Pensieri ossessivi

Quelle strane manie

13 Gennaio 2016

contattami

Condividi su:

“Ho chiuso il gas?” non riesco a uscire di casa se non controllo almeno 5 volte...
Devo affrontare un esame...”se non uso sempre la stessa penna “fortunata” andrà sicuramente male”.

Questi sono alcuni esempi di come funziona il pensiero di chi ha quelle, che comunemente vengono definite, “manie”.
Fermo restando che tutti abbiamo delle piccole fissazioni o comportamenti inconsapevoli che ci tranquillizzano (rosicchiarsi le unghie, arrotolarsi un ciuffo di capelli, routine quotidiane ecc). Quando si può parlare di un vero problema?

Quando queste “manie” diventano intrusive e ledono la libertà personale.
Dietro a questo comportamento spesso inspiegabile e incomprensibile, c’è un disturbo d’ansia caratterizzato da ossessioni e compulsioni. Le ossessioni sono pensieri immagini, numeri, impulsi, che si presentano con una frequenza ed un’intrusività così forte nella mente della persona, al punto tale da portarla a sperimentare un’intensa sensazione di ansia, angoscia e preoccupazione. Le compulsioni invece, consistono in rituali di comportamento (gesti o azioni ripetitive) o di pensiero (formule magiche, preghiere, ripetizione di parole) che la persona deve per forza mettere in atto, per evitare una forte ansia. L’ansia in realtà è un problema secondario rispetto all’incapacità di interrompere i rituali. Chi soffre di ciò ha un disturbo ossessivo compulsivo. C’è chi vive i suoi rituali ed i suoi pensieri come coerenti e razionali all’interno della propria vita e chi è consapevole dell’ infondatezza dei suoi pensieri e azioni. Ma nonostante ciò, li sente come un obbligo, cerca invano di evitare di mettere in atto le compulsioni, cercando di cacciare il più possibile il pensiero ossessivo dalla sua testa. Il paradosso è che il tentativo di controllare ciò che viene vissuto come incontrollabile, finisce col generare uno stato d'ansia così forte da spingere la persona ad abbandonarsi alle ossessioni compulsive, proprio per placare l’ansia accumulata. Chi soffre di questa patologia vive con un forte senso di vergogna il suo disturbo cercando di mascherarlo. Non sempre infatti intraprendono un percorso psicologico per superarlo.
Il rischio è che nel momento in cui i rituali o i pensieri finiscono con l’occupare gran parte della giornata, inevitabilmente, il disturbo, finisce col coinvolgere famigliari e amici che, talvolta, si vedono anche loro costretti, a dover organizzare e adattare la propria vita in funzione dei rigidi e abituali "comportamenti" di chi soffre di questo problema. 

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Pensieri ossessivi"?

Domande e risposte

La paura di essere lesbica mi sta facendo pensare al suicidio.

Salve a tutti, Scrivo perché non riesco più a vivere in questo modo. Cerco di essere ...

3 risposte
Mi sento in pausa, come scoprire cosa ci piacerebbe fare a livello lavorativo per la vita?

Buonasera a tutti, Mi chiamo Beatrice e ho 20 anni. Sono la quarta figlia di due genitori fantastici ...

2 risposte
Condizionata dagli altri

Salve sono una signora sui 60 e vorrei un consiglio. È da molto ormai che gli altri mi condiz ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.