Problemi di coppia

Separato ma solo sulla carta

Lucia

Condividi su:

Buongiorno, ho 56 anni e frequento un uomo di 60 anni, separato da oltre tre anni.
Non mi dilungo per non tediarvi, di quante situazioni ho dovuto sopportare in questo lasso di tempo per via della sua ex.
Al di là di queste dinamiche, ad oggi lui a suo dire, per "quieto vivere", non ufficializza la nostra relazione ad esempio con i suoi genitori, con suo figlio 30 enne, che a sua volta convive ed è diventato padre, e figurarsi, men che meno con lei.
Non che io necessiti del loro benestare/consenso ma di accompagnarmi con lui a tutti gli effetti e nel contempo restare nascosta come una sorta di fantasma, non lo trovo giusto, dal momento che io a differenza sua, l'ho presentato a tutta la mia famiglia, al mio ex, e persino a mio figlio.
Lui quando gliene parlo, temporeggia, e proprio ieri, si è fatto accompagnare dalla sua ex moglie per una visita medica di controllo, visita che non prevedeva la presenza di qualcuno che lo "accompagnasse" per sicurezza al ritorno.
Non si rende conto che questo suo stare nonostante tutto con due piedi in una scarpa, mi sta allontanando da lui.
Chiedo a voi, un vostro parere, da una prospettiva diversa dalla mia.
Secondo me, lui è incapace di tagliare il cordone ombelicale che ci permetterebbe di vivere la nostra storia finalmente alla luce del sole e con una ritrovata serenità.
Sono stanca, delusa, penso che lasciarlo e troncare questa relazione /non relazione forse è per noi, l'unica soluzione.
Grazie mille

Lucia

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Lucia penso che lei abbia maturato nel tempo dei vissuti di coppia quali da lei descritti a seguito di riflessioni importanti  e realistiche. Se ha già affrontato lo spinoso argomento con il suo compagno ma non ci sono state evoluzioni potrebbe essere che lui non riesca a scegliere. Allora potrebbe toccare a lei farlo. Fare delle scelte è sempre difficile ma a volte indispensabile. Ci vuole coraggio e audacia per non far prevalere la paura che blocca, sentimento questo che pare appartenere a lui. Buona strada Maddalena Bazzoli psicoterapeuta Torino 

Buongiorno Lucia,


Dispiace sempre sentire quando una donna si sente non pienamente scelta. Sembra che lei abbia già quasi deciso il dafarsi, ed è più che comprensibile. Tuttavia potrebbe aver senso non affrettare una scelta ed approfondire il perché della sua scelta di quest'uomo, nonché esplorare modi alternativi di leggere la situazione sulla base delle specificità delle personalità e del contesto di entrambi.


Un caro saluto


Olivia Marchese


 

Gentile Lucia lei descrive una situazione molto frequente tra persone che instaurano una nuova relazione dopo una separazione. Spesso si verifica una asimmetria emotiva, e cioè che una persona è emotivamente libera da precedenti legami mentre l'altra no.


In questi casi la persona non è separata emotivamente dal rapporto precedente.


Lei ha due possibilità: o accetta una relazione che la lascia monca di alcuni aspetti oppure tronca il rapporto fino a quando non ottiene le condizioni di tempi e modi a lei congeniali.


Potrebbe esserle utile un percorso personale per scoprire ciò che è disposta ad accettare e cosa non lo  è.


Si affidi con fiducia ad professionale anche online.


Un augurio 


Giordana Milani


,

Gentile Lucia,


si percepisce molto vividamente la sua pesantezza e stanchezza.


Quando gliene parla lui cosa dice? Come mai non riesce a mettere a conoscenza la sua ex della vostra relazione? Lei come lo vede quando state insieme?


Sicuramente se già non lo avete fatto le consiglio di parlare apertamente con lui, di dire come sta, di descrivere le emozioni ed i pensieri che sente e prova e da li vedere se confrontandovi le cose possano cambiare.


Altrimenti anche per essere lei stessa aiutata si potrebbe valutare:


- Una terapia individuale dove essere lei per prima ascoltata e aiutata a trovare nuove risorse interne e strategie, osservare questo comportamento e cosa la porta a star male e non prendere una decisione in un senso o nell'altro.


- Una terapia di coppia per confrontarvi insieme, parlando in una nuova modalità magari più costruttiva e di apertura uno verso l'altro. 


Le linko degli articoli:


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-individuale-minori-adulti-cognitivo-costruttivista/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-di-coppia-torino/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho scoperto mio marito guardare porno

Salve, ho 24 anni sposata da 4 anni ho due bambini una di 3 anni e uno di 1 anno ho scoperto da poco ...

3 risposte
Relazione di coppia

Sono in una relazione da un anno, la mia ragazza mi ha esposto un problema in cui mi dice "che la ...

1 risposta
Insoddisfazione

Salve dr. È da quando mi sono sposato che la mia vita sessuale è insoddisfacente. Mia ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.