Varie

La Cleptomania

24 Ottobre 2011

Condividi su:

Cos'è la cleptomania?
Nella famiglia dei disturbi degli impulsi rientra la cleptomania, un disturbo emotivo contrassegnato dal desiderio irrefrenabile di compiere atti illeciti o socialmente condannati. Tale disturbo è definito "dalla frequente incapacità di trattenersi dall'impulso di appropriarsi di oggetti che non hanno commercialmente valore o personale utilità". Parliamo di un disturbo psicologico piuttosto raro (con una percentuale stimata dall' 1 all' 8%), che coinvolge perlopiù adolescenti e donne; può dare adito a problematiche legali, familiari e personali.

Il più delle volte sono le ragazze con sofferto “shopping compulsivo” ad essere altresì cleptomani. Ambedue i disturbi presentano fondamentalmente l’intenso e inarrestabile necessità di prendere. La cleptomania si esplicita anche in concorso con altri disturbi: anoressia, bulimia, abuso di alcol e droghe.

Concretamente il furto non è commesso né per rivalsa, né per collera né a seguito di un’allucinazione o di un vaneggiamento ma più semplicemente per l'incapacità di controllare un impulso pressante e irrimandabile. Solitamente gli oggetti sottratti hanno uno scadente valore per il soggetto che spesso li passa a qualcun altro o addirittura se ne sbarazza buttandoli via. Più difficilmente li conserva per poi restituirli senza che nessuno se ne accorga.

Il gesto di rubare è anticipato da una inquietudine crescente associata ad eccitazione, appagamento e alleviamento successivamente al furto. Il cleptomane è consapevole della sconsideratezza dell'azione che sta per eseguire, con la conseguenza di cadere in una condizione depressiva fortificata da un notevole senso di colpa.

Cosa nasconde
A parere di una teoria psichiatrica, la cleptomania è una condizione ossessiva del pensiero, poiché l'idea del furto e della sua attuazione penetra e si diffonde nella mente, ostacolando ogni altro tipo di funzione mentale.

In un quadro psicoanalitico, il furto occorre ad equilibrare stati d'oppressione e depressione causate da una subconscia sensazione di colpa: il cleptomane diventerebbe in tal modo un "criminale per il senso di colpa". La finalità del furto è quindi il castigo, l’avvilimento e l'umiliazione.

Come superarla
Per sconfiggere questo disturbo occorre avere la volontà e la voglia di farlo. Bisogna richiedere l’aiuto ad uno psicologo per comprenderne l’ origine del disturbo. Il traguardo è equilibrare e fortificare la gradazione dell'umore del soggetto, che si può raggiungere a seconda dei casi, mediante la psicoterapia, l’assunzione di farmaci o con la combinazione di ambedue gli strumenti.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Domande e risposte

Come recupero il rapporto con genitori settantenni?

Ho 28 anni (fra poco), una forte guida interiore ma una sorta di timore latente nei confronti di ...

2 risposte
Madre troppo invadente

Salve, sono una donna di 50, serenamente sposata da 20 anni con 2 figli e una buona posizione lavora ...

7 risposte
Mi sento intrappolata

Ciao, ho 23 anni, a novembre 24 e mi sento intrappolata in una vita non mia. Mi ritrovo in un ambie ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.