Psicoterapia

Come scegliere lo Psicoterapeuta?

contattami

Condividi su:

In questa passeggiata immaginaria non sarete soli. Se avete deciso di rispondere alla domanda “come mai ci incontriamo?”, avete idealmente teso una mano. Una mano tesa è una possibilità, un invito, una prova. Prima di incontrarne un’altra e di stringerla ci vorrà ancora un po’.

La compagnia del vostro compagno di strada dovrà esservi gradita, dovrete fidarvi, dovrete sceglierlo. Se i più scettici tra voi lettori penseranno che questa riflessione è un po’ ardita e complessa per chi arriva confuso davanti ad un terapeuta, rispondo che avete ragione solo in parte. Ciascuno di noi, a suo modo, ha uno spazio di confidenza in se stesso che non lo tradisce mai. Chi lo chiama istinto, chi vi si riferisce come al suo livello tacito, chi lo chiama inconscio: c’è e non mente. Può rimanere una voce inascoltata, certamente, ma nessuno ha mai scritto che sarebbe stato semplice come seguire un diagramma di flusso ad una sola uscita!

Un primo colloquio, non è straniante solo per chi lo richiede ma anche per chi lo “conduce”. Si è estranei, si è confusi, si è ansiosi e sofferenti insieme per i due aspetti della medesima medaglia: chi soffre e chi è orientato a porvi fine.

Se vi siete idealmente seduti (o vi accingete a farlo) sulla sedia di fronte alla mia, avete già fatto un grande passo riconoscendo la natura psicosimile della vostra difficoltà o avendomi accettata come sopportabile “ultima spiaggia” (capita ci si senta dire anche questo...).

Considerato che al termine della nostra interminabile formazione non forniscono la palla di vetro (dispiace più a me, credetemi), bisogna che iniziate a parlare. Non vi preoccupate di raccontare seguendo un ordine, non vi fate impensierire dal modo migliore per parlare, siate solo onesti e dite le cose così per come le pensate (e so che se ne fossimo pienamente in grado di farlo la mia categoria non esisterebbe). Fuori tutto: ipotesi, teorie, supposizioni sulle astruse origini di ciò che vi sta capitando, sortilegi salmodiati a bassa voce: basta che parliate. Alla fine del vostro flusso di coscienza non ci saranno applausi ma nemmeno fischi. Domande, quelle si: se voi tremate di paura, io fremo dalla curiosità.

Ho incontrato persone deluse dal fatto che, nel mio studio, non ci fosse un lettino (oltre alla palla di vetro). Ora: posto che nessun dinamico dopo avervi stretto la mano vi inviterebbe a sdraiarvi, mi chiedo cosa alimenti questa delusione. Le serie televisive hanno sicuramente un ruolo importante nel costruire gli scenari di situazioni sconosciute sebbene (sarò stata sfortunata?) nessuno degli ospedali che ho frequentato somigli al Seattle Grace Mercy West e, soprattutto, non abbia nessun dottor Sheperd! Aumentando il disappunto vi rivelo che non tutti i terapeuti sono uguali e l’arredamento della stanza potrebbe rivelarvi qualcosa rispetto alla particolare formazione. Visto che non tutti scandiscono lo spazio come un profiler non fate supposizioni e non aspettate che vi si inviti a sdraiarvi ma siate curiosi anche voi e chiedete!

 Fate domande sulla formazione del clinico che avete di fronte, chiedete dove ha studiato e leggete, cercate qualcosa sul suo percorso e sul suo modo di fare terapia. Non è un segreto che la conoscenza limiti l’ansia, provate a contenerla acquisendo competenza. Quando scegliete un medico, oltre al sempre efficace passaparola, credo che cerchiate la specialità del professionista, valutiate il suo curriculum. Fatelo anche in questo caso.

Valutate anche chi avete davanti. permettetevi di ascoltare voi stessi, il vostro istinto mentre siete in quella stanza, il livello di agio/disagio, la sintonia che stabilite con vostro interlocutore. È consuetudine darsi un tempo, due o tre incontri, che descrivano uno spazio protetto per terapeuta e cliente, in cui incontrarsi e conoscersi. In questo campo neutro si fanno domande, si chiedono chiarimenti, si stabiliscono le regole, si tracciano dei confini.

 Ogni genere di domanda che vi conforti o vi aiuti a capire meglio è lecita, anche quella che vi sembra meno necessaria. 

Chiedete, incuriositevi, Scegliete il clinico che fa per voi. Incontratelo, stringetegli la mani ed ascoltate ciò che ha da dirvi e come state voi mentre gli parlate. 

L'inizio di una psicoterapia può sembrare complicato se non ci si riesce ad affidare ad un clinico che farà del suo meglio per il vostro benessere. 

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Domande e risposte

Massaggio durante seduta percorso bioenergetico

Buongiorno, da anni seguo la terapia bioenergetica, ho fiducia nel terapeuta e sto continuando volen ...

1 risposta
Mio figlio non vuole vedermi

Salve, mio figlio a seguito della scoperta sul mio cellulare di uno scambio di messaggi molto eroti ...

4 risposte
Indecisione...

Salve, sono nel pieno di una crisi sentimentale e non riesco ad uscirne... sono stata fidanzata 4 ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.