Problemi di coppia

Soffrire per un amore non corrisposto

Gianni

Condividi su:

Gentili psicologi, sono un ragazzo di 31 anni e scrivo perchè mi trovo in una situazione che mi sta facendo soffrire molto e da cui non riesco ad uscire: mi sono innamorato di un ragazzo ma non sono corrisposto. L'ho conosciuto questa estate su un app di dating, in un periodo in cui avevo un forte desiderio di instaurare una nuova relazione, poichè mi stavo riprendendo dalla storia con il mio ragazzo precedente, per la cui fine avevo sofferto molto. Desideravo poter finalmente essere felice con qualcuno. Questo ragazzo mi attraeva molto, ed il primo mese di conoscenza è stato molto positivo, ci siamo visti varie volte e trovato una buona intesa, sia fisica che mentale. Tuttavia da Settembre qualcosa da parte sua è cambiato, è diventato più schivo ed ha iniziato a farsi sentire meno. Inizialmente credevo fosse solo una mia impressione sbagliata, dal vivo si comportava normalmente, e quando gli ho chiesto se andasse tutto bene ha risposto di si. Preciso qui che non abbiamo mai dato una definizione al nostro rapporto, eravamo solo due persone che si stavano frequentando, ma io ero molto entusiasta perchè lui mi piaceva molto e speravo di aver trovato una persona adatta a me. Ammetto di non avergli mai chiesto cosa si aspettasse dalla nostra frequentazione. Col passare del tempo la situazione è peggiorata e lui è diventato sempre più distante e telegrafico nelle comunicazioni. Inoltre sono nell'impossibilità di vederlo poichè sta preparando un esame molto impegnativo, che darà a giorni, per cui ha trascorso l'ultimo mese a studiare, e vivendo distanti non siamo riusciti a vederci. L'ultima volta in cui è accaduto inoltre sono riuscito a dargli a malapena un abbraccio. Tutta questa situazione mi fa soffrire molto, poichè io mi sono preso una grossa cotta per lui, per non dire che mi sono proprio innamorato. Penso a lui in continuazione, vorrei scrivergli e chiedergli come sta e cosa fa, ma mi trattengo perchè so che probabilmente mi risponderebbe in maniera telegrafica e starei peggio di prima. Sono consapevole che probabilmente da parte sua è venuta meno l'attrattiva iniziale, ma in questo momento io non riesco a voltare pagina. Vorrei tanto parlargli dal vivo e chiedergli quali sono le sue idee ed i suoi sentimenti, o anche semplicemente dirgli addio vedendo che non vuole stare con me, ma so già che prima di quel maledetto esame non potrò rivederlo (e mi chiedo se in realtà anche dopo). Vorrei avere un moto di orgoglio personale e smettere di scrivergli pensando "che se ne vada al diavolo". L'unica volta che ho provato dopo pochi giorni lui ha ripreso a cercarmi, accrescendo ancora di più in me la confusione. Mi sento bloccato in questo limbo di indeterminatezza e non so come uscirne, la mente torna sempre su di lui, anche perchè una parte di me continua a sperare che dopo l'esame possa esserci un suo (improbabile) ritorno.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Gianni,


Il fatto che ci si innamori denota una disponibilità di apertura all'altro di cui non tutti sono capaci.


Tale apertura è fonte di quelle meravigliose emozioni che si generano nel contatto fra due menti. L'altro che prima era estraneo e indifferente, nell' incontro, diviene intimo ed emozionante.


Il contatto del proprio desiderio con quello dell' altro, l'incontro del proprio desiderio con quell'"oggetto" a lungo atteso e cercato suscitano sensazioni di stupore e di magia. Il miracolo di incontrarsi e di riconoscersi ci lascia increduli e traboccanti di emozioni che fanno sentire rinnovati e rinati.


Nel contatto mentale e fisico con l'altro si rievocano antiche sensazioni di gioia e beatitudine, quasi si fosse ritornati bambini con un seno da succhiare in un abbraccio in cui perdersi e lasciarsi avvolgere dimenticando chi eravamo.


Ma quella dell'innamorato è anche una condizione di fragilità, quanto più è aperto tanto più è indifeso. Se l'altro si allontana, se ritorna estraneo ed indifferente ci ferisce proprio là dove siamo più esposti ed indifesi, nella nostra infantile ingenuità e speranza che quel bene che abbiamo sperimentato possa essere per sempre.


Accorgendoci che non è così, dobbiamo allora chiamare illusioni le  nostre speranze. Ma non è così facile perché la nostra mente, diretta dal cuore, si attarda ancora a lungo sull'orlo della speranza spiando indizi e segnali d'amore. E se non ci sono, per un po' ne siamo annichiliti e il pensiero diviene inutilmente ossessivo.


Poi l'adulto riemerge, un ragionare malinconico ma più obbiettivo prende il posto di quel dolore così cocente. Nuovi fremiti e curiosità si affacciano a riempire il vuoto lasciato da colui che si è allontanato.


Ma non disperiamo ! È un privilegio avere sperimentato quelle vivificanti emozioni. Esse torneranno ancora se il cuore sarà aperto pur sapendo che potremmo essere feriti. E forse in uno di quegli incontri potremmo avere la fortuna di riconoscere colui col quale costruire un profondo sentimento. Le emozioni sono meravigliose ma sono come la schiuma del mare che in un attimo si dissolve, il sentimento invece è come il mare, è stabile e profondo.


Dott.ssa Maria Gurioli

Buon giorno.


L' amore è una cosa meravigliosa, per chi lo vive con sincerità e nello stesso tempo fa soffrire, quando non è contraccambiato.


Quando, si conosce da poco tempo una persona, prima di lasciarsi andare sarebbe utile aspettare il giusto tempo, prima di conoscersi, per essere sicuri che i sentimenti siano veri e sinceri, anche dall' altra parte.


Mi dispiace essere severa nell' esprimere il mio pensiero, senza giudizio, in merito a quanto lei scrive, sembrerebbe che la persona, dopo averla conosciuta ha avuto dei ripensamenti.


Lei eviti di prostrarsi, anzi cerchi un sono modo, per non pensarci, faccia delle belle passeggiate, pratichi dello sport e tutto ciò che la porti a non pensarci.


Vedrà che piano piano il vero amore arriverà e non è detto che, finito l' esame non sia lui a cercarla.


In ogni caso, abbi rispetto della sua persona, che dovrà mettere davanti a tutto.


Buona fortuna

Sale Gianni, mi spiace molto per la situazione e comprendo lo stato d'animo di incertezza.


E' chiaro che sarebbe meglio ed opportuno riservarsi uno spazio per elaborare e parlare in maniera chiara e sincera di ciò che sta succedendo e, soprattutto, che siate entrambi a preoccuparvi della questione.


Al momento, se non c'è possibile di vedersi prima dell'esame, è inutile attivare il rimuginio su una situazione che tanto, al momento, non si può sbloccare: ciò contribuirà solo ad accrescere il malessere ed il senso di impotenza.


Sarebbe opportuno fissare già da ora magari un incontro attraverso il quale possiate parlarvi e capire che sta succedendo.


Comunque, credo possa essere utile per Lei richiedere un consulto  psicologico al fine di approfondire la situazione, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie al fine non attivare il pensiero ruminatorio e ripetitivo e per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.


Resto a disposizione, anche online.


Cordialmente, dott FDL 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho problemi ad accettare il passato del mio fidanzato

Salve, mi trovo a scrivere qui perché non ho le possibilità economiche per affrontare ...

1 risposta
Problemi con il partner

Salve, Ho dei problemi importanti con la mia ragazza, a causa della mia assenza per i mille problemi ...

2 risposte
Non riesco a lasciarla nonostante non la ami più

Buongiorno a tutti, sono un “ragazzo” di 35 anni fidanzato da 14 anni con la stessa ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.