Aggressività e violenza

Il Virus del Rancore Digitale: come riconoscerlo e come difendersi

18 Maggio 2013

contattami

Condividi su:

Un potente e subdolo virus si sta diffondendo a macchia d'olio utilizzando i nuovi canali di comunicazione, i quali permettono rapidissime esplosioni di campagne virali che, a velocità lampo, raggiungono intere regioni, nazioni se non addirittura il mondo.

Il virus in questione è quello che io ho definito virus del RANCORE DIGITALE, un virus altamente contagioso ed un killer che lentamente annienta la sua preda.

Di cosa si tratta esattamente?

Il RANCORE DIGITALE è l'espressione del veleno e dall’intossicazione prodotta da piccoli specifici e quotidiani fallimenti, torti e ingiustizie percepite a livello individuale o sociale e verso le quali ci si sente impotenti che viene condiviso in modo pubblico attraverso i social network principalmente Facebook.

Le persone esprimono il loro rancore, frustrazione, rabbia, delusione incamerate sulla base della propria percezione dei suddetti eventi specifici e subiti personalmente, vivendoli come incontrollabili e causati da una fonte esterna colpevole senza riserve.

L’auto-inganno che lavora come presupposto di fondo di questo avvelenamento è 'io sono nel giusto, io mi comporto bene, subisco un comportamento su cui nulla posso che è ingiusto e amorale e osservo tutto questo con distacco'

È la manifestazione dell'atteggiamento vittimistico che si espande su larga scala.

Come individuare una espressione di rancore digitale?

Eccone le principali caratteristiche:

Solitamente è Formulato in termini di generalizzazione- es. Una persona subisce un tradimento dalla sua compagna e scrive 'non sopporto le persone che ti colpiscono alle spalle'

Formulati con termini che appartengono alla sfera della moralità o come veri e propri precetti moralistici - riprendendo l’esempio di prima
“ormai non si hanno più i sani principi della famiglia di una volta, viviamo in un mondo dominato dall’individualismo”

Formulati in termini di iper-semplificazione causa-effetto sempre dall’esempio iniziale sembra ovvio come il comportamento della persona incriminata sia direttamente causa della mia sofferenza

Formulati nei termini di un colpevole esplicito ma generico e di un innocente quasi sempre implicito

Formulati spesso con all'interno una ingiunzione di comportamento rivolta agli altri (mai a se stessi dando per scontato ancora come presupposto che chi parla applica ciò che ingiunge agli altri) - es. “Se iniziassero a fare così le cose andrebbero meglio e invece siccome sono corrotti continueranno a comportarsi così”

infine tendono ad essere formulazioni lapidarie e dogmatiche senza possibilità di replica oltre che altamente pessimistiche nelle previsioni: “le cose non cambieranno mai, semmai potrebbero facilmente andare peggio e degenerare”

Questa formulazione tende ad ottenere consenso facile facendo leva su principi universali quali la giustizia, la protezione dei presunti deboli, la solidarietà nel subire torti.
Tutto ciò crea appartenenza , simpatia, compassione e solidarietà.

Purtroppo alimenta allo stesso tempo una percezione della realtà come minacciosa e incontrollabile, dove sono gli altri, e mai noi, che dobbiamo cambiare.
Questo induce le persone a mettersi in uno stato di difesa, deresponsabilizzazione e di impotenza per proiettarle in un futuro catastrofico di immobilità e lenta fagocitazione.

Tutto questo non fa bene alla psiche che inizia a riprodurre pensieri e percezioni di questo tipo, scatenando una reazione di difesa che induce ad una successiva contaminazione:
la persona, per liberarsi di questo fardello lo condividerà con le persone con l'illusione di sentirsi meglio momentaneamente, ma che altro non ha ottenuto che innescare un altro circolo vizioso e aver alimentato l'auto-riproduzione di pensieri e percezioni analoghi, che sono nient'altro che la fonte della sofferenza da cui si voleva liberare.

Infine potremmo dire che Il RANCORE DIGITALE uccide l'ironia e viceversa l'assenza di ironia nutre il rancore digitale.

Esercitarsi a ironizzare delle inevitabili disgrazie e miserie della vita o a esprimere pensieri perlomeno enunciati in prima persona e dove sia comunicato il proprio stato d'animo come:

' io mi sono sentito ferito osservando che ...'

permettono di sviluppare un antidoto che conduca all'immunizzazione dal virus e a sviluppare quel l'intelligenza emotiva di cui tanto la nostra cultura più che mai oggi ha bisogno.

ricodiamo attraverso le parole di Oscar Wilde che:

“l’immaginazione è una qualità che è stata concessa all’uomo per compensarlo di ciò che non è, mentre il senso dell’umorismo gli stato dato per consolarlo di quel che egli è”

se ti è piaciuto clicca mi piace e diventa fan del centro specialistico di psicologia strategica CAMBIAMENTODUE diretto dal Dr Emilio Gerboni su facebook (cambiamentodue.it - DrGerboni)

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Aggressività e violenza"?

Domande e risposte

Il mio fidanzato è dipendente da me

Buongiorno, Ho 21 anni e sono fidanzata con un mio coetaneo da 7 anni. Siamo sempre stati innamorati ...

3 risposte
Cosa fare quando mi viene l’impulso di picchiare qualcuno?

E' da quando sono piccola che ogni tanto mi viene questo impulso di picchiare le persone. Non l&rsqu ...

10 risposte
Non riesco ad uscire da questa situazione con il mio ragazzo

Ho tanti problemi con il mio ragazzo, stiamo insieme da tanto tempo io ero praticamente una ragazzin ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.