Problemi relazionali

“Io ti salverò e tu mi amerai“

25 Novembre 2015

contattami

Condividi su:

Nel gergo comune questa modalità relazionale viene chiamata “”, per molto tempo considerata erroneamente esclusivamente di pertinenza femminile, in quanto culturalmente e socialmente predisposte a accudire, ma anche gli uomini possono metterla in atto.

Nella maggioranza dei casi si tratta di relazioni instaurate con partner problematici, misteriosi, inafferrabili, insomma il “bello e dannato” o “la bella e problematica” che razionalmente sappiamo essere una partita persa in partenza, ma col tempo, proprio per questo senso di irraggiungibilità, diviene una missione, una sfida. Dall’inconsapevole e manipolatorio “grazie a me cambierai”, che già di per sé è un impostazione squilibrata del rapporto, si passa a un vero delirio di onnipotenza salvifico in cui il partner si garantirebbe un amore totale per riconoscenza, una sorta di “io ti salverò e tu mi amerai”. Rapporti che diventano copioni, in cui dietro le amorevoli attenzioni si cela il tentativo di manipolare l’altro, legandolo a doppio filo a sé. L’altro però, si lascia salvare fino al punto di rivendicare la propria autonomia, fino a quando la compagna o il compagno da salvatore diventa ostacolo. E quando la storia finisce e non rimane la riconoscenza, il partner crolla psicologicamente chiedendosi cosa ha fattore meritarsi questo, dopo tutto quello che ha fatto per lui o lei. Ma cosa c’è dietro il tentativo di essere indispensabili per l’altro? C’è il difendersi da un eventuale abbandono e separazione (terribilmente temuti). Si comprende come un rapporto così, è lacunoso e disfunzionale per entrambi, in quanto nasconde la trappola della dipendenza: l’altro è la fonte del mio benessere e del mio valore e io del suo. Ma può una persona essere responsabile della felicità dell’altro? O l’altro essere responsabile della mia? Cosa significa ciò in fondo? Significa essere cresciuti all’interno di relazioni in cui si è imparata ad essere amati e apprezzati “solo se....” e non incondizionatamente, ed ecco spiegata la corsa e l’annullamento di sé per cercare di ottenere l’amore non ricevuto per colmare un vuoto interiore pesantissimo. Per assicurarsi affetto e approvazione si è disposti a sacrificare sé e i propri bisogni. L’amore non è l’illusione di conquistare qualcuno di irraggiungibile e guarirlo, l’amore è incontrarsi, l’amore è gratuito, non basato su una dinamica “mi amerai se...”. Ciò deve esser un punto di partenza. Se ci si accorge di incappare in queste dinamiche, è bene prima risolverle, altrimenti si rischia di vivere continue frustrazioni relazionali, in quanto si dà troppo rispetto a ciò che si riceve, per l’illusione di essere amati, il prezzo diventa altissimo.

 

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Domande e risposte

Famiglia e sensi di colpa

Gentili dottori, chiedo aiuto a voi, a capire le mie sensazioni, a risollevarmi da questo buco nero...

2 risposte
Rapporto conflittuale con mia madre

Salve, vi scrivo perché sono esasperata. Da che ho memoria ho sempre avuto un rapporto confli ...

3 risposte
Sognare di pensare alle proprie insicurezze fisiche mentre si sta per fare l’amore

Questa notte ho fatto un sogno che mi ha turbato. Ho sognato di essere nella camera del mio ragazzo ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.