Varie

La Cleptomania

Condividi su:

Cos'è la cleptomania?
Nella famiglia dei disturbi degli impulsi rientra la cleptomania, un disturbo emotivo contrassegnato dal desiderio irrefrenabile di compiere atti illeciti o socialmente condannati. Tale disturbo è definito "dalla frequente incapacità di trattenersi dall'impulso di appropriarsi di oggetti che non hanno commercialmente valore o personale utilità". Parliamo di un disturbo psicologico piuttosto raro (con una percentuale stimata dall' 1 all' 8%), che coinvolge perlopiù adolescenti e donne; può dare adito a problematiche legali, familiari e personali.

Il più delle volte sono le ragazze con sofferto “shopping compulsivo” ad essere altresì cleptomani. Ambedue i disturbi presentano fondamentalmente l’intenso e inarrestabile necessità di prendere. La cleptomania si esplicita anche in concorso con altri disturbi: anoressia, bulimia, abuso di alcol e droghe.

Concretamente il furto non è commesso né per rivalsa, né per collera né a seguito di un’allucinazione o di un vaneggiamento ma più semplicemente per l'incapacità di controllare un impulso pressante e irrimandabile. Solitamente gli oggetti sottratti hanno uno scadente valore per il soggetto che spesso li passa a qualcun altro o addirittura se ne sbarazza buttandoli via. Più difficilmente li conserva per poi restituirli senza che nessuno se ne accorga.

Il gesto di rubare è anticipato da una inquietudine crescente associata ad eccitazione, appagamento e alleviamento successivamente al furto. Il cleptomane è consapevole della sconsideratezza dell'azione che sta per eseguire, con la conseguenza di cadere in una condizione depressiva fortificata da un notevole senso di colpa.

Cosa nasconde
A parere di una teoria psichiatrica, la cleptomania è una condizione ossessiva del pensiero, poiché l'idea del furto e della sua attuazione penetra e si diffonde nella mente, ostacolando ogni altro tipo di funzione mentale.

In un quadro psicoanalitico, il furto occorre ad equilibrare stati d'oppressione e depressione causate da una subconscia sensazione di colpa: il cleptomane diventerebbe in tal modo un "criminale per il senso di colpa". La finalità del furto è quindi il castigo, l’avvilimento e l'umiliazione.

Come superarla
Per sconfiggere questo disturbo occorre avere la volontà e la voglia di farlo. Bisogna richiedere l’aiuto ad uno psicologo per comprenderne l’ origine del disturbo. Il traguardo è equilibrare e fortificare la gradazione dell'umore del soggetto, che si può raggiungere a seconda dei casi, mediante la psicoterapia, l’assunzione di farmaci o con la combinazione di ambedue gli strumenti.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Domande e risposte

Come comportarmi con un figlio adulto ,il quale dicembre di amarmi ,ma non verrà per Natale

Non so come comportarmi con mio figli9 di 45 anni. Un uomo sensibile, affettuoso che dice di amarmi ...

4 risposte
Come gestisco la enuresi secondaria diurna e notturna?

Buona sera, mia figlia ha tre anni e mezzo; a due anni ha tolto il pannolino di giorno e sei mesi ...

3 risposte
NON MANGIA ALL'ASILO

Buongiorno, mi rivolgo a Voi perchè non so più come comportarmi. Mio figlio non &egrav ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.