Disturbi della personalità

Il Disturbo Di Personalita’ Multipla - Doppia Personalita’ -

Dott. Pietro Ganci contattami

Condividi su:

Il disturbo dissociativo dell'identità, inizialmente chiamato disturbo di personalità multipla (MPD), indipendentemente dal fatto che sia definito disturbo dissociativo dell'identità o disordine di personalità multipla, non è in alcun modo correlato alla schizofrenia. L’associazione comune tra schizofrenia e disordine di personalità multipla è errato. Nonostante le persone con disturbo dell'identità dissociativa vengano informate degli eventi da loro compiuti, essi non riescono a ricordarli. Possono infatti trovarsi di fronte ad oggetti, lavori o scritture a mano che tuttavia non riescono a riconoscere o giustificare; possono riferirsi a loro stessi nella prima persona plurale (noi) o in terza persona (lui, lei, loro) e possono avere amnesie per eventi che si sono verificati tra la loro infanzia e ne primi mesi della loro adolescenza.

Quando si trovano a fronteggiare situazioni massicciamente traumatiche, da cui non esiste una fuga fisica, una persona può "fuggire" dalla propria mente. I bambini possono dissociarsi dalla piena consapevolezza di un'esperienza traumatica. La dissociazione può diventare un modello di difesa che persiste in età adulta e può portare a un disturbo dissociativo a tutti gli effetti.  Con questo processo dissociativo i pensieri, i sentimenti, i ricordi e le percezioni delle esperienze traumatiche possono essere separati psicologicamente e permettono al bambino di comportarsi come se il trauma non fosse mai avvenuto.

Il processo di dissociazione è un processo mentale complesso che produce una mancanza di connessione nei pensieri, nei ricordi, nei sentimenti, nelle azioni o nel senso dell'identità di una persona. Durante il periodo in cui avviene la dissociazione, alcune informazioni non sono associate ad altre come normalmente accadrebbe. Ad esempio, durante un'esperienza traumatica, una persona può dissociare la memoria del luogo e delle circostanze del trauma, dalla sua memoria permanente, provocando una fuga temporanea mentale dalla paura e dal dolore del trauma. Poiché questo processo può produrre cambiamenti nella memoria dell’individuo, le persone che dissociano frequentemente, arrivano a compromettere il senso della propria storia personale e la loro stessa identità. Inoltre la persona che soffre di una dissociazione non si svincola distaccandosi completamente dalla sua realtà, e per questo può sembrare che abbia molteplici "personalità". Alcune persone con un disordine di personalità multipla possono occupare posti di lavoro di alta responsabilità, contribuendo alla società in una varietà di professioni, arti e servizi pubblici e sembrano comportarsi normalmente con i colleghi, vicini ed altra gente con cui interagiscono quotidianamente. Altri invece non sono in grado di relazionarsi normalmente. Il disturbo dissociativo dell'identità è grave e cronico; è associato ad un'elevata incidenza di tentativi di suicidio e si ritiene che sia più probabile che esso termini con un suicidio piuttosto che in qualsiasi altro disturbo mentale.

I criteri diagnostici attuali per il disordine di personalità multipla o il disordine dell'identità dissociativa sono pubblicati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-V-TR). Il disturbo di personalità multipla o il disturbo dissociativo dell'identità è definito come una condizione in cui "due o più identità distinte o stati di personalità" si alternano nel controllo della coscienza e del comportamento del paziente. Le diagnosi errate includono schizofrenia, disturbo della personalità borderline, disturbo polisintomatico di somatizzazione e disturbo di panico. Il disturbo dell'identità dissociativa e altri disturbi dissociativi sono intesi come effetti abbastanza comuni di gravi traumi avvenuti durante l'infanzia, molti dei quali tipicamente estremi, come ripetuti abusi fisici, sessuali e / o emotivi. I sintomi dissociativi possono potenzialmente compromettere ogni area del funzionamento psicologico e sono vissuti come una intrusione nella consapevolezza e nel comportamento, con perdita di continuità nell’esperienza soggettiva (sintomi positivi) e/o impossibilità di accedere alle informazioni o controllare le funzioni mentali che normalmente sono facilmente suscettibili di accesso. Gli studi nordamericani mostrano che il 97% - 98% degli adulti con disturbo dell'identità dissociativa denuncia abusi subiti durante l'infanzia.

La ricerca dimostra che il disordine di identità dissociativa può influenzare l'1% della popolazione generale e forse anche il 5-20% delle persone negli ospedali psichiatrici, molti dei quali hanno ricevuto altre diagnosi. I tassi di incidenza sono ancora più alti tra i sopravvissuti dagli abusi sessuali e fra gli individui con dipendenze da sostanze psicoattive. Queste statistiche riportano disordini dissociativi e disturbi della personalità multipla nella stessa categoria di schizofrenia, depressione e ansia, come uno dei quattro principali problemi di salute mentale odierni. Gran parte della letteratura corrente mostra che i disturbi dissociativi si trovano principalmente tra le persone di sesso femminile. L'ultima ricerca, tuttavia, indica che i disturbi possono essere altrettanto prevalenti (ma meno frequentemente diagnosticati) tra la popolazione maschile. Gli uomini con disturbi dissociativi hanno maggiori probabilità di essere trattati per altre malattie mentali o abuso di droghe e abuso di alcool. I pazienti con disordine di personalità multipla spesso presentano una serie notevole di sintomi che possono somigliare a altri disturbi neurologici e psichiatrici quali disturbi d'ansia, disturbi della personalità, psicosi , stati disforici , periodi di eutimia, schizofrenia e convulsioni La maggior parte ha sintomi di depressione, manifestazioni di ansia (sudorazione, battito accelerato, palpitazioni), fobie, sintomi fisici (gravi mal di testa o altri dolori corporei), attacchi di panico, disfunzioni sessuali, disturbi alimentari e stress post-traumatico. Le preoccupazioni e i tentativi di suicidio sono comuni, così come gli episodi di auto-mutilazione.

L'amnesia nel disturbo di personalità multipla è marcata da lacune nella memoria del paziente per lunghi periodi del proprio passato, in alcuni casi, per tutta l’infanzia. È presente anche l'amnesia che comporta un'incapacità di richiamare importanti informazioni personali relative ad alcune delle identità. L'amnesia non è uniforme in tutte le personalità; ciò che non è conosciuto da una personalità può essere conosciuto da un’altra. Alcune personalità potrebbero conoscere e interagire con altre personalità in un mondo interiore elaborato.

La depersonalizzazione è un sintomo dissociativo in cui il paziente sente che il suo corpo è irreale, sta cambiando o si sta dissolvendo. Alcuni pazienti con disturbo di personalità multipla sperimentano la depersonalizzazione come sensazione di essere al di fuori del loro corpo, o come guardare un film di se stessi.

La derealizzazione è un sintomo dissociativo in cui il paziente percepisce l'ambiente esterno come irreale. I pazienti possono vedere pareti, edifici o altri oggetti mentre cambiano forma, dimensione o colore. I pazienti con disturbo di personalità multipla potrebbero non riconoscere i parenti o gli amici piu’ cari.

I disturbi dell'identità nel disturbo di personalità multipla derivano dal fatto che il paziente ha separato interi tratti di personalità o caratteristiche e memorie. Quando un'esperienza stressante o traumatica innesca la riemersione di queste parti dissociate, il paziente passa, di solito in pochi secondi, ad una personalità alternativa (o altra personalità). Alcuni pazienti hanno storia di prestazioni strane (stravaganti, imprevedibili, eccentriche) a scuola o nei loro posti di lavoro causate dall'emersione di personalità alterne durante gli esami o altre situazioni . I pazienti con disordine di personalità multipla sperimentano le loro alterazioni come individui distintivi che possiedono nomi, storie e tratti di personalità diversi. Non è insolito per i pazienti di disturbo di personalità multipla  avere alterazioni di diversi generi, orientamenti sessuali, età o nazionalità. Alcuni pazienti sono stati segnalati con alterazioni che non sono nemmeno umane; gli alterati sono stati animali o anche estranei dallo spazio. Il paziente medio con disordine di personalità multipla ha tra due e dieci alterazioni, ma alcuni sono stati segnalati con oltre cento.

I disturbi dissociativi sono reattivi alla psicoterapia individuale, o alla "terapia clinica di conversazione", così come ad una serie di altre modalità di trattamento, compresi i farmaci, l'ipnoterapia o Training Autogeno in Psicoterapia, le terapie aggiuntive come l'arte terapia e la danza-musicoterapia.

Forse l'approccio più comune al trattamento ha l'obiettivo di alleviare i sintomi, di garantire la sicurezza dell'individuo e di ricollegare le diverse identità in un'unica identità ben funzionante. Esistono tuttavia altre modalità di trattamento ugualmente rispettate che non dipendono dall'integrazione delle identità separate. Il trattamento ha anche lo scopo di aiutare la persona a esprimere e trasformare in sicurezza memorie dolorose, sviluppare nuove capacità di reazione, ripristinare il funzionamento migliorando i rapporti. Il miglior approccio terapeutico dipende dall'individuo e dalla gravità dei suoi sintomi. Il trattamento prevede una combinazione dei seguenti metodi:

Percorso Clinico o Psicoterapia concepita per incoraggiare la comunicazione dei conflitti e approfondire i problemi.

Terapia cognitivo-comportamentale che si concentra sul cambiamento di modelli di pensiero disfunzionale.

Non sono disponibili farmaci per trattare i disturbi dissociativi stessi. Tuttavia, una persona con disturbo dissociativo che soffre anche di depressione o ansia, spesso può beneficiare del trattamento con antidepressivi o ansiolitici.

La terapia Familiare è raccomandato per aiutare ad educare la famiglia circa DID e le sue cause, per comprendere i cambiamenti che possono avvenire come la personalità viene reintegrata, così come i membri della famiglia di aiuto riconoscere i sintomi di recidiva. Terapie creative come l’arte terapia o la musicoterapia per consentire al paziente di esplorare ed esprimere i propri pensieri e sentimenti in modo sicuro e creativo.

L'ipnosi e il Training Autogeno in Psicoterapia, utilizzano un intenso rilassamento, concentrazione e attenzione mirata ad ottenere uno stato alterato di coscienza o consapevolezza, possono aiutare i pazienti a recuperare idee e memorie represse, controllare i comportamenti problematici che molti pazienti affetti da disturbo di personalità mostrano, come l'auto-mutilazione o disturbi alimentari come la bulimia nervosa. Nelle fasi successive del trattamento, il terapeuta può utilizzare l'ipnosi per "fondere" gli alterati come parte del processo di integrazione della personalità del paziente.

In altre tecniche come la terapia cognitivo comportamentale, ad esempio un paziente può essere indirizzato e rispondere a solo un nome. Il terapeuta può rifiutarsi di parlare con il paziente come se fosse di un diverso sesso, età o persona rispetto a quella inizialmente presentata. Non appena il paziente comincia a rispondere in modo più coerente ad un solo nome e parla nella prima persona, può iniziare una terapia più tradizionale. Anche se molti sostenitori del disturbo della personalità multipla non amano questo approccio o lo criticano come irrispettoso del paziente, esso può essere molto efficace. Pertanto, dopo il trattamento il paziente avra’ effettuato un percorso che gli avra’ consentito di effettuare la comprensione e l’acquisizione del significato del disturbo, elementi di crescita personale e di cambiamento.

Trattamenti alternativi che aiutano a rilassare il corpo vengono spesso raccomandati per i pazienti di disturbo di personalità multipla in aggiunta alla psicoterapia e / o al farmaco. Questi trattamenti includono l'idroterapia, la medicina botanica (principalmente le erbe che aiutano il sistema nervoso), il massaggio terapeutico e lo yoga, ricordando che in omeopatia esistono diversi principi attivi naturali in grado di agire sull’ansia e gli attacchi di panico.
La scelta dei rimedi per le patologie psichiche deve essere profonda e accurata, soprattutto quando ansia e depressione si cronicizzano.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Domande e risposte

Sono fortemente borderline e mi sta curando uno psicologo con disturbo narcisistico della personalit

Buongiorno dottori, volevo chiedervi un parere. Secondo voi la relazione tra paziente borderline e ...

1 risposta
Travestimento da donna

Salve e grazie mille in anticipo. Volevo chiedere delucidazioni su alcuni eventi che mi stanno accad ...

6 risposte
Finalmente il mio malessere ha un nome: disturbo di Borderline

Salve, vorrei raccontarvi la mia storia, così da avere qualche parere in più. Ho ...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.