Condividi su:

Nel gergo comune questa modalità relazionale viene chiamata “”, per molto tempo considerata erroneamente esclusivamente di pertinenza femminile, in quanto culturalmente e socialmente predisposte a accudire, ma anche gli uomini possono metterla in atto.

Nella maggioranza dei casi si tratta di relazioni instaurate con partner problematici, misteriosi, inafferrabili, insomma il “bello e dannato” o “la bella e problematica” che razionalmente sappiamo essere una partita persa in partenza, ma col tempo, proprio per questo senso di irraggiungibilità, diviene una missione, una sfida. Dall’inconsapevole e manipolatorio “grazie a me cambierai”, che già di per sé è un impostazione squilibrata del rapporto, si passa a un vero delirio di onnipotenza salvifico in cui il partner si garantirebbe un amore totale per riconoscenza, una sorta di “io ti salverò e tu mi amerai”. Rapporti che diventano copioni, in cui dietro le amorevoli attenzioni si cela il tentativo di manipolare l’altro, legandolo a doppio filo a sé. L’altro però, si lascia salvare fino al punto di rivendicare la propria autonomia, fino a quando la compagna o il compagno da salvatore diventa ostacolo. E quando la storia finisce e non rimane la riconoscenza, il partner crolla psicologicamente chiedendosi cosa ha fattore meritarsi questo, dopo tutto quello che ha fatto per lui o lei. Ma cosa c’è dietro il tentativo di essere indispensabili per l’altro? C’è il difendersi da un eventuale abbandono e separazione (terribilmente temuti). Si comprende come un rapporto così, è lacunoso e disfunzionale per entrambi, in quanto nasconde la trappola della dipendenza: l’altro è la fonte del mio benessere e del mio valore e io del suo. Ma può una persona essere responsabile della felicità dell’altro? O l’altro essere responsabile della mia? Cosa significa ciò in fondo? Significa essere cresciuti all’interno di relazioni in cui si è imparata ad essere amati e apprezzati “solo se....” e non incondizionatamente, ed ecco spiegata la corsa e l’annullamento di sé per cercare di ottenere l’amore non ricevuto per colmare un vuoto interiore pesantissimo. Per assicurarsi affetto e approvazione si è disposti a sacrificare sé e i propri bisogni. L’amore non è l’illusione di conquistare qualcuno di irraggiungibile e guarirlo, l’amore è incontrarsi, l’amore è gratuito, non basato su una dinamica “mi amerai se...”. Ciò deve esser un punto di partenza. Se ci si accorge di incappare in queste dinamiche, è bene prima risolverle, altrimenti si rischia di vivere continue frustrazioni relazionali, in quanto si dà troppo rispetto a ciò che si riceve, per l’illusione di essere amati, il prezzo diventa altissimo.

 

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Domande e risposte

Mio figlio e i videogiochi

Buongiorno, Sono molto preoccupata x mio figlio. Ha 14 anni e fino a poco tempo fa aveva molti amici ...

3 risposte
Se ne può fare a meno?

Salve a tutte/i, chi vi scrive non ha mai avuto una vera relazione sentimentale (e non ho più ...

4 risposte
Andarsene di casa per l'uni, famiglia disagiata, cosa fare?

Ho 19 anni, ho appena dato la maturità ed adesso dovrei scegliere cosa fare nella vita, io ho ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.