Disturbi dell'alimentazione

Anoressia e Bulimia: perché si sviluppa un Disturbo del Comportamento Alimentare?

Dott.ssa Gloria Fioravanti contattami

Condividi su:

Le domande che spesso si sentono fare dai pazienti sono: “è un problema che nasce da un cattivo rapporto con i genitori o con la mamma?”, “è dovuto alla pressione verso la magrezza esercitata dai media e dal mondo della moda?”,” è una scelta personale o una malattia?”. Non c’è una risposta semplice a queste domande: la realtà è che non si conoscono ancora bene le cause dei disturbi alimentari. I dati derivanti dalla ricerca più recente sembrano indicare che derivano dalla combinazione di predisposizioni genetiche a reagire alle difficoltà con questo disturbo e fattori di rischio ambientali.

 

Fattori di rischio generali

I fattori di rischio generali si riferiscono a condizioni non modificabili che aumentano in generale il rischio di sviluppare un disturbo alimentare; in particolare questi fattori sono:

  • Sesso femminile
  • Adolescenza e prima età adulta
  • Vivere in una società occidentale
  • Esposizione ai media che enfatizzano la magrezza
  • Identificazione con l’ideale di magrezza

Due studi hanno dimostrato che negli ultimi cinquant’anni le modelle hanno progressivamente diminuito il  loro peso corporeo medio, l’IMC (indice di massa corporea) è passato da un valore medio leggermente sotto a 20 negli anni 50  a un valore medio di 18 nel 2001, la taglia corporea è diminuita e tra il 1960 e il 1990 si è verificato un aumento significativo nella frequenza di immagini raffiguranti l’intero corpo delle modelle rispetto agli anni ’50 in cui veniva raffigurato solo il viso.

 

Fattori di rischio individuali

La ricerca ha evidenziato che le persone affette da disturbi dell’alimentazione riportano con maggiore frequenza alcune esperienze negative prima dellesordio della patologia rispetto alle persone sane:

  • Complicanze ostetriche/perinatali o problemi digestivi nella prima infanzia
  • Abusi sessuali
  • Esperienze di derisione per il peso e la forma del corpo
  • Lavori o attività ricreative che incoraggiano la magrezza
  • Obesità
  • Tratti di personalità perfezionistici
  • Difficoltà a tollerare le emozioni
  • Bassa autostima o depressione
  • Ansia e disturbi d’ansia

Fattori di rischio familiari

La ricerca ha identificato numerose condizioni presenti nei familiari che sembrano aumentare il rischio di sviluppare un disturbo dell’alimentazione. I dati indicano, ad esempio, che familiari delle persone affette da obesità e/o da disturbo dell’alimentazione hanno un rischio di sviluppare il disturbo circa dieci volte maggiore rispetto a quelle non affette.

La psicoanalista Hilde Bruch, una delle maggiori esperte di disturbi alimentari, ha osservato che la preoccupazione per il cibo ed il peso, tipica dell’anoressia o bulimia, talvolta rappresenta una manifestazione di un disturbo più profondo della propria identità. Secondo questa prospettiva, la patologia spesso si manifesta in “brave bambine” che hanno passato la loro vita cercando di compiacere i genitori; l’anoressia rappresenterebbe in quest’ottica un tentativo estremo di trovare un’identità, finalizzata a sviluppare, attraverso la “disciplina sul corpo”, un senso di individualità e di sicurezza; sostanzialmente le pazienti trasformano la loro angoscia in preoccupazione per il peso e per il cibo, in modo tale da non doversene più occupare.

Alcuni rappresentanti della psicologia sistemica (Minuchin, 1978; Palazzoli, 1970) hanno confermato la descrizione del contesto familiare elaborata dalla Bruch. Questi autori hanno evidenziato un vero e proprio “modello familiare” dell’anoressia, caratterizzato dall’ “invischiamento”, ovvero da un eccessivo coinvolgimento di ciascun membro nella vita di tutti gli altri. L’aspetto principale di questo modello è l’assenza di confini personali dove i  legami di dipendenza sono fortissimi e c’è un alto livello di emotività espressa:  tutti la pensano allo stesso modo e le differenze vengono osteggiate.

Recenti ricerche evidenziano inoltre come tratti perfezionistici, ossessivi o ipercritici di personalità possono favorire lo sviluppo di un disturbo alimentare nei figli; infine anche la presenza di problematiche familiari, come uno stato di depressione o problemi di alcolismo in casa, possono avere un ruolo nella genesi del disturbo.

 

 

 

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Dalle Grave R., Come vincere i disturbi dell’alimentazione

Bruch, H., La gabbia d’oro, (1983), Feltrinelli, Milano.

Gabbard, G., Psichiatria psicodinamica, (2000), Raffaello Cortina Editore, Milano.

Minuchin, S., Famiglie psicosomatiche: l’anoressia nervosa nel contesto familiare, (1978), Astrolabio, Roma.

Selvini Palazzoli, M., L’anoressia mentale, (1970), Feltrinelli, Milano

Mori F., Anoressia e bulimia, prospettiva familiare e caratteristiche dei disturbi alimentari

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'alimentazione"?

Domande e risposte

Problemi alimentari

Salve a tutti, Mi chiamo Sofia e ho 22 anni. Come la maggior parte delle adolescenti ho dei problemi ...

7 risposte
Ho un cattivo rapporto con il cibo e con il mio corpo, non so se ho qualche problema oppure no

Salve, Io vi contatto perché dopo anni, vorrei capire cosa sto vivendo e perché mi ...

3 risposte
Non riesco a convivere con me stessa e vivo in un perenne stato di angoscia.

Per cinque lunghi anni ho sofferto di disturbi alimentari, legati a comportamenti bulimici, sfociati ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.