Traumi psicologici

Quale potrebbe essere la soluzione di tutto?!

Stella

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 30. Vivo al sud e nella vita mi occupo di musica. Da circa 4 anni grazie al mio lavoro, mi capita spesso di viaggiare per lungo tempo, ma quando concludo il mio contratto di lavoro, purtroppo sono costretta tornare a casa dei miei genitori perché non posseggo una casa tutta mia. Perché dico "purtroppo" il fatto è che da circa 20 anni i miei genitori hanno problemi tra di loro. Mio padre ha sbagliato pesantemente in passato con mia madre, ed ha comunque continuato negli anni. Parliamo di tradimenti, con un altra donna che al tempo era una amica di mia madre, e con la quale ha anche instaurato un rapporto lavorativo, senza parlarne con mia madre e facendo tutto di testa sua. Mia madre, che è purtroppo sempre stata a rischio depressione sin da piccola "È mio padre ne era a conoscenza" ovviamente non la prese bene per niente e si ribellò. Questo la fece passare per folla sia agli occhi di mio padre ma anche della sorella che lo ha sempre spalleggiato, entrambi fecero il lavaggio del cervello a mia madre facendole credere che tra mio padre è quella c'era solo lavoro, e che effettivamente, non avendo prove schiaccianti lei crebbe e anzi si sentì in colpa per voler mandare a monte un matrimonio. Il tempo passo Ma mio padre ne combinò una dietro l'altra, oltre a farci subire a noi figli i commenti della gente del paese che lo vedeva girare in macchina con questa tutto il giorno, ma rese mia madre Ancora più depressa al punto di fare abuso di farmaci per riuscire a non pensare. Piccola parentesi" mia madre è solo qui, perché i suoi familiari sono andati via da questa città quando lei aveva 19 anni, e al tempo stava già con mio padre quindi decidette di rimanere Qui ed abitare inizialmente da sua nonna finché non si sposò". Questo per dire che non ha mai avuto un vero appoggio presente in questa situazione, e si sentì travolta da tutto. Adesso arrivo al dunque perché le cose da raccontare sarebbero faccio troppe. Mia madre ha subito di tutto, anche mani addosso sia da lui che da lei per strada, noi siamo stati portati svariate volte a casa di lei senza mia madre ma solo con mio padre. E tanto altro .. comunque loro non hanno mai avuto il coraggio di lasciarsi e continuano ancora oggi ed ormai a livelli eclatanti a litigare E urlarsi le peggio cose il tutto davanti a noi figli "Io e mio fratello gemello" con il quale purtroppo non ho un buon rapporto perché è diventato da un lato come mio padre? Anche se lui sta stretta la situazione, perché vive con loro sempre, il almeno stacco per dei mesi.. quest'estate per colpa del covid non sono potuta partire Quindi presa dalla disperazione ho preso una stanza per stare da sola .. purtroppo la situazione covid si sta prolungando non sono ancora partita, Ovviamente avendo ormai pochissimi solo sono dovuta tornare da loro. Ed é un incubo totale, guerre dalla mattina alla sera, il bello è che molte volte provo a fargli capire ad entrambi che ormai vi stanno portando sia a a me che mio fratello ad odiarli, ma a loro non interessa? Continuano all'infinito, non hanno il minimo rispetto per noi è per quello che proviamo difronte a queste cose. Mia madre ormai è esausta e vorrebbe davvero separarsi ma non avendo un lavoro r nulla non può permettersi una casa da sola . Mio padre non prende posizione e le dice te ne puoi andare .. Ma senza darle una lira e buttandola in una strada, dopo 20 anni che ha fatto la sua serva ... si perché per 20 anni mia madre gli è stata fedele nonostante Tutto, ha fatto i suoi doveri di moglie lui no. È inutile dire che per me è una sofferenza enorme ed infinita, soffro a vederli così e so che la soluzione è semplicemente farmi la mia vita è non pensarci. Ma io ci penso, la mia famiglia è distrutta e sembra che per finire debba per forza esserci la tragedia. Mi sento inerme e senza poter far nulla... perché nessuno mi ascolta. Quale potrebbe essere la soluzione?

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve,


Dalle sue parole emerge tutto il suo dolore.


Capisco che la situazione non è per niente facile e vivere in un tale contesto famigliare è "devastante".


Io le posso dire che marito e moglie si scelgono, che la coppia coniugale funziona in un determinato modo e i figli non possono cambiare le sorti. 


I figlio dovrebbero, ad un certo punto, distaccarsi e capire di non poter risolvere,  in nessun modo, una situazione in cui gli unici protagonisti è la coppia. 


Potrebbe lei stessa iniziare un percorso psicologico per iniziare il percorso di svincolo e chiedere a sua mamma se ha bisogno di un aiuto psicologico.


Dott.ssa Turco Fabiana

Salve, nel suo caso credo che la soluzione sia di parlare e sfogare il proprio malessere con un professionista, con il tempo vedrà che le cose miglioreranno.


Traspare molta sofferenza in lei per questi continui litigi tra i suoi genitori, forse è l'ora di elaborare queste difficoltà per andare avanti serenamente. 


Ha mai pensato ad un consulto psicologico?


Rimango a sua disposizone.


Buona serata.


Dott. Fiori

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Traumi psicologici"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a mangiare frutta e verdura e vivo male ogni pasto

Da piccolo una maestra d'asilo mi costrinse a mangiare dei pomodori facendomeli vomitare. Da lì ho ...

2 risposte
Bambino spaventato

Buongiorno! Oggi mio figlio di 9 anni e' rientrato in casa e io da dietro la porta l'ho abbracciato...

5 risposte
Quale percorso terapeutico scegliere?

Buongiorno, Ho 27 anni e sono attualmente alla ricerca di uno psicologo. Premetto di avere avuto una ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.