Psicosi

Chiedere aiuto al più presto

Condividi su:

Non indugiare
Chiedere aiuto con tempestività in pratica significa saper riconoscere la psicosi al più presto possibile e trovare cure specialistiche che siano adatte al caso.

II primo episodio psicotico può essere un'esperienza particolarmente traumatica e sconvolgente. I cambiamenti comportamentali della persona possono dar via a preoccupazioni ed angoscia in quanto nessuno riesce a capire effettivamente quello che sta succedendo.

E dato che non ci si rende conto del problema spesso non si chiede aiuto con la massima sollecitudine e conseguentemente queste malattie che sono curabili, non si curano perché non vengono individuate.

Ed anche quando si chiede aiuto, potrebbe passare del tempo prima che venga effettuata la diagnosi giusta dato che i disturbi di questo tipo sono molto difficili da individuare.

Perchè è impotante chiedere aiuto al più presto
Spesso passa un lungo periodo di tempo prima che abbiano inizio le cure per il primo episodio psicotico e più tempo passa più difficoltà insorgono con la famiglia, con gli amici, con lo studio e col lavoro.

La malattia potrebbe incidere sullo stato emotivo della persona soprattutto se la terapia viene rinviata. Altri problemi potrebbero verificarsi o magari anche peggiorare come ad esempio disoccupazione, depressione, abuso di droghe, violazioni della legge o auto-lesioni. Inoltre se la terapia viene somministrata con ritardo potrebbe portare ad una più lenta e meno completa guarigione.

Non c'è bisogno che insorgano difficoltà. Se la psicosi viene individuata prontamente, molti problemi si possono prevenire.

Quali sono i segni premonitori?
Prima che si manifestino i sintomi evidenti della psicosi, la persona mostra alcuni cambiamenti comportamentali. Questi cambiamenti si chiamano segni premonitori ed emergono subito prima della psicosi nella fase che prende il nome di "prodromo". I primi segni sono vaghi e poco visibili. L'importante è osservare se vanno peggiorando o se semplicemente non spariscono.

I segni premonitori cambiano da una persona all'altra. Nella fase prodromica, potrebbero esserci dei cambiamenti nel modo in cui la persona descrive le sue emozioni, i suoi pensieri e le sue percezioni. Tuttavia a questo punto non ha ancora provato sintomi psicotici veri e propri quali allucinazioni, illusioni o confusione delle funzioni mentali.

SEGNI PREMONITORI

Una persona potrebbe divenire

  • sospettosa
  • depressa
  • ansiosa
  • tesa
  • irritabile
  • pronta all'ira


Una persona potrebbe avvertire

  • sbalzi di umore
  • disturbi del sonno
  • cambiamenti dell'appetito
  • perdita di energia o della motivazione
  • difficoltà della concentrazione o della memoria


Una persona potrebbe credere che

  • le sue funzioni mentali siano molto rapide o molto lente
  • le cose siano in qualche modo diverse
  • l'ambiente che la circonda sia cambiato


Spesso i familiari e gli amici sono i primi a notare i cambiamenti.


I familiari e gli amici potrebbero notare se:

  • il comportamento di una persona cambia
  • il suo lavoro o i suoi studi peggiorano
  • diventa più isolata o si chiude in sé stessa
  • non si interessa più dei rapporti sociali
  • diventa meno attiva


Le famiglie spesso si rendono conto che c'è qualcosa che non va anche se non sanno esattamente quale sia il problema.

I comportamenti di questo tipo potrebbero essere una reazione di breve durata ad avvenimenti stressanti, come ad esempio problemi a scuola o al lavoro o nei rapporti personali. D'altronde potrebbero essere i segni premonitori dell'insorgenza della psicosi, quindi è importante che vengano controllati.

Il primo passo Quando si manifestano i sintomi psicotici o prodromici è importante che il giovane chieda aiuto. Come punto di partenza è bene rivolgersi al medico locale, al centro sanitario comunitario o ad un servizio comunitario della salute mentale. Potrebbero anche essere disponibili assistenti sociali presso la scuola.

Bisogna tener presente che i cambiamenti comportamentali potrebbero non essere i segni premonitori della psicosi ma è una buona idea che vengano controllati da un professionista sanitario. Se sta per insorgere un disturbo psicotico prima ci si rivolge dal medico e meglio è.

Prima si riconosce la psicosi e si inizia la terapia, migliori sono le prospettive di guarigione.

Scarica tutte le informazioni sulla psicosi

Rimettersi dalla Psicosi
Come posso aiutare una persona che soffre di psicosi?

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicosi"?

Domande e risposte

Come curare disturbi psicotici

Sono ricaduta dopo un anno e mezzo in disturbi da psicosi, ansia, depressione, sensi di colpa, sensa ...

3 risposte
Sono affetto da psicosi paranoide da quasi 23 anni

Buongiorno sono un ragazzo di 39 anni, sono affetto da psicosi paraniodea da quasi 23 anni, sono in ...

2 risposte
Mia madre di 60 anni manifesta sintomi psicotici

Buongiorno, sono un ragazzo di 26 anni ed avrei bisogno di un consiglio. Premetto che la mia famigli ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.