il rapporto fin dall'inizio è molto altalenante: io ricerco gesti di affetto e di vicinanza da parte sua, pur accettando il fatto che lui "prova affetto" per me, ma non amore. Mi adeguo e cerco di andargli incontro, non pretendo nulla ne che cambi i suoi sentimenti, ne che mi dia dimostrazioni plateali d'amore. Purtroppo lui è sempre in giro per lavoro e come conseguenza ci vediamo poco, nell'ultimo mese una volta alla settimana (anche per problemi di salute di entrambi). Io però avverto sempre distanza da parte sua, nei gesti, nelle telefonate, nei messaggi. Tra noi c'è stata una grande attrazione fisica e solo lì lo vedevo molto preso. Nel momento in cui abbiamo deciso di moderare la sessualità per capire come funzionavamo, i problemi sono aumentati. Usciamo al bar insieme e c'è sempre un distacco che percepisco, come due normali amici che si parlano. Niente di più. Non ci vediamo per una settimana perchè io sono ammalata, non mi telefona per sapere come sto, devo essere io a chiamarlo per poi vedere che non risponde ai messaggi, ne alle chiamate o lo fa dopo due-tre ore. Negli ultimi 10 giorni il mio disagio è aumentato, sentivo il bisogno di volerlo vicino, ma lui non recepiva. A questo punto pochi giorni fa lui decide di volere una pausa per capire, ma io avevo il timore che questo avrebbe solo confermato la sua scelta di chiudere il rapporto e ho reagito male, cercandolo invece che lasciarlo stare. Per questo ha deciso che è meglio lasciarci per adesso e capire, stando lontani.
Vorrei avere un consiglio in quanto io in questo momento mi sento responsabile ed in colpa per come sono andate le cose, consapevole degli errori commessi. Dall'altro però mi domando, con una persona che vedeva la relazione in modo diverso dal mio (lui non è affettuoso, non lo è mai stato), cosa mi sarei potuta aspettare. Io ho cercato di adeguarmi a lui, ma nonostante tutto sentivo distacco e solitudine, molte volte poco interesse, per me e per quello che facevo, mentre lo dedicava di più a ciò che realmente lo appassiona.

grazie.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Alessandra,


più che sentirsi in colpa dovrebbe sentirsi sollevata dalla conclusione di una storia che non ha di fondo sentimenti di interesse reciproci. L'uomo è stato onesto rispetto alla comunicazione del suo sentire nei suoi confronti. 


Lei, Alessandra, ci ha provato. Ha assecondato il suo slancio, il suo trasporto. Non è andata come avrebbe voluto. Immagino il dispiacere. Normalissimo. Sia fiera della sua lucidità di vedere tutti i sintomi di un disinteresse sentimentale da parte dell'uomo e cerchi però di farne un tesoro per lei. Nelle prossime storie.


Piuttosto che cercare colpe, accetti che si possa anche non essere ricambiati del sentimento che si vorrebbe ricevere. Inizi a volersi bene lei. 


Lei, da questa esperienza può uscirne arricchita. L'importante è cambiare la prospettiva da cui la guarda.


 


Cordiali saluti

Buonasera Alessandra,


più che sentirsi in colpa dovrebbe sentirsi sollevata dalla conclusione di una storia che non ha di fondo sentimenti di interesse reciproci. L'uomo è stato onesto rispetto alla comunicazione del suo sentire nei suoi confronti. 


Lei, Alessandra, ci ha provato. Ha assecondato il suo slancio, il suo trasporto. Non è andata come avrebbe voluto. Immagino il dispiacere. Normalissimo. Sia fiera della sua lucidità di vedere tutti i sintomi di un disinteresse sentimentale da parte dell'uomo e cerchi però di farne un tesoro per lei. Nelle prossime storie.


Piuttosto che cercare colpe, accetti che si possa anche non essere ricambiati del sentimento che si vorrebbe ricevere. Inizi a volersi bene lei. 


Lei, da questa esperienza può uscirne arricchita. L'importante è cambiare la prospettiva da cui la guarda.


 


Cordiali saluti

Dott.ssa Maria Gurioli Bologna (BO)

Gentile Alessandra,


 


Come lei stessa dice, ha cercato di adeguarsi ad una relazione che non è nata su buone premesse.


Lei si sentiva innamorata, lui no.


Ha sempre percepito una distanza da parte sua, un distacco, poco interesse e sentiva un senso di solitudine.


Dice di sentirsi responsabile ed in colpa per come sono andate le cose, dice di “avere reagito male, cercandolo, invece che lasciarlo stare”.


Non è questa la sua responsabilità, ma quella di avere accettato di  stare in una relazione tanto assimetrica, una relazione in cui lei era coinvolta e l’altro no.


Perché non si sente in diritto di avere accanto una persona innamorata? Perché ha cercato di adeguarsi ad una situazione in cui si è sempre sentita male?


Come vive la sua femminilità? Come sono state le sue precedenti relazioni? Non si sente abbastanza degna d’amore tanto da accettare questi tiepidi interessi?


Alla fin fine sono situazioni che fanno più male che bene ed è opportuno chiuderle. Provi ad esplorare queste domande eventualmente con un aiuto psicologico.


Cordiali saluti

Gentile Alessandra da quanto scrive, emerge chiaramente che la sua autostima è molto bassa e che elemosinare affetto ed attenzioni non sia un metodo efficace per aumentarla. Mi chiedo quali siano le sue passioni, i suoi interessi, se lavora e di cosa si occupa...Per stare bene con gli altri e per avere rapporti soddisfacenti e necessario costruire il proprio amore e la propria stima di sè. L' autostima si costruisce investendo su sè stessi e cercando soddisfazione e piacere in ogni ambito. Amare il proprio lavoro e sentirci efficaci migliorando costantemente le nostre competenze. Cercare modi nuovi e diversi per sperimentarsi in nuove esperienze. Dedicarsi al tempo libero in maniera costruttiva. Anche oziare e fantasticare su noi stessi e su come realizzare i nostri desideri è costruttivo.


Accontentarsi di una persona che non ci ama dichiaratamente è poco costruttivo, poco entusiasmante e sembra una base un pò spenta su cui dipingere i sogni.


Inizi un percorso di Psicoterapia per migliorare la qualità della percezione che di sè stessa e quindi della sua vita.

Gentile Alessandra,


lei non deve sentirsi in colpa, poichè ha solo incautamente considerato che un intenso coinvolgimento sessuale , non potesse che essere preludio di un'altrettanta importante intesa affettiva. Questa esperienza le ha insegnato che non sempre così è. Questo ragazzo -nella speranza sincera per il suo bene cara Alessandra, si decida presto a prendere il largo- è stato a modo suo e della cultura in cui è vissuto, sincero. Ha chiarito infatti fin dall'inizio che  non provava sentimenti profondi per lei. Le dico sinceramente e per esperienza professionale, che ,anche molte donne , fossero libere di esprimersi senza sentirsi giudicate, in un contesto di rispetto della loro persona, si lascerebbero andare tranquillamente a esperienze sessuali appaganti senza provare alcun desiderio di ulteriori coinvolgimenti, ma purtroppo, sono ancora frenate dai diktat sociali che stigmatizzano la libertà femminile e quindi, i due sessi si trovano ancora in posizioni di potere asimmetriche, per cui risulta ancora difficile , vivere senza drammi una relazione come quella che lei ha vissuto,senza soffrire inutilmente.


Le consiglio vivamente di approfondire e chiarire le sue problematiche attraverso una buona psicoterapia che la aiuti ad acquisire consapevolezza dei suoi bisogni e dei suoi veri desideri, per non trovarsi più in situazioni che possano rappresentare fonte di disagio , autocritica ed autodenigrazione.


Cordialissimi saluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

È normale non avere desiderio sessuale a 31 anni?

Salve, sono Antonia, 31 anni, sposata da 10 anni e con 2 figli di 10 e 4 anni. Da circa 4 mesi non ...

5 risposte
Mancata voglia di avvicinarsi al sesso

Salve ho 32 anni, sto insieme al mio compagno da 8 anni. All' inizio era tutto bellissimo, c'era ...

11 risposte
COME COMPORTARSI CON UN DIPENDENTE DA COCAINA?

Buongiorno, ho 25 anni e sono fidanzata con un ragazzo da 9 anni, convivente da 3. E' cresciuto in ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.