Internet

Quando la rete viene utilizzata per scopi sessuali

Dott.ssa Silvia Parisi contattami

Condividi su:

Quando la rete viene utilizzata per scopi sessuali
 
Internet influenza la sessualità, in modo che fino a pochi anni fa, era inimmaginabile. 
 
La pornografia e le chat room, facilmente disponibili, danno agli utenti la possibilità di soddisfare sempre più ampie opportunità, rispetto le più diverse preferenze sessuali. Sempre più persone lo utilizzano per attività sessuali e la diffusione di tale fenomeno continua ad espandersi parallelamente, alla continua diffusione di Internet in tutto il mondo. La natura anonima di Internet e l'estrema varietà di espressioni sessuali mostrate, rappresentano, un'atmosfera ideale per esplorare la sessualità.
 
Un importante doppio legame è inoltre emerso tra sessualità e Internet. Se da un lato, la tecnologia ha sicuramente dato un nuovo significato alla sessualità, dall'altro, la stessa sessualità intesa come fantasie e comportamenti sessuali, ha diretto la costruzione e l'utilizzo di Internet, facendo in modo che divenisse sempre più affine alle esigenze degli utenti.
 
Se da un lato si può infatti notare un arricchimento e miglioramento del funzionamento sessuale, mediante la facilitazione dell'esplorazione all'educazione sessuale, dall'altro  ha sicuramente favorito, un'opportunità ulteriore per condotte sessuali criminali negative e pericolose. I tre fattori che facilitano la ricerca di contenuti su Web sono, l'accessibilità, l'economicità e l'anonimato.
 
Per esempio ci possono essere ragazzi, ad esempio depressi, che hanno una dipendenza da siti e giochi erotici. Partecipare a dei giochi dove si fa finta di essere magari un uomo e si costruisce così una vita con altri utenti. È un modo di scappare dalla realtà. Il servizio da progressivamente diventando più economico, facilitando la diffusione in tutti gli strati sociali.
 
L'anonimato permette inoltre agli utenti di accedere ai contenuti sessuali, che meglio soddisfino il proprio immaginario erotico, grazie alla garanzia che la loro identità, rimanga visibile.
 
Ci sono uomini ma anche donne, che possono per esempio approfittare per guardare siti erotici non appena il compagno /a esce e soddisfare così magari i loro bisogni che con la compagna/ o non possono mettere in pratica.
 
Sebbene sia uomini che donne risultino ben rappresentati in tutte le loro attività on-line, le donne sembrano essere più interessate all'aspetto interattivo della sessualità on-line, mentre gli uomini più inclini alle attività visive. Ci sono persone che passano interi pomeriggi su siti pornografici, perché vengono catturati per esempio dalle immagini, dai colori e perdono, l'intera giornata rischiando così magari di perdere a volte lavoro e farsi scoprire dal rispettivo partner. La frequenza di donne utenti di pornografia on-line sembra tuttavia in notevole aumento.
 
Tra gay e lesbiche l'utilizzo di interesse risulta più diffuso nella vita di tutti i giorni, con la finalità di trovare partner sessuali da incontrare on-line o per gratificazione sessuale. L'utilizzo della pornografia on-line sta diventando tanto massiccio che in un recente studio tali contenuti hanno ricevuto il triplo del numero di visite rispetto ai maggiori motori di ricerca, mondiale come Yahoo e Google.
 
Diverse sono le motivazioni che possono spingere le persone, a intraprendere l'attività, a contenuto sessuale. Ad esempio i più giovani come gli adolescenti a volte nelle chat possono confondere il sesso con l'amore vorrebbero sentirsi amati ma cercano in luoghi sbagliati oppure ci sono persone che magari decidono di cercare partner in chat sbagliate e, l'unica cosa magari che trovano, i ragazzi/ e che vogliono un corpo e non amarli.
 
Alcuni lo usano dal cellulare perché è molto più comodo e si hanno meno possibilità di essere scoperti. L'utilizzo di Internet può anche essere d'aiuto quando un membro di una coppia vuole intraprendere, una particolare attività sessuale, senza la disponibilità dell'altro partner, i servizi virtuali favoriscono, infatti,l' incontro con persone che condividono il proprio gusto sessuale, normalizzandolo e favorendo un'apertura verso tale comportamento.
 
Il mondo virtuale è inoltre un luogo ottimale per sperimentare, uno specifico comportamento sessuale e decidere quindi se trasferirlo o meno nella vita reale. Alcuni partner interpretano l'atteggiamento di cercare qualcuno su Internet come un'infedeltà alla stregua di un tradimento off-line. Questo crea gravi ricadute, per sulla famiglia. Molte donne, che hanno scoperto che i loro partner usavano il pc per siti pornografici spesso si volevano separare.
 
Può capitare che a causa di questo, il partner "tradito" non si fidi più, e magari diventi ossessivo, convinto magari che lo faccia ancora di nascosto e questo può portare ad una profonda crisi,  esacerbando le problematiche già presenti all'interno della relazione di coppia. Quando le relazioni on-line ha un proseguo nella vita reale, questo diventa potenzialmente pericoloso, non solo per la relazione di coppia, ma anche per il maggior rischio di malattie sessualmente trasmesse. Si è visto che i comportamenti sessuali a rischio messi in atto con partner sessuali occasionali conosciuti su Internet, sono risultati diffusi soprattutto tra gli uomini omosessuali. 
 
Spesso diverse moglie arrabbiate si lamentano che il marito è sempre sul pc.
 
Internet offre un altro mezzo, per ottenere stimolazioni sessuali ed eventualmente rinforzare le preferenze sessuali preesistenti.
 
 
Dr.ssa Silvia Parisi Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Internet"?

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.