Disturbi della personalità

Organizzazione cognitiva di tipo ossessivo

contattami

Condividi su:

L’insorgere di comportamenti compulsivi o di pensieri intrusivi può essere considerato normale in particolari situazioni in cui la posta in palio impone di fare qualsiasi sforzo per raggiungere un obiettivo cruciale, come potrebbe essere una situazione delicata di lavoro che richiede scrupolosità e precisione. Esistono però alcune differenze tra ossessioni “patologiche” e “non patologiche”: possono essere simili per forma o contenuto, ma nel soggetto ad organizzazione ossessiva sono più frequenti, hanno un’intensità incomparabilmente maggiore e sono legate agli effetti magici che una determinata ideazione ha sul mondo reale.

Riguardo all’ideazione, perché un pensiero intrusivo possa essere considerato un’ossessione deve presentare una serie di caratteristiche:

 

  • Ruminazioni. Si tratta di pensieri, idee o immagini estremamente ripetitivi, centrati su un ristretto numero di temi, a contenuto spesso bizzarro, usualmente di qualità disforica e disturbante per il soggetto, talvolta emergenti con vividezza simil-allucinatoria (Guidano-Liotti, 1993);
  • Incapacità Decisionale. Scelte che non siano di routine vengono analizzate un infinito numero di volte, esaminando i pro e i contro ad un tale livello di dettaglio da rendere impossibile qualunque scelta. Qualsiasi ipotesi decisionale viene ripresa e soppesata continuamente, in un dilagare di dubbi accompagnato da intense reazioni emotive, come ansia, rabbia e paura;
  • Pensiero Magico. L’ossessivo ha una forte necessità di controllare un ambiente mai totalmente prevedibile con la precisione da lui ritenuta necessaria. Sopperisce a tale impossibilità di predizione assoluta sviluppando una serie di superstizioni, atte a garantirsi che accadrà ciò che deve accadere e non ciò che egli teme possa accadere (“se eseguo senza errori un complesso rituale per 19 volte, il giorno dopo mi andrà bene l’esame”). Il desiderato controllo sull’ambiente può essere ottenuto grazie ad un vero e proprio pensiero magico, per cui gli eventi esterni e le azioni delle persone vengono fatti dipendere dall’esecuzione senza errori di precise operazioni mentali. Si giunge così ad una sorta di immaginaria onnipotenza, garantita dalle procedure magiche di condotta e di pensiero.

Il comportamento ossessivo esibisce i caratteri rituali che, a seconda che siano rivolti verso il passato o verso il futuro, hanno una funzione di espiazione o di prevenzione. In entrambi i casi l’esecuzione del rituale serve a diminuire l’angoscia; di contro, qualunque impedimento provoca un immediato aumento dell’ansia interna e dell’aggressività interpersonale. La compulsione può riguardare un’azione fisica (riordinare oggetti, seguire schemi rigidissimi) o un processo mentale (pregare, ricordare una sequenza numerica).

Tipico dell’ossessivo è l’atteggiamento perfezionistico: non accettando i limiti, gli errori e le debolezze umane l’ossessivo pretende di acquisire nozioni ed atteggiamenti perfetti per confermarsi valido e giusto (Reda, 1986). La costante preoccupazione è quella del giudizio, non solo degli altri, ma soprattutto di sé stessi: la contromisura consiste nell’evitare a priori ogni possibile critica, ogni minima incrinatura, grazie ad una supposta perfezione assoluta.

Tale atteggiamento perfezionistico, che si verifica anche nelle situazioni più banali, si accompagna ad un’attenzione eccessiva ai dettagli, a scapito della visione globale, ed a una sorta d’incapacità a distinguere ciò che è rilevante da ciò che non lo è, rendendo difficili le decisioni. In particolare, quelle basate su preferenze individuali (cosa mi piace di più?) o su una lettura di stati emozionali (amo o no Giuliana?) si pongono ai limiti della totale impossibilità. Inoltre il timore di non avere adeguatamente esaminato tutte le alternative, o di non avere raggiunto il livello della perfezione assoluta, porta alla difficoltà di terminare un qualsiasi compito che la persona senta come significativo, o su cui verrà poi giudicata: per esempio, uno studente può rimandare all’infinito il momento dell’esame.

L’atteggiamento verso la realtà è quello di una continua ricerca per raggiungere certezza ed ordine. Per ogni problema umano, secondo l’ossessivo, esiste un’unica soluzione perfetta: il punto sta nel trovarla, infatti, l’ossessivo è sempre scontento di qualsiasi soluzione, preferendo rimandare la decisione e tornare indietro ad acquisire ulteriori dati oggettivi, che dovrebbero permettergli finalmente di trovare la risposta corretta al cento per cento. Gradualmente, l’ossessivo si struttura  in modo da assumere un atteggiamento grazie al quale anticipa in tutte le circostanze ogni possibile eventualità, sperando di potere avere sempre le reazioni giuste; l’intento è quello di prevenire gli eventi negativi che possono verificarsi in un mondo intessuto di imprevedibilità.

La rigidità si esprime anche con la ristrettezza degli interessi: il soggetto si limita ad occuparsi di poche cose, in modo molto specialistico, con la speranza di riuscire a farlo in modo perfetto. E’ impossibile, per esempio, avere un hobby, un’occupazione di tipo amatoriale, dilettantesco; superata una prima fase di esplorazione, ci si sente costretti a diventare professionisti ed esperti anche nell’area che dovrebbe essere di svago. Il dovere subentra così ancora una volta al piacere.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Domande e risposte

psicosi paranoide è uguale alla sindrome comiziale?

Buongiorno ho mia moglie che da piccola ha avuto la sindrome comiziale, che a me è stata ...

1 risposta
Bipolarismo e relazioni interpersonali

Salve, Vi scrivo, perché non so più dove sbattere la testa. La mamma del mio ragazzo ...

7 risposte
Sono fortemente borderline e mi sta curando uno psicologo con disturbo narcisistico della personalit

Buongiorno dottori, volevo chiedervi un parere. Secondo voi la relazione tra paziente borderline e ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.